Il Capo della Digos di Napoli: “Divieto trasferte? Giusto”

23
36
Trasferte vietate?
Bene così. Mentre l’ipotesi di una decisione drastica da parte dell’Osservatorio, dopo gli arresti di domenica a Udine diventa sempre più concreta, il capo della Digos di Napoli, Antonio Sbordone, ritiene che nelle attuali condizioni le trasferte dei tifosi napoletani non si possano considerare «sicure».

Dottor Sbordone, come accoglie la probabile decisione di bloccare le trasferte?
«La riterrei giusta. Non ci sono ancora le condizioni per poter definire sicure le trasferte dei tifosi napoletani, malgrado tutti i nostri sforzi. La stragrande maggioranza dei tifosi partenopei è composta da persone perbene, ma esiste ancora un gruppo di persone con una carica di violenza incredibile: non soltanto ultras, ma anche quelli che vengono di solito chiamati “cani sciolti”».

Chi sono i tifosi arrestati a Udine?

«Si tratta, almeno per la metà, di persone già conosciute perché coinvolte in episodi analoghi. In parte provengono dalla curva A. Il resto non appartiene a gruppi di tifoseria organizzati. Hanno un’età che va dai 25 ai 30 anni. Per le persone già note, arriverà anche il Daspo».

Gente che va allo stadio solo per fare a botte?
«Non credo molto nella tesi della premeditazione. Questi tifosi vanno alla partita muniti di spranghe e armi varie proprio perché fa parte della loro mentalità. Poi, quando si verifica l’occasione, scatta la violenza. Ovviamente l’occasione può essere anche minima, un banale pretesto. Anche nel caso di Udine, il gruppo di tifosi si è spostato in un modo assolutamente disorganizzato. Arrivato lì, ha colto il primo pretesto per sfogare la propria aggressività».

La situazione è peggiorata?
«Da quando le trasferte sono meno organizzate, non si usano più i treni, e i tifosi si spostano contando spesso e volentieri su mezzi propri, allora anche i controlli diventano più difficili, e i violenti sperano nell’impunità. Nonostante i continui sforzi delle forze dell’ordine, che hanno prodotto numerosi arresti, è ovvio che in una situazione del genere qualcuno possa sempre sfuggire ai controlli».

Un divieto permanente di trasferta non pregiudicherebbe l’immagine dell’intera tifoseria?
«In un periodo nel quale ogni trasferta è rischiosa, non vedo alternative».

 
Fonte:Corriere del Mezzogiorno.

23 Commenti

  1. Il divieto lo trovo non solo ingiusto perchè colpirebbe la stragrande maggioranza dei tifosi che và allo stadio solo per sostenere la squadra ma anche inutile, in quanto un gruppetto di violenti può spostarsi tranquillamente con un furgoncino o auto private recandosi nei pressi dello stadio e fare atti di violenza come accaduto a Udine. Poi perchè queste misure drastiche vengono adottate solo ed esclusivamente nei confronti dei napoletani? Perchè dei 200 romani a Firenze senza biglietto e che hanno scaturito atti di violenza nessuno ne ha parlato e non è stato adottata nessuna misura restrittiva? Poi caro questore, i treni speciali sono stati aboliti dai vari ministri in combutta con le ferrovie dello stato…quindi non venga a dire che i tifosi viaggiano in maniera disorganizzata appunto per sfuggire ai controlli. Poi perchè non assumersi tutti le proprire responsabilità?NESSUNO HA IL CORAGGIO DI DIRE CHE LEGGI PISANU-MARONI, INERENTI AI TORNELLI E AI BIGLIETTI NOMINATIVI SONO STATI UN VERO E PROPRIO FALLIMENTO…infatti la violenza negli stadi non è affatto diminuita come il leghista vuole farci credere,ma solo che si parla esclusivamente quando i protagonisti,purtroppo,sono i napoletani!!!…queste decisioni non sono altro che l’ assist perfetto per le pay-tv…che sono la rovina principale del calcio!!!…..questo calcio mi fa skyfo!

  2. Suggerirei a questo signore di cambiare mestiere! Sa questo signore quanti tifosi del Napoli sparsi per l`Italia ci sono che non possono seguire la squadra causa incapacita`di digos questura ecc. di bloccare sempre i soliti imbecilli! Basta fare il divieto di trasferta! Cosi la digos la domenica la passano tranquilli in famiglia……

  3. Il mio augurio.. è che un pulmino di coglioncelli napoletani parta domenica per esempio per parma… (parma-lazio)… scendano dal pulmino e facciano macelli anche li… poi cosa fanno?????… vietano le trasferte alla lazio???… il provvedimento del divieto di trasferte è la cosa più idiota che possano fare… è l’ammissione più totale della loro inettitudine e disorganizzazione… non ho parole….tra parentesi, il napoli è l’unica società in italia che viene punita per tutto ciò che succede fuori dallo stadio…ma siamo sicuri che questi 4 idioti che fanno ogni tanto danni siano napoletani davvero o forse partono da milano, brescia verona bergamo? credo che di questo passo non seguirò più il calcio e cambio sport:(:(:(

  4. io non ho capito perche’ per una banda di criminali che non ha niente a che vedere con il calcio, debba essere incolpata tutta la tifoseria !!!!! chi le fa’ queste leggi scriteriate !! e’ vergognoso !!! magari un idiota di questi una volta preso ,lo mettono agli arresti domiciliari !!! da ridere !!!! qui sarebbe da carcerarli e buttare le chiavi !!!! la legge non c’e’ piu’ cari amici!!!!!

  5. ma sti divieti li fanno solo a noi !!!!!!!!vuoi vedere ke i tifosi di roma lazio atalanta so diventati tutti bravi !!!!!!
    la verita e ke napoli fa piu notizia !!!!!!!!!
    non ho sentito una notizia degli scontri tra i tifosi della fiorentina e quelli della roma .
    tifosi della roma sono stati arrestati xke volevano entrare senza biglietto………qualcuno ha sentito qualcosa in TV io no!!!!!!!!!!!!!!

  6. francesco hai ragione potranno succedere di nuovo perche verificatisi fuori dallo stadio,dentro stavano i veri sostenitori .Quindi se non ricapita mi sa che l avevano fatto per questo scopo!!!cosi siamo facili da ricattare solo perche lo stato non fa la sua parte

  7. grazie cosi’ facendo hai condannato anche le migliaia di tifosi napoletani che se ne stavano a vedere la partita hai fatto il loro gioco poi vorrei correggere ma se questi episodi fossero successi al sabato cosa sarebbe successo niente vero?????solo perche sn capitati di domenica e giocava il napoli allora li chiamamo anche tifosi del napoli gente che forse nn sapevano manco che il napoli stava giocando e dopo l’rbtraggio scandaloso dove tutta l’talia ha visto e la doppia beffa a maggio squalifica inventata senza parlare della multa combinata da tosel uno che ne capisce di calcio visto che solo lui ha visto la simulazione adesso anche il divieto di trasferte vedo che avete preparato tutto alla perfezione bravi la cosa che mi avvilisce che nessuno di napoli questore capo digos o chi altro ha preso le difese dei tifosi quelli veri civili napoletani cosa che invece ha fatto il questore di udine facendo differenza tra quelli che erano sullo stadio e quei criminali avanzi di galera comunque sappiate tutti che sulla terra siete di passaggio quindi cercate di nn fare troppe infamita perche credetemi prima o poi si pagano in prima o in terza persona …………………………………………..

  8. scusate avevo dimenticato di salutare il giu. tosel spero che tu faccia una xxxxxxxx molto lenta ex magistrato vero?????chissa forse un giorno……………adesso vediamo se questi di napolisoccer sn napoletani o anche loro ammanigliati ……………..buona serata

  9. questo è un nazzista…colpire 1000 per colpire uno ma ke significa..se li conoscete dategli il daspo..ke ci azzeccano le persone per bene………………………nn si poteva vincere la guerra….!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  10. Ma se domenica parto con la mia auto, vado a roma nei pressi dello stadio dò un pugno ad un romano…..vietano le trasferte alla squadra ospite?…..siete addetti all’ ordine pubblico ma non ne siete minimamente capaci…e vi fottete i soldi….andate a lavorare i campi piuttosto ke stare ad aspettare il minimo pretesto per sputtanare napoli….MARONI DIMETTITI!

  11. ci risiamo,. blocchiamo la gente per bene per un branco di tifosi. il napoli a milioni di tifosi sparsi per il mondo e se si fa una statistica il 2 % è teppista mentre il 98 % è composto da persone perbene…. cosi si danneggia solo il tifoso che segue il napoli in maniera civile.

    poi finimola di buttare la croce addosso ai soli tifosi napoletani , in altri stadi succede di peggio bruciano seggiolini entrano nei centri sportivi, picchiano i giocatori , buttano petardi e fumogeni, inneggiano a cori razzisti ebbene si va poi a vedere che domenica su 7000 tifosi napoletani al seguito della squadra una 15 di persone si sono scontrati con l’altra tifoseria. dentro lo stadio non è successo nulla. non ci sono stati incidenti nemmeno dopo la partita….ma finiamola con queste pagliacciate.

  12. Imparasse a fare il suo mestiere e arrestasse quei quttro delinquenti che offendono tutti noi .E’ facile vietare..cosi’ si risolve il problema e si lavora meno.

  13. Ma tutte queste forze dell’ordine che fanno allora!!!!!! Voglio andare in campo e vedersi la partita pure loro???? Sempre decisioni più ridicole. Tutti pretesti per le TV è il volere della solita mafiaaaaaa. E noi siamo sempre quelli che paghiamo. Ma che ci vuole scortare un branchetto di tifosi facinorosi???? Io non ci credo a quello che dicono si sta pilotando tutta l asituazione. Sono solo interessi più grossi. Forza Napoliiiiii

  14. ma smettila cosi’ ci vanno di mezzo anche i bambini che non aspettano altro che la domenica per andare con i genitori a vedere il napoli.i primi siete voi che senza leggere e scrivere per paura date botte a destra e a manca senza guardare chi colpevole chi no(parlo cosi perche’ nel lontano 1996 mi ritrovai i un aggressione fuori la discoteca a licola(na)e dopo tante botte ci dissero che avevano sbagliato,avevano visto male cioe’ un svista).perche’ invece non raddoppiate le forze dell’ordine e queste teste matte che(sono casi isolati)non gli date la diffida una volta acciuffati???pensateci bene troppo comodo dire trasferte annullate ai napoletani i problemi si affrontano non si bypassano.

  15. Dico solo poche cose:
    Questi che vanno allo stadio, fuori dallo stadio, sulle autostrade, nelle aree di servizio a far danni, sono teppisti e vanno trattati come tali, che poi solo perchè capita in congiunta di un evento calcistico o pechè hanno una sciarpa una bandiera o un qualsivoglia fregio calcistico, attribbuigli l’applativo di tifoso, non è giusto, il tifo so è una cosa, il teppista e un’altra.
    Il tifoso va tutelato, il teppista va carcerato.

    Antonio

LASCIA UN COMMENTO