Mazzarri: “A Bergamo la prima finale del 2010”

2
41

L’allenatore del Napoli, Walter Mazzarri, ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa. Di seguito una sintesi dell’intervista, tratta dal sito ufficiale della società azzurra, a cura di NapoliSoccer.NET.
"Sarà una partita importantissima, un’altra finale". Walter Mazzarri battezza il cartellone di Atalanta-Napoli. Il tecnico azzurro è minuzioso e preciso non solo nella preparazione della gara ma nella spiegazione della chiave del match di Bergamo.
Mister, si apre l’anno su un campo storicamente durissimo…
"E’ una partita difficile e complicata al di là della tradizione. L’Atalanta ha buoni giocatori ed un tecnico quale Antonio Conte che fa giocare benissimo le proprie squadre. Inoltre avranno una grande carica emotiva per uscire dal momento delicato e questo moltiplicherà le loro forze. Noi cercheremo di mettere in campo i nostri meccanismi tecnici e tattici con grande attenzione alle contrapposizioni dei singoli uomini. Queste sono partite che si rivelano battaglie agonistiche e noi dobbiamo farci trovare pronti sia sotto il profilo fisico che quello mentale".
Bergamo è un altro tabù che l’Era Mazzarri deve sfatare…
"Non ci voglio pensare ai tabù e alla statistica negativa. Ogni anno ha la sua storia, ogni allenatore ha le sue squadre. Io penso solo al campo, al presente e dico solo che chiedo ai ragazzi massima concentrazione. In questi giorni ci siamo allenati bene, abbiamo fatto richiami generali curando anche la qualità organica dei singoli. E’ chiaro che la sosta può riservare incognite sempre, ma spero che il campo mi dia le stesse risposte che ho avuto nel finale dell’anno scorso".
Come stanno Lavezzi e Datolo?
"Benissimo. Sono arrivati dalle vacanze per ultimi perché avevano avuto impegni con la Nazionale, ma entrambi in Argentina hanno seguito una tabella di allenamenti che aveva stilato per loro il preparatore Pondrelli. Lavezzi addirittura è tornato con un chilo in meno, testimonianza che ha lavorato bene".
L’obiettivo è cominciare il 2010 sulla scia del finale del 2009…
"Voi lo sapete, io non guardo mai troppo avanti. Adesso avremo due partite in pochi giorni. Ma adesso conta solo l’Atalanta. Per noi è un’altra finale. Poi guarderemo alla Sampdoria. Mi aspetto dal Napoli un salto di qualità perché da ora in poi i punti valgono di più. Tutte le squadre vorranno dare il massimo e sarà una battaglia su ogni campo. Io dai ragazzi chiedo la prestazione. Spesso li martello per tenere alta la tensione, loro sanno che voglio uomini pronti agonisticamente e fisicamente. Ho 18 titolari e chi va in campo deve dare il massimo. Questa è l’unica strada per crescere" .

Redazione Napolisoccer.NET – Fonte: sscnapoli.it
 

Condividi
Articolo precedenteDe Laurentiis va per Nicolás Lodeiro.
Prossimo articoloSpinelli (pres. Livorno): “Hoffer ci piace”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


2 Commenti

  1. ogni volta ke leggo le interviste di mazzarri mi vengono i brividi !!!!!
    se lui fosse il mio allenatore me li mangerei gli avversari!!!!!
    ke motivatore grande mazzarri
    mo andiamo a bergamo co’sang a luocchie!!!!!!!!!!!!!!!
    fino alla morte sempre e solo forza napoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here