Domizzi: “Il ciclo terribile inizia ora”

0
44

La Juventus appartiene al passato; deve essere dimenticata, ma è difficile, perché la ferita di quella rete presa nel finale, è fresca e brucia ancora. L’infrasettimanale contro la Fiorentina, però, offre una bella e immediata occasione di riscatto al termine del ciclo terribile (Inter, Roma, Juventus e, oggi, i viola di Prandelli): «No, non è così. Il ciclo terribile non finisce oggi. Anzi, oggi comincia…». Maurizio Domizzi contraddice senza spocchia, lo fa con un sorriso che nasconde la tensione di un gruppo in cerca di conferme: «Parte adesso lo sprint che ci porterà alla fine della stagione. Abbiamo il dovere di concentrarci, di arrivare presto al nostro traguardo che è la salvezza. E ogni avversario sarà difficile. In questo momento della stagione la differenza tra la Juventus e la Reggina è sottilissima…». Il difensore continua ad essere inseguito dalle voci di mercato. Si dice che Domizzi sia pronto ad andare via, si dice che il suo futuro sia lontano da Napoli: «Si dicono tante cose. A giugno dell’anno scorso ci fu un avvicinamento di Fiorentina e Roma e io ho deciso di rimanere, di proseguire nell’avventura in azzurro. A fine anno, se arriveranno proposte ne parleremo con la società, ma per adesso non voglio pensare a quel che accadrà, sono concentrato solo sul Napoli». Pierpaolo Marino ascolta e interviene per precisare un tema di mercato al quale tiene particolarmente: «Non mi sono arrivate proposte della Roma né della Fiorentina a giugno dell’anno scorso. Ma anche se fossero arrivate, io avrei avuto solo una risposta: Domizzi è incedibile». Iniezioni di fiducia per il calciatore azzurro, testimonianze di affetto e di stima, che dopo la scoppola con la Juve e alla vigilia del match contro la Fiorentina, servono tanto: «Mica sarà una partita facile? La Fiorentina arriva a Napoli gasata per i risultati di campionato, per la coppa Uefa, pronta a prendersi altri punti che le serviranno per rimanere nelle zone alte. È una squadra dalle grandi capacità e merita rispetto. Anche noi, però, non scherziamo. E soprattutto abbiamo gran bisogno di punti». Sorride Gennaro Iezzo che è lì vicino e, anche se non prenderà parte alla gara, soffrirà guardando i compagni: «Sono quasi guarito, dalla prossima settimana, tornerò a disposizione di Reja e sono pronto a dare una mano per lo sprint finale». Il portiere ha subito un intervento al ginocchio all’inizio di febbraio, non ha giocato nemmeno una gara del girone di ritorno e ha una gran voglia di tornare sul prato: «Però devo fare i miei complimenti a Gianello che ha risposto perfettamente dopo essere stato lanciato nella mischia all’improvviso. Navarro? L’ho visto poco, mi sembra molto bravo, sotto la guida del preparatore Facciolo riuscirà a fare grandi cose».

 

Il Mattino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here