Tutti i numeri della ventiseiesima

1
24

La ventiseiesima di campionato si apre con la sfida tra Catania e Bari. Otto punti dividono le due formazioni, il Catania partito malissimo ha, nelle ultime dieci partite, guadagnato quindici punti. Discorso inverso per il Bari, i pugliesi erano partiti di gran carriera, ma tre sconfitte nelle ultime tre gare rendono il bottino (sono trentadue i punti in classifica) della squadra di Ventura poco rassicurante, si aggiunga che la difesa barese ha incassato sei reti nelle ultime tre partite e segnato solo un goal.
LazioFiorentina è l’anticipo serale di oggi. La Lazio è sedicesima in classifica con venticinque punti, sono trentaquattro quelli della Fiorentina. Nelle ultime quattro partite entrambe hanno totalizzato quattro punti.
Il Chievo ospita il Cagliari reduce dalla sconfitta nel recupero infrasettimanale ad opera dell’Udinese. Sono trentadue i punti dei clivensi, mentre gli isolani hanno trentotto punti, e sperano di poter insidiare i quaranta del trio Napoli, Palermo, Sampdoria, che potrebbero rappresentare un virtuale accesso alla zona Europa League. Otto sono i punti che il Cagliari ha totalizzato nelle ultime cinque gare, cinque quelli del Chievo.
Sono dieci i punti che dividono Genoa e Bologna, trentotto quelli dei grifoni, ventotto quelli dei rossoblu. Il Genoa sembra in ripresa, ha infatti accumulato dieci punti nelle ultime cinque gare, otto sono i punti dei bolognesi nello stesso periodo. Quarto migliore attacco del campionato (quarantuno reti) e seconda peggior difesa della stagione (trentanove reti, peggio ha fatto solo il Siena), il Genoa, che in casa ha totalizzato trenta dei suoi trentotto punti; sono invece nove le reti in campo avverso segnate dal Bologna, che in trasferta ha guadagnato dieci dei suoi ventotto punti.
Sfida intrigante è il derby tra Livorno e Siena, che vede due squadre in lotta per non retrocedere. Il Livorno è terzultimo a ventitre punti, sono diciassette invece i punti del Siena ultimo in classifica. Peggiore attacco del campionato (il Livorno, solo sedici reti segnate) contro la peggiore difesa (il Siena con quarantasei reti subite). Una curiosità, il Siena non ha ancora mai pareggiato in trasferta, dieci le sconfitte subite fuori casa e due vittorie esterne.
Altro derby regionale è MilanAtalanta. La squadra rossonera con la vittoria nel recupero infrasettimanale si è portata a cinquantuno punti, a quattro lunghezze dall’Inter scavalcando la Roma di un punto. L’Atalanta con Bortolo Mutti allenatore ha totalizzato otto punti in sette gare, erano tredici in diciotto partite quelli accumulati dai suoi predecessori; risultati migliori, quindi, ma che non cambiano la situazione di classifica, l’Atalanta era penultima alla diciottesima con tredici punti, lo è ancora con ventuno, tre punti la dividevano dalla virtuale salvezza (che all’epoca erano i sedici del Bologna) e tre punti di distacco ci sono oggi (i ventiquattro dal Catania).
La partitissima della domenica è la sfida NapoliRoma. Un po’ in calo le prestazioni dei partenopei che non vincono da quattro giornate, molto bene la Roma che non perde da quindici gare (era il primo novembre 2009) ed ha sempre vinto nelle ultime sette partite incassando solo tre goal e segnandone quattordici. Ma il Napoli al San Paolo non ha mai perso, in questa stagione (sei vittorie e sei pari) subendo sette goal in dodici gare. Sono cinquanta i punti della Roma che le valgono il terzo posto, ad un punto dal Milan ed a cinque dall’Inter. Quaranta sono invece i punti del Napoli.
Il Parma, sorpresa della prima parte della stagione, delusione del girone di ritorno, ospita la Sampdoria. Dieci punti dividono le due squadre, ai quaranta della Samp, si oppongono i trenta del Parma. Alla fine del girone di andata le squadre erano divise da due punti, ventotto per i parmensi, ventisei per i doriani, allora in crisi di gioco e di identità. Nelle  sei partite disputate finora del girone di ritorno, però, i genovesi hanno accumulato quattordici punti, i ducali solo due. Il Parma ha, nel giorno di ritorno, segnato solo due reti e subito dieci goal in sei partite, dilapidando un credito di punti notevole che, continuasse così, potrebbero non bastare a salvare la squadra di Guidolin dalla retrocessione.
UdineseInter è il “testa-coda” della settimana. Friulani quindicesimi a ventisette punti, milanesi primi a cinquantacinque. Ma l’Inter non vince da tre settimane (solo tre pareggi). Quella dell’Inter, nove reti, rimane la migliore difesa in trasferta del campionato.
JuventusPalermo è il posticipo domenicale. La Juve con qualche aiutino ha riagganciato il quarto posto, il Palermo farà il possibile per toglierla da quella immeritata posizione. Due vittorie bianconere nelle due ultime gare viziate da (s)viste arbitrali, amnesie sui regolamenti e finte cadute di Del Piero (che con il palleggio di mano sfoderato in Bologna Juventus si candida ad un posto nella nazionale di volley e con il tuffo in Juve Genoa cerca di convincere Cagnotto per le prossime olimpiadi). Aggiungiamo la magnanimità del giudice Tosel nei confronti della squadra Juventina, direi che per oggi basti con i numeri, o cominceremo a darli sul serio.   

Il Tabellino completo:

Catania – Bari, oggi ore 18.00
Lazio – Fiorentina, oggi ore 20.45
Chievo – Cagliari
Genoa – Bologna
Livorno – Siena
Milan – Atalanta
Napoli – Roma
Parma – Sampdoria
Udinese – Inter
Juventus – Palermo, domani ore 20.45

Domenico Infante – Redazione Napolisoccer.NET

 

1 COMMENTO

  1. lazio-fiorentina 1 (coraggio reja)
    genoa-bologna 1 (il bologna ahimè nn potrà far molto contro il genoa)
    parma-sampdora X (sto parma deve pur risvegliarsi contro la sampdoria senza pazzini,cassano e pozzi…)
    udinese-inter 2 (l’inter batterà l’udinese dell’infame di natale)
    juventus-palermo 1(sicuramente del piero dopo il tuffo e il palleggio cercherà di cimentarsi in qualke altro sport,procurandosi qualke altro rigore o facendo segnare qualke suo compagno (vedi candreva)….)

LASCIA UN COMMENTO