Torneo Viareggio: Il Napoli soffre ma supera il turno

0
45

Pareggio sofferto quello che gli azzurrini hanno portato a casa contro i messicani del Chivas Guadalajara, che però permette al Napoli di accedere alla fase finale del Torneo di Viareggio.
Mister Faustinho conferma il 4-3-3 nonostante i forfait di ben 2 pedine, infatti mancano sia Ciano, ancora febbricitante, sia il terzino Diana, uscito anzitempo nella gara contro il Parma per noie muscolari. Al loro posto partono titolari l’esterno Errico e la punta Riccio. Il Chiva di Mercado Luis risponde con un classico 4-4-2 contando sulla buona vena della punta Vazquez. Nonostante il terreno di gioco in pessime condizioni il Napoli sfiora subito la rete dopo appena 2 minuti di gioco, il solito Insigne libera Varriale che però è impreciso e colpisce la traversa. Il Napoli continua ad insistere cercando di imporre il proprio gioco, senza però trovare lo spunto giusto, al 14′ ci prova Liccardo dalla distanza ma il tiro è debole. Al 14′ break del Chivas, cross dalla fascia per Davila che fa da torre per Vazquez ma Sepe è ben posizionato e salva. Alla mezz’ora è ancora Insigne a smarcare l’incursore Maiello che però sciupa malamente. Al 35′ Insigne ci prova su calcio di punizione, ma Sanchez devia in corner. Al 45′ il Napoli passa. Varriale si avventa su un lungo lancio di Liccardo, il portiere Sanchez in uscita cicca clamorosamente il pallone e Varriale segna il gol dell’1-0.
Nella seconda frazione Faustino opera subito un cambio togliendo l’autore del gol Varriale inserendo Conte. Il Napoli soffre la pesantezza del campo e la pressione dei giovani messicani, limitandosi a subire aspettando il momento giusto per ripartire. Al 58′ l’occasione che cambia la gara, clamoroso errore della retroguardia partenopea costringe Sepe a commettere fallo da ultimo uomo, è espulsione e calcio di rigore. Riccio esce per far spazio al portiere Comentale, che è subito protagonista respingendo il tiro di Navaro e salvando il risultato. L’appuntamento col pareggio però è soltanto rimandato, ed arriva infatti solo 4 minuti dopo con Davila. A questo punto il Napoli tira i remi in barca e complice la superiorità numerica del Chivas si limita a respingere le offensive degli avversari. Il fortino azzurro però regge e dopo 3′ di recupero arriva il triplice fischio dell’arbitro Giovani di Grosseto, al seguito del quale si scatena un piccolo alterco tra i ragazzi ,complice il nervosismo di una gara in bilico fino all’ultimo e giocata su alti livelli agonistici, prontamente sedata di dirigenti di entrambe le squadre.
Il Napoli quindi si qualifica agli ottavi, un risultato certamente notevole anche se conquistato in un girone tutto sommato abbordabile. I ragazzi della primavera in questo girone hanno mostrato buone doti tecniche ed una buona consistenza, alternate a leggerezze difensive e una forte dipendenza dall’estro di Insigne. Si va agli ottavi con qualche buona cosa (Insigne, Maiello, il secondo Comentale) e qualche dubbio (la tenuta della difesa e le assenze di Ciano,Diana e Sepe), in attesa di conoscere l’esito del sorteggio.

Alfonso Boffardi, per Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteI convocati di Mazzarri per la gara di Udine
Prossimo articoloConclusa la trattativa, De Zerbi al Cluj
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here