Champions possibile con la media Mazzarri

0
17

Il fenomeno. Un club sempre più solido, terzo bilancio consecutivo chiuso in attivo e una squadra competitiva: così sognano i tifosi. Il tecnico azzurro, ancora imbattuto, ha conquistato 23 punti in undici gare.
Conti a posto e chiarezza di idee in campo. Così si conquista l’Europa: lo vuole Michel Platini, che chiede bilanci in ordine per partecipare a Champions e Uefa League, lo sottolineano esperti, opinionisti e supertifosi che ammirano il lavoro di Walter Mazzarri: 23 punti in 11 gare. Terzo bilancio consecutivo in attivo per il Napoli: 10.9 milioni di euro, un milione in meno circa dell’anno precedente. La rotta per l’Europa è tracciata, sui libri contabili e in campo. In Champions, si può. «Al Napoli ora nessun traguardo è precluso. In questo momento, alle spalle dell’Inter, non vedo alcuna squadra che si possa dire abbia qualcosa in più degli azzurri». Salvatore Bagni lo dice alla Domenica Sportiva e lo ripete il giorno dopo, con il Napoli saldo in quarta posizione. «È un piacere parlare del lavoro fatto da Mazzarri – continua – Il Napoli sta vincendo partite molto difficili dal punto di vista ambientale come poteva essere quella di Bergamo. Una serenità di gioco spaventosa. Il quarto posto se lo gioca alla pari con le altre». Il segreto è nell’allenatore. «Walter è uno che ci mette l’anima 24 ore su 24, vive per il calcio e coinvolge nel progetto tutti i giocatori. La sua forza è la chiarezza di idee, il lavoro quotidiano sul campo che paga sempre». La concorrenza è forte, ma nessun sogno è precluso. Luca Marchegiani, dai microfoni di Sky, vede un futuro tutto azzurro per la squadra di Mazzarri: «L’unica cosa che può giocare contro in questo momento è l’eccessiva euforia. Ma da ex giocatore vi dico che l’entusiasmo non ha mai fatto male. Sicuramente Napoli è una piazza che si infiamma facilmente. Mazzarri, però, ha creato un equilibrio in campo che non sarà scalfito dagli sbalzi d’umore. Il Napoli mercoledì ha dimostrato di essere una squadra esperta». Due nomi che l’hanno colpito. «Pazienza e Aronica. Il primo perché è risultato decisivo più di una volta pur non essendo famoso per la sua vena realizzativa. Il secondo perché si parla tanto di esterno sinistro, ma mi sembra che stia facendo un ottimo lavoro». Dossena porterà alla squadra forza fisica e intensità «ma non credo che sia lui l’uomo del salto di qualità definitivo. Il Napoli deve consolidare il valore della crescita complessiva e credere nei sogni, anche se c’è qualche squadra che si può pensare sia meglio attrezzata». Parola d’ordine continuità anche per Massimo Mauro. «La vera difficoltà è confermarsi. Essere una sorpresa è più facile, ora che sei favorito è tutto più difficile. Questo è un campionato abbordabilissimo e visto che Juve, Fiorentina, Roma, non vanno bene, anche il Napoli ne potrà approfittare. Il vero problema è la sostituzione di giocatori importanti visto che la squadra di Mazzarri non ha una rosa molto ampia. Poi sarà necessario che trovi continuità di rendimento anche Quagliarella capace di trovare questi gran gol che sbloccano il risultato». La vita è anche più dolce se ritrovi il tuo cannoniere. Parola di Beppe Savoldi: «Avete visto che ha fatto con l’Atalanta? Lui ci prova sempre e questo per un attaccante è importantissimo». Avanti con la Samp, allora, con un portafortuna d’eccezione. Domenica al San Paolo, in collegamento con Quelli che il calcio, ci sarà Caterina Balivo. «Finora vanto un due su due – dice la conduttrice tv – Abbiamo vinto con Bologna e Bari, speriamo bene anche domenica. Sono contentissima per l’andamento della squadra ma dico ai napoletani, non creiamo troppa pressione. Facciamo lavorare i ragazzi con calma e avremo altre soddisfazioni».

Redazione NapoliSoccer.NETfonte: il mattino

 

Condividi
Articolo precedenteNapoli su Shikabala
Prossimo articoloNapoli, Basket: Procura federale in campo
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

LASCIA UN COMMENTO