Dossena: Napoli che brivido, il mio ambiente ideale

2
12

"Ho visto la partita ieri al San Paolo e mi sono venuti i brividi".
Andrea Dossena, nel giorno della sua presentazione ufficiale, racconta le prime sensazioni napoletane, a partire dalla partita con la Samp che il neo esterno azzurro ha seguito dalla tribuna. "Ringrazio De Laurentiis per avermi portato a Napoli e per avermi seguito da mesi. Quando una Società mostra questo interesse costante vuol dire che crede in te. La stima che mi ha trasmesso il Presidente è stata fondamentale affinchè io facessi passi in avanti per essere in maglia azzurra"
Andrea, ritrovi Quagliarella che qualche parolina per te ha speso…
"Sì, ho sentito Fabio poco prima di Capodanno e già gli avevo confidato la voglia di venire a Napoli. Lui poi con un paio di frasi mi ha invogliato ulteriormente, mi ha dato una bella spinta e mi ha detto che questa sarebbe stata la piazza ideale per me. Ed è vero. Una città che vive di calcio non si può non amare. E so che Napoli per me è l’ambiente ideale per ripartire"
Ripartire anche alla volta della Nazionale…
"Per me la prima maglia azzurra è quella del Napoli, e da questa eventualmente potrebbe passare quella dell’Italia. Voglio vivere pienamente questa avventura al Napoli, vorrei arrivare in alto con questa squadra. So che qui ci sono valori tecnici importanti ed un gruppo unito. Sono sicuro che riuscirò ad inserirmi subito al meglio".
Fisicamente come stai?
"Mi manca ancora il ritmo partita. In Inghilterra non ho giocato con continuità. Mi sto allenando già da giorni a buon ritmo e spero di essere presto a pieno regime. Conosco il credo di Mazzarri e sposa perfettamente la mia idea. Ho già parlato a quattr’occhi con lui. Non mi ha garantito assolutamente niente, ma ha visto la mia disponibilità piena e la grande voglia di entrare in questo gruppo. Dovrò meritarmi la stima giorno dopo giorno con il lavoro".
Dal mitico Anfield Road di Liverpool, al fascino del San Paolo. Hai già fatto un paragone?
"L’Anfield è una realtà unica in Inghilterra, così come è irripetibile la passione del San Paolo. Ieri ero allo stadio e pur non giocando ho sentito i brividi. Questo stadio ti spinge in avanti anche nei momenti di difficoltà. E’ sicuramente una marcia in più che nessun altra tifoseria sa dare. Ecco, vorrei riprovare quegli stessi brividi in campo, con la maglia azzurra addosso".
La maglia numero 8: una scelta d’amore…
"Sì, è il giorno del mio matrimonio ed è un numero che sento profondamente nel cuore"

Redazione NapoliSoccer.NET – fonte: sscnapoli

Condividi
Articolo precedenteAtalanta: Il ritorno di Bortolo Mutti
Prossimo articoloDe Sanctis: “Il vero cambiamento è stato in noi”
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

2 Commenti

  1. E anche noi tifosi napoletani (ormai milanesi da 37 anni) proviamo qualcosa di speciale quanto vince la squadra del nostro cuore.
    Vai Dossena che sicuramente a Napoli farai bene e anche la città (nonostante le dicerie cattive…) saprà darti quella spinta e quell’amore che ti riporterà sicuramente in nazionale.

LASCIA UN COMMENTO