Calcio: In Argentina morto tifoso del Velez, partita sospesa

0
93

Un tifoso della squadra del Velez Sarsfield e’ morto oggi a Buenos Aires dopo essere stato raggiunto da un colpo d’arma da fuoco sparato da uno sconosciuto mentre si recava su un autobus allo stadio per seguire l’incontro della sua squadra del cuore con il San Lorenzo. Si tratta di Emanuel Alvarez, 21 anni, che e’ morto poco dopo l’ingresso in un ospedale della capitale argentina. Dopo l’episodio, vi sono stati disordini fra tifosi e la polizia e le autorita’ hanno deciso di sospendere la partita. Per mancanza di sicurezza, si e’ appreso, e’ stato sospeso anche un altro incontro del Torneo Clausura fra Gimnasia y Egrima di Jujuy e Lanus.
A quanto si e’ appreso, Alvarez viaggiava in uno dei 17 autobus che il Velez aveva organizzato per trasferire i suoi tifosi verso lo stadio del San Lorenzo. Di fronte l’emergenza dello sparo, l’automezzo e’ stato deviato a tutta velocita’ verso un vicino ospedale dove pero’ i sanitari non hanno potuto salvargli la vita. Un altro tifoso del Velez e’ stato ricoverato con ferite non gravi. Le prime notizie sull’incidente sono circolate quando gia’ i calciatori delle due squadre erano scesi in campo. Di fronte alle accese proteste dei tifosi del Velez, e anche se non c’era ancora l’annuncio della morte, l’arbitro Hector Baldassi ha deciso di sospendere la partita. E mentre i sostenitori del San Lorenzo venivano trattenuti all’interno dello stadio, quelli del Velez uscivano impegnandosi in scontri con gli agenti di polizia in servizio nella zona. In una conferenza stampa un dirigente del Velez, Julio Baldomar Dianti, ha confermato che l’incidente e’ avvenuto ”all’altezza di La Quemita, una installazione sportiva appartenente alla squadra calcistica Huracan. Le testimonianze finora raccolte non concordano sulle responsabilita’ per l’uccisione di Alvarez. Alcuni testimoni assicurano che lo sparatore era un tifoso di Huracan, mentre altri hanno indicato che i colpi d’arma da fuoco sono partiti da un auto in movimento sulla vicina autostrada. Baldomar Dianti ha chiesto le dimissioni del coordinatore del governo, Alberto Fernandez e di Javier Castrilli, ex arbitro internazionale e attuale sottosegretario per la Sicurezza del ministero dell’Interno perche’, ha assicurato, ”non c’e’ volonta’ politica di impedire fatti di questo genere”.
Fonte: ANSA



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here