Bigon: “Grande gioia battere la Juve, ma ora c’è subito il Catania. Mercato? Valutiamo delle ipotesi italiane”

5
35

Una gioia da assaporare anche per qualche ora. Juve sconfitta e Napoli che torna in orbita. Ma Riccardo Bigon resta con i piedi per terra: “Sicuramente i risultati di mercoledì sono stati favorevoli, poi noi abbiamo vinto e abbiamo sfruttato la situazione. Adesso – però – c’è il Catania, questa è la nostra esigenza”. E i rischi ci sono tutti: “La carica nervosa e mentale dopo una gara come la Juventus ti consuma addirittura, dobbiamo ritrovare la giusta concentrazione”. E andare avanti: “Non sappiamo se la vittoria con i bianconeri rappresenti la svolta, dipenderà molto da domenica”. La flessione – comunque – sembra alle spalle: “C’è stato un calo fisiologico dopo la tirata che abbiamo fatto per recuperare il gap della partenza. Comunque questi due mesi li abbiamo vissuti con la serenità di una squadra che lavorava bene. L’intensità e le prestazioni ci sono sempre state, siamo stati anche sfortunati”. Poi finalmente il Napoli si sblocca. Tre punti con la Juve e il sesto posto in classifica che torna realtà: “L’importante è restare agganciati al treno fino all’ultimo momento. Siamo lì e cerchiamo di restarci il più possibile. Abbiamo consapevolezza nei nostri mezzi. Possiamo mettere in difficoltà chiunque se giochiamo con intensità. Ieri c’è stata la settima rimonta, questo è stato il nostro dna”. Si sono sbloccati pure gli attaccanti. Quagliarella è stato finalmente protagonista e ha rispedito al mittente le critiche ricevute: “Vuol dire che ci tiene e non si fa scivolare nulla addosso. E’ tornato in forma, si sta allenando benissimo e fa la differenza”. Come tutto il Napoli. “Vogliamo sempre competere con le grandi senza dimenticare però la nostra dimensione. Non abbiamo certamente il target economico di Inter e Milan”. Ma sul mercato, si cercherà di essere protagonisti: “Due o tre ritocchi, questa squadra è buona, basta poco per migliorarla”. Un attaccante, un centrocampista e un difensore. “Monitoriamo varie ipotesi, varie soluzioni, abbiamo una lista di cinque o sei giocatori per ruolo. Il mio serbatoio di riferimento è l’Italia, ma guardiamo anche fuori. Dal Sudamerica, ho sempre pescato bene. Da quando siamo arrivati, abbiamo messo in piedi una struttura di scouting, tra qualche giorno la ufficializzeremo. Si lavora proprio per questo, dormiamo poco. Gli svincolati? E’ una possibilità da poter sfruttare. Vedremo. Ci sono abituato, sto nel calcio praticamente da sempre, pensate che la festa della mia Prima Comunione l’ho fatta a Milanello”. Inutile tentarlo sui nomi: “Borriello, Pazzini o Gilardino? Dico Marco perché lo conosco ed è napoletano. Ma è impossibile”. E se dovesse scegliere tre big? “Messi, Lampard e Samuel”. Qualche campione c’è anche qua. E Bigon li ha blindati: “Lavezzi e Gargano hanno dimostrato la voglia di restare, è stato facile trovare l’accordo. Sono soddisfatto delle due operazioni”.
 

Fonte: Radio Marte Stereo



5 Commenti

  1. Se non liberalizzano i diritti di immagine, sarà difficileche prendano i campioni che fanno la differenza. Prenderanno perciò solo delle promesse, come ha fatto Marino per 5 anni. Saranno più bravi di Marino?
    Vedremo.
    FORZA NAPOLI SEMPRE

  2. …….bravo osco..pienamente d’ accordo, ma se esprimi dei concetti che un certo tipo di tifoso, non vuole sentire, allora sei una seccia…!! sono curioso, per il prossimo anno, che fine faranno i vari, hamsik lavezzi,etc etc

  3. D’accordo con OSCO, ma dobbiamo cercare di prenderli altrimenti la squadra per la Champions stabile in 5 anni come la facciamo?Comunque siamo in risalita, me ne ero accorto dalla partita contro la Fiorentina, poi con il Milan e ora la consacrazione!Ieri siamo stati impeccabili, ora sotto con il Catania!FORZA NAPOLI

  4. bravo osco, io sto portando avanti questa guerra dei diritti di immagine da 2 anni ma mi fa piacere che ci sia qualcuno che la pensa come me…..i calciatori sono dei mercenari ma non ne faccio una colpa anche perche’ e’ il mondo calcio che li ha portati a questo e quindi giusto lasciarli liberi di gestire la propria immagine se no in champion , seppure ci andremo, ci rimarremo un solo turno in quanto i campioni a napoli non ci vengono.
    Cominciamo a costruire un settore giovanile tipo quelo roma e milan……….in alternativa………

  5. Bigon adesso non dobbiamo parlare di mercato ma dobbiamo pensare solo a concludere bene questo campionato se no i calciatori si distolgono dalle voci di vendite e aquisti .Ogni qual volta che il Napoli riparte alla grande certa stampa incomincia a mettere in giro voci di arrivi e partenze perciò tenimm nu poc’ o e cazzimmm’ ! ! !

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here