Mazzarri: “Spirito di squadra e generosità”

1
23

"Denis se sta bene gioca, Santacroce è guarito è sarà tra i convocati"
Alla vigilia della trasferta di Bari con gli azzurri in piena emergenza per le tante assenze, il tecnico del Napoli Walter Mazzarri ha rilasciato alcune dichiarazioni riportate sul sito ufficiale del club: "Beh, avremo tante assenze e questo bisogna anche un pochino considerarlo. Però per me non ci sono mai alibi. Sarà l’occasione per gli uomini della rosa di dimostrarmi il loro valore e che magari in passato ho sbagliato a tenere qualcuno fuori. Ci sono tante incognite ma la squadra ha lavorato bene in settimana e sono fiducioso. Ci vorrà grande lucidità. I nostri meccanismi di gioco, al di là di chi va in campo, non devono assolutamente cambiare. Dovremo essere bravi e compatti per limitare il Bari ma allo stesso tempo dovremo essere noi a spingere. I ragazzi sanno cosa voglio, lavoriamo settimanalmente su certi accorgimenti tattici e tutti sanno come interpretarli durante la partita. La mia mentalità è quella di provare a vincere sempre. Io non gioco per pareggiare, è la mia indole. Dico sempre ai ragazzi che l’idea deve essere quella, in casa o fuori casa. Non guardiamo gli spalti, pensiamo solo al rettangolo di gioco, si gioca undici contro undici".

Ha sempre avuto belle parole per il Bari in passato…
"Sì, il Bari gioca un calcio bello, si vede che c’è la mano dell’allenatore, hanno un’organizzazione tattica buonissima, giocano a memoria e con grande velocità. Credo che sotto il profilo del gioco il Bari sia la vera rivelazione del campionato. Dovremo approcciare alla partita con spirito di squadra, generosità ed equilibrio. Questo è un campionato equilibrato, ci sono sempre risultati altalenanti, non ci sono partite scontate e lo abbiamo visto anche con il Parma. Da quando ci sono i 3 punti due vittorie ti fanno salire in alto e due sconfitte ti fanno scivolare. Spero che l’esperienza del match con il Parma ci sia servita proprio in ottica delle ultime 5 gare".

In attacco tornerà il Tanque?
"Anche per Denis stiamo verificando la condizione perché viene da un infortunio, ma le sensazioni sono positive. Se sta bene lo faccio giocare certamente. Ha dimostrato in passato di essere importante per la squadra. Può ricoprire più ruoli in attacco e può anche interscambiarsi con Lavezzi sul fronte offensivo. A me interessa che la squadra giochi. Io lavoro affinchè possano segnare tutti, mi interessa il gioco di squadra. Poi chi fa gol mi interessa relativamente"

Ci sarà anche il debutto di Santacroce nell’Era Mazzarri?
"Santacroce è guarito, sta bene, ha giocato 90 minuti in Primavera e sarà tra i convocati. Poi vedremo se impiegarlo, domani deciderò. E’ un giocatore che ho sempre detto mi piaceva tanto anche quando guardavo il Napoli da lontano. Spero che torni presto al top ma è anche evidente che quando non si gioca da tanto tempo, qualche incognita c’è".

Ha sentito il Presidente, che opinioni vi siete scambiati?
"Il Presidente è contento di come si esprime la squadra. E’ una persona trasparente, pulita, fuori da certi meccanismi. E’ un uomo che può far il bene del calcio italiano affinchè si possa migliorare l’ambiente non solo del Napoli ma di tutto il panorama nazionale".

Mister, questo Napoli meriterebbe l’Europa?
"Per quel che posso dire sotto l’aspetto strettamente tecnico, le statistiche dicono che abbiamo sempre un possesso palla superiore all’avversario. Per me questo è un valore aggiunto. Poi ci è capitato in determinati periodi della stagione di creare tanto e concretizzare poco. Però le prestazioni sono state quasi sempre buone. Abbiamo anche rischiato tanto per vincere le partite e questo depone a favore della mentalità propositiva dei ragazzi. Col tempo, maturando, questa squadra saprà ottimizzare il proprio valore. Io voglio che fino all’ultimo minuto si arrivi al massimo. Il massimo però non so qual è. Ci sono quindici punti in palio e cercheremo di prenderne quanti più sarà possibile. Domani c’è un’altra tappa fondamentale e pensiamo solo a quella".

Redazione NapoliSoccer.NET – Intervista tratta da sscnapoli.it

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO