GAME OVER: Napoli-Juventus, il giorno dopo. L’analisi di mister Iacobelli

0
11

Nuovo appuntamento con "GAME OVER", la rubrica settimanale di approfondimento ed analisi sull’ultima gara di campionato, curata da mister Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET.
Un quotidiano sportivo, riferendosi al match di ieri sera, ha intitolato la prima pagina: “Notte magica”. E come dargli torto? E’ stata la notte magica del Napoli e di Napoli, di undici gladiatori scesi in campo con il supporto di un’intera città. E’ stata la notte di Fabio Quagliarella: assist, gol e tanta voglia di tornare protagonista.
Mazzarri ripropone la fase offensiva con Lavezzi unica punta, supportato da Hamsik e Quagliarella che hanno il compito di accentrarsi per costringere Zebina e Grosso a seguirli, permettendo dunque gli inserimenti di Zuniga e Maggio (partiti molto larghi). A loro volta Camoranesi, Marchisio e il neo-entrato Candreva sono stati obbligati dai due esterni azzurri nella fase difensiva, senza possibilità di contrattaccare. Zaccheroni, di contro, un po’ a sorpresa, lascia in panchina Diego e rilancia in attacco la coppia dello scorso campionato Amauri-Del Piero. Ne viene fuori un brutto primo tempo ravvivato solo dalla rete di Chiellini sull’errore di Paolo Cannavaro. Bianconeri in vantaggio e squadre negli spogliatoi.
Ma è proprio qui che il Napoli ha vinto la partita perché, al di là degli aspetti tecnico-tattici (dove noi allenatori italiani, grazie alla scuola di Coverciano, siamo fra i più preparati), contano soprattutto le motivazioni e la tenacia. Mazzarri deve aver toccato le corde giuste per stimolare nei suoi giocatori l’orgoglio partenopeo al cospetto di una rivale storica. La Juve, invece, rimane negli spogliatoi.
Bastano trenta secondi dall’inizio della ripresa e già appare chiaro che la musica in campo è cambiata. Infatti, il Napoli beneficia di un calcio di rigore, ma Hamsik spara sulla traversa. Poco male perché il Napoli è ormai padrone della partita grazie alla grinta e alla determinazione; le stesse qualità che impiega Quagliarella per recuperare la palla su Camoranesi, cross per Marekiaro e 1-1. E così alla fine, con i gol di Quagliarella e del Pocho Lavezzi (grande nel ruolo di prima punta), è l’apoteosi azzurra.
Finisco questo mio commento facendo un applauso ai tifosi del Napoli, soprattutto a quelli che hanno esposto lo striscione: “Noi ci crediamo”.

Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET

PUBBLICAZIONE PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: NAPOLISOCCER.NET

Condividi
Articolo precedenteRecord spettatori per 30° turno di campionato. Napoli al secondo posto
Prossimo articoloSavino: “Giocando così si arriva lontano”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LASCIA UN COMMENTO