Lavezzi fa cantare Napoli ‘o surdato ‘nnammurat

0
97

Notti magiche cantava Gianna Nannini, ‘o surdato nnammurat canta il popolo azzurro. Napoli bello di notte, che stupisce, diverte, con un Lavezzi che sale in cattedra e fa viola il team di Prandelli. Il Pocho illumina il San Paolo, in un primo tempo dove gli azzurri hanno praticamente messo in ginocchio Mutu e co. Brava la squadra del Napoli a giocare in modo spregiudicato, ma attenta allo stesso tempo a non lasciare praterie agli ospiti. La difesa si è comportata alla grande, nessuna sbavatura questa volta, bisogna dirlo, Santacroce ormai è diventato ancor più autorevole, il leoncino d Bahia, ci ha messo poco a diventare beniamino della torcida azzurra. Cannavaro in evidente crescita dopo qualche ultima prestazione buia, Mannini sulla fascia, per quanto concerne la prima frazione di gioco sembra essersi "dopato" con le cassette di Cristiano Ronaldo. Macina chilometri sulla corsia esterna ed è proprio quest’ultimo a servire sul piatto d’argento il tapin vincente al pocholoco Lavezzi, che è in serata di grazia. L’argentino è icona di questo Napoli che è bello e sa giocare a calcio, l’ex elettricista nella sua seconda realizzazione manda letteralmente in corto circuito Frey, bolide di controbalzo, colpo classico del campioncino argentino. Calaiò fa la sua partita ed esce giustamente tra gli applausi, l’arciere ha ancora bisogno di continuità, sarò petulante ma mi auguro che Reja gli dia la giusta tranquillità per  regalargli un sereno finale di stagione. Bravo Napoli, bravo Lavezzi.

Umberto Russo



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here