Rinaudo: “Vorrei raggiungere qualcosa di eccezionale col Napoli”

0
20

"Quello che ti dà Napoli non te lo sa dare nessuno". Quella di Leandro Rinaudo è una dichiarazione d’amore, sincera, spontanea come è nel suo carattere cristallino. Nato a Palermo ma adottato dalla nostra città come figlio naturale, Leo sta dimostrando il suo attaccamento alla maglia azzurra…

Con la Roma sei stato tra i migliori. Ogni volta che vai in campo lasci il segno…
"Sì, sono contento soprattutto perché alla fine siamo riusciti a rimontare una partita che onestamente avremmo anche meritato di vincere. Personalmente cerco sempre si farmi trovare pronto ed ogni occasione è importante per dimostrare che ci sono".

Hai anche dato l’assist gol a Denis…
"Ho avuto la possibilità di sganciarmi come spesso mi indica il mister. Mazzarri vuole che anche in fase passiva andiamo a pressare gli attaccanti avversari. Ho aggredito Vucinic, sono riuscito a portar su la palla e poi ho visto German ben piazzato. Più dell’assist sono contento che Denis l’abbia messa dentro perché è stato il gol che ha avviato la rimonta. E poi ho esultato tantissimo al pareggio di Marek. E’ stata una grande prova di maturità la nostra".

Come ti trovi con Mazzarri?
"Il rapporto è ottimo e sincero. Io dico sempre che con la verità si può anche sfidare il cielo. Mazzarri da quando è arrivato ci ha detto chiaramente che siamo tutti uguali e tutti importanti. Ci sentiamo tutti titolari e questa è la filosofia vincente che ci fa essere carichi in igni incontro. Con la voglia di giocare e l’umiltà di sentirsi parte del gruppo si può arrivare lontano".

Domenica c’è il Bologna, squadra in gran forma…

"Io penso che nel campionato italiano non esistano gerarchie. Ogni domenica mi dimentico il nome dell’avversario perché per come la penso io tutte le partite sono difficilissime. Il Bologna è lanciatissimo ed onestamente credo che avremo ancor più difficoltà rispetto alle gare con Roma e Inter. Non dico che sarà un match fondamentale ma certamente molto importante".

Leo, sei uno dei ragazzi più candidi e ben voluti nello spogliatoio. Tu puoi dirlo: quanto ci credete all’Europa?
"Onestamente ci crediamo, ma siamo anche coscienti che c’è grande concorrenza, mai come quest’anno. Io ritengo che le prime 4 posizioni siano difficili da attaccare, poi però subito dietro ci siamo noi ed un gruppetto di 4-5 squadre che lotteranno fino alla fine. Io ci credo e sogno un traguardo eccezionale. Napoli se lo meriterebbe davvero. Vorrei davvero festeggiare in mezzo a questa splendida gente un obiettivo importante".

Redazione Napolisoccer.NET – Fonte: sscnapoli.it

Condividi
Articolo precedenteNapoli Fiorentina: parte la caccia al biglietto
Prossimo articoloColtelli e molotov: viaggio nella delinquenza ultrà
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LASCIA UN COMMENTO