De Sisti (ex Allenatore): “Napoli-Roma si deciderà a centrocampo”

0
9

Nel corso di "Amore… Azzurro", programma sportivo in onda tutti i sabato su Radio Amore, è intervenuto l’ex centrocampista giallorosso, Giancarlo De Sisti. Ecco alcuni passaggi dell’intervista: “Cosa penso di Mourinho? E’ sempre difficile vincere, ma certo farlo con una squadra come l’Inter è più agevole. Da allenatore ero molto diverso da Mourinho? Ognuno ha il suo carattere. Io non ho mai anteposto il mio interesse a quello del gruppo e non ho mai inveito contro nessuno. Il portoghese ha dei modi su cui potremmo discutere, ma mi ripeto ognuno ha il suo carattere. Napoli-Roma? E’ una partita aperta. L’assenza di Lavezzi ha tolto creatività e destrezza in fase offensiva al Napoli e per questo nelle ultime partite si è inceppato qualcosa. A Roma, invece, dopo l’addio di Spalletti sembrava che il calcio non esistesse più. Invece, Ranieri sta facendo molto bene, ma nell’economia di questa grandissima galoppata potrebbe pesare il contraccolpo dovuto all’eliminazione dall’Europa League. Dove si deciderà la partita? Credo come sempre in mezzo al campo, perché in quella zona si creano le premesse per pressare gli avversari, far ripartire la manovra e filtrare le controffensive avversarie. La Roma soffre i cali di concentrazione? Non m sentirei di addossare delle responsabilità a Ranieri che ha ricompattato tutto l’apparato difensivo romanista ed ha risistemato la retroguardia giallorossa, perfino, sulle palle inattive. Oltretutto, spesso negli ultimi minuti la Roma ha anche vinto delle partite che, forse, non avrebbe meritato di vincere. Il problema semmai è generale. Bisognerebbe ritornare alla marcatura ad uomo sui calci piazzati, ma spesso nel calcio moderno ciò non avviene. L’assenza di Pizarro potrebbe pesare? Il cileno è l’unico nella Roma a rallentare i ritmi quando necessario. Forse, talvolta fa qualche finta di troppo, ma è sempre lui a dettare i ritmi della manovra romanista. In giro non ci sono molti giocatori con le sue caratteristiche e l’assenza del cileno potrebbe pesare. Non avendo Pizarro, la Roma dovrà necessariamente cambiare sistema di controllo dell’avversario in mezzo al campo e le ripartenze a centrocampo. La posizione di Gargano e Pazienza potrebbe arginare i trequartisti giallorossi? Nel calcio non conta quale formula si adotta, l’importante è mantenere certi equilibri, se Mazzarri ha puntato su due frangiflutti davanti al trio difensivo, evidentemente, avrà individuato questa necessità”.

Redazione Napolisoccer.NET – Fonte: Redazione Sportiva Radio Amore Campania.
 

Condividi
Articolo precedenteGraziani (ex Roma): “Napoli-Roma? Auguriamoci che sia una bellissima partita”
Prossimo articoloFerrario (ex Napoli): “Il Napoli deve credere alla champions”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LASCIA UN COMMENTO