Marino: “Il Napoli non abbandona le piste Pazzini e Palombo”

1
60

La settimana scorsa vi avevo chiesto di esprimere il vostro eventuale gradimento circa la possibilità di dedicare qualche puntata del "Calcio SottoMarino" all’esposizione dei meccanismi che sono alla base dell’allestimento di una squadra (strategia di budget e pianificazione dello stesso attraverso la campagna acquisti). Desidero, quindi, ringraziarvi per l’ondata di mail con cui mi avete sommerso, che ha dato ulteriore da fare alla redazione di TMW. I vostri messaggi provengono da tutta Italia, ma la maggior parte di essi, sono di tifosi del Napoli e della Juventus, i quali sono stati particolarmente prodighi di elogi e di attestati di stima nei miei confronti, di questo ne sono particolarmente grato. Grazie a tutti, comunque. Nei prossimi giorni, chiederò aiuto alla redazione di TMW per rispondere a ciascuno ed in particolare a chi mi ha posto dei quesiti. E’ chiaro, che la vostra passione per il football è come un impulso irrefrenabile che vi spinge a volerne sapere sempre di più. Per questo mi avete manifestato il desiderio di approfondire la vostra conoscenza del calcio, anche attraverso la scoperta e l’apprendimento di quei meccanismi tecnici ed amministrativi che rendono possibile l’allestimento di una squadra professionistica. Desidero riferirvi, quindi, di aver preso i primi contatti con il direttore Michele Criscitiello per tentare di accontentarvi al più presto, con una o più edizioni speciali del "Calcio SottoMarino". La lotta per lo Scudetto, improvvisamente e prepotentemente riapertasi, grazie alle imprese della Roma di Ranieri, logicamente ed inevitabilmente, distrae dal mercato la Triade di squadre che è in essa coinvolta. Inter, Roma e Milan, avevano cominciato già da più di un mese a muoversi disinvoltamente, per programmare il prossimo calciomercato. Invece, ora, sono, giocoforza, costrette a fermarsi o ad agire lentamente e con circospezione, preoccupandosi fortemente di non provocare dei rumors tali da turbare i delicati equilibri delle loro squadre, e, conseguentemente, compromettere irreparabilmente la volata Scudetto. La settimana scorsa vi abbiamo anche riferito di come la lotta per la quarta posizione di classifica, utile per mantenere in vita la possibilità di qualificarsi in Champions League, condizioni i budget di campagna acquisti di Palermo, Juventus, Napoli e Fiorentina. Ne consegue che anche questi quattro club si sono praticamente fermati sul mercato. E’ bello, così, che, finalmente, il campiona to di Serie A, grazie alla splendida incertezza creatasi in classifica, come non avveniva da anni, si riprenda, in questo periodo, il ruolo di protagonista, rispedendo il mercato ai suoi tempi più appropriati. In questi giorni, non si percepiscono più fra i dirigenti e gli operatori quel fermento e quella frenesia che avevano animato i giorni in cui la Serie A sembrava avere messo in anticipo i suoi verdetti più importanti. La lotta per lo Scudetto e per la Champions frena il mercato, ma l’Inter, la Juve, il Napoli e la Fiorentina non si fermano. Kjaer, Matri, Floccari e Di Natale gli oggetti del desiderioTuttavia, anche a costo di indossare la tuta mimetica, i dirigenti continuano il lavoro intrapreso, esclusivamente, su quelle operazioni, di cui vi abbiamo riferito in anticipo nelle puntate precedenti e che debbono essere soltanto definite.Nei prossimi giorni, infatti, la Juventus avrà una serie importante di incontri per il palermitano Kjaer. L’Inter, da parte sua, continuerà a tessere la tela insieme al Bari ed al Genoa per Ranocchia e per il futuro (2 anni) controllo di Bonucci. Il Napoli proseguirà i contatti con Marotta e con il procuratore di Pazzini e Palombo. La Fiorentina, per il dopo Gilardino, continuerà a pensare a Matri, coltivando, magari, come alternativa la pista che porta a Floccari (gradito a Delneri), in attesa di dare l’assalto a Di Natale. Per concludere, ritorniamo sulla vicenda Prandelli: la Juventus, dopo aver perso molto tempo con Rafa Benitez (ha scelto di andare in Spagna), ora è decisa ed è pronta a concludere con il tecnico viola. Se non lo farà in fretta, tra qualche tempo, potrebbe trovare sul buon Cesare, la sgradita concorrenza dell’Inter (orfana di Mourinho?). Così il campionato più bello degli utimi anni imperversa, ma i sussurri, le voci e gli spifferi si attenuano, ma non si placano mai.

Redazione NapoliSoccer.NET fonte: tmw



1 COMMENTO

  1. Però, caro Marino, se ti sta ancora a cuore il Napoli non c’è motivo che sveli i piani di mercato, sai meglio di tutti come funziona il calciomercato. Piuttosto depista come hai sempre fatto quando eri il nostro SottoMarino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here