Mazzarri: “Col Palermo ci aspetta un match terribile”

5
78

"Dossena domani verrà in panchina, vedremo se sarà il caso di utilizzarlo partita in corso"
L’allenatore parla anche di mercato: "Se ci sarà un’occasione cercheremo di coglierla"
I nomi più gettonati: D’Agostino, Ledesma e Candreva

Il tecnico del Napoli, Walter Mazzarri, intervenuto in conferenza stampa ha rilasciato alcune dichiarazioni, pubblicate sul sito ufficiale del club, in vista della delicata sfida del San Paolo con il Palermo, facendo anche un consuntivo dopo l’uscita di scena dalla Coppa Italia: "Il bilancio è solo positivo. Ho tratto indicazioni importanti. Bisogna chiarire la logica di alcune scelte. Noi siamo venuti tre mesi fa per dare serenità a tutto l’ambiente e risalire la corrente. Siano arrivati a gennaio con una corsa straordinaria e l’unica partita che potevo utilizzare per cercare di capire tutto il valore ed il materiale umano che si ha a disposizione era questa con la Juve. Quando noi tecnici facciamo delle scelte teniamo conto di varie considerazioni. E se si va a vedere fino in fondo la squadra di Torino era quadrata, ogni uomo nel suo ruolo naturale e la difesa aveva già giocato insieme. Era una squadra più che competitiva ed io ho avuto risposte ottime dai ragazzi nel match di Torino. Abbiamo messo la Juventus sotto per 70 minuti sotto il profilo del gioco. Abbiamo commesso l’ingenuità del primo gol perché noi ci siamo fermati con Datolo a terra e la Juve ha proseguito. Un gol rocambolesco che ha dato fiducia alla Juve. Noi abbiamo sfiorato il pareggio e lo meritavamo. Per me l’analisi finisce qui. Non abbiamo segnato, questo ci è mancato: il gol. Ma per il resto la squadra mi ha soddisfatto in pieno"

Napoli-Palermo, possiamo definirlo un vero e proprio big match l’Europa?

"Domani sarà una partita terribile. Il Palermo è una squadra fortissima con un allenatore che stimo tantissimo. Ci aspetta un match durissimo e se non daremo il centoventi per cento rischiamo tantissimo. Dobbiamo ancor più aumentare la convinzione in noi stessi, cercare di imporre il gioco. Questa deve essera la mentalità che ci deve contraddistinguere fino alla fine. Questo mi interessa. Ho detto ai ragazzi di entrare in campo e stare tranquilli. Bisogna giocare come sappiamo. Il calcio non è una scienza esatta ma alla lunga il lavoro paga. Qui se si molla un attimino si può perdere contro ogni squadra in un campionato così equilibrato"

Come valuta l’inserimento di Dossena?

"Dossena l’ho voluto testare dall’inizio contro la Juve in accordo con lui per comprendere bene come avrebbe affrontato una partita vera. Le risposte sono state superiori a quanto mi aspettassi ma si vede che non è al top. Crescerà col tempo, domani verrà in panchina e vedremo se sarà il caso utilizzarlo a partita in corso".

Bisognerà far fronte per un po’ all’assenza di Lavezzi…

"Lavezzi è un giocatore importante e ci mancherà molto. Ma abbiamo delle soluzioni che abbiamo già cominciato a provare. Non c’è mai un omologo nel calcio, io sono restio a fare confronti. Non c’è mai un giocatore uguale all’altro ma c’è una squadra che va in campo. Domani giocherà Denis che sta facendo benissimo, è un attaccante di peso ed abbiamo grande fiducia in lui. I ragazzi sanno che con il Palermo sarà una finale. Un match importantissimo contro una squadra che ha investito tanto in questi anni ed è attrezzatissima. Sarà un impegno ultradifficile"

San Paolo stracolmo, Napoli sogna in grande…

"Sono contento dell’entusiasmo però dobbiamo restare calmi. Qua bisogna capire che il Napoli non ha fatto qualcosa di straordinario ma addirittura di stratosferico. Dobbiamo dare alla gente la giusta informazione. Io ci tengo che si capisca cosa ha ottenuto il Napoli sinora in termini di gioco e punti, altrimenti questi risultati rischiano di diventare un boomerang. Restiamo con i piedi per terra e pensiamo partita dopo partita, sennò di questo passo si finisce per parlare di scudetto. Siamo realisti e proseguiamo nel nostro processo di crescita. Sarò monotono, ma questa è la filosofia che ho impresso da quando sono arrivato qui, e questa sarà la strada da seguire fino alla fine"

Il tecnico azzurro non preclude che possano arrivare altre novità dal mercato, dopo l’acquisto di Dossena: "L’arrivo di Dossena non ha chiuso le porte ad altre ipotesi. Il nostro mercato non è chiuso e se ci sarà un’occasione cercheremo di coglierla. Se non sarà possibile, allora staremo bene così".

E’ chiaro che l’eventuale arrivo di un nuovo calciatore, molto probabilmente un centrocampista, è vincolato alle cessioni. Se il Napoli riuscirà a chiudere alcune operazioni in uscita allora ci potrebbe essere lo spazio per un altro colpo di mercato. D’Agostino, Ledesma e Candreva sono i nomi più gettonati. 

Redazione NapoliSoccer.NET



5 Commenti

  1. Ha ragione Mazzarri di queste squadre ci dobbiamo preoccupare……non bisogna perdere la concentrazione…..altrimenti facciamo la fine dell’anno scorso…..abbiamo bisogno di concentrazione altrimenti i risultati se ne vanno nel c…!!!!!!!
    FORZA AZZURRI….SEMPRE….!!!!

  2. mazzarri chiedi rinforsi altrimenti de laurentis ti fara’ fare la stessa fine degli altri allenatori e’ uno schifo davanti a 65 mila spettatori una squadra che non fa un tiro in porta vergognatevi!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here