Mazzarri esalta il Napoli: «Solo l’Inter meglio di noi»

2
85

L’allenatore: «Se guardiamo la media punti solo i nerazzurri ci sono superiori, ci stiamo preparando per ripartire alla grande dopo la sosta. Esterno sinistro? Ben venga, ma solo se è l’uomo giusto. Difficile migliorare questa squadra».
 Mazzarri non vede l’ora di tornare a giocare. Ha lasciato un Napoli super e fosse stato per lui avrebbe fatto volentieri a meno della sosta proprio in questo momento: «Le soste lunghe fanno perdere un po’ di condizione e valori atletici – dice l’allenatore toscano – stiamo facendo un mini richiamo considerato che poi inizierà un trittico di partite incredibili, e vogliamo avere una condizione adeguata per fare le gare ai nostri livelli».
BILANCIO – Ovvio che il desiderio è fare meglio di quanto fatto finora, ma Mazzarri si accontenterebbe anche di continuare così. «Innanzitutto vorrei dire a tutti di non scordarsi di quanto fatto finora. Il nostro intento è fare sempre qualcosa in più, ma non dimentichiamoci che quanto fatto finora è qualcosa di straordinario. Quello che si fa sul campo è quantificabile con i punti e va considerato in base ai valori. Noi abbiamo una squadra giovane se confrontata con altre realtà tipo Roma, Milan e Inter. Anche l’ingaggio dei giocatori dice molto, noi abbiamo una squadra di alto livello potenziale, il calcio non è una scienza esatta, ma ci son dati obiettivi: se raffrontiamo la nostra media punti con le squadre più importanti, solo l’Inter ha fatto meglio di noi. Siamo l’unica squadra, insieme con il Milan, che ha fatto dieci risultati positivi consecutivi, nemmeno l’Inter li ha fatti. Vorrei che si ricordassero queste cose, non per metterre le mani avanti, però non bisogna dare per scontato che il Napoli può fare sempre questi risultati». 
FUTURO – Meglio però non abbassare la guardia: «Io le vorrei vincere tutte le partite, e devo trasmettere questa voglia al mio gruppo, che non si deve mai accontentare però è anche vero che pensare che tutto questo possa avvenire anche per le altre 20 partite che mancano fino alla fine non è scontato. Noi vorremmo fare di più ma se non dovessimo farcela abbiamo comunque fatto qualcosa di straordinario».
NIENTE DA BUTTARE – «Qualcosa da buttare? Niente sennò dovrei contraddire quello che ho appena detto, quando ho accettato questa sfida credo che in pochi avrebbero detto che avremmo concluso con così tanti punti, meglio di così penso non si poteva pronosticare».  
MERCATO – Sul mercato solo scelte oculate. Il terzino sinistro arriverà solo se è l’uomo giusto. «Al di là della tipologia guardo lo stato di forma. Avevo bisogno di un giocatore logico, ordinato e tatticamente perfetto, in questo momento quello che l’ha fatto meglio è stato Pazienza, poi in futuro può giocare un altro, l’importante è che la squadra sia organizzata e tutti sanno quello che devono fare. Le cose si fanno solo se si possono fare altrimenti meglio non far nulla in questo momento. il Napoli ha dimostrato di essere la squadra più in salute, se dobbiamo andare aprendere qualcuno dobbiamo prendere uno che può darci qualcosa in più rispetto a quelli che abbiamo, altrimenti si fanno solo danni, prendere per prendere è un boomerang che ti torna addosso e va a scombinare qualcosa che funzionava, me lo dice la mia esperienza di allenatore. se c’è un tassello che non farà danni e migliorerà qualcosa ben venga, purtroppo ho dovuto mandare in tribuna ragazzi splendidi, abbiamo una rosa troppo grande, ci vuole una rosa giusta sennò si disperdono energia e ci sono giocatori non contenti. Non vedo l’ora che finisca il mercato, è pericoloso, soprattutto in una piazza che ha fame di calcio come la nostra, se ne parla tutti i giorni, ho paura che i miei vengano un po’ distratti, non vorrei che qualcuno preso da giornali e procuratori, perdesse un po’ di concentrazione». 
L’OBIETTIVO – Non si sbottona Mazzarri, ma ammette che un esterno sinistro serve. «Vorrei a sinistra quello che ho a destra e in questo momento non c’è, però a gennaio il mercato è particolare e non ci sono tanti giocatori che potrebbero essere adatti a interpretare quel ruolo. Se dovesse esserci ben venga». 
LAVEZZI – Lavezzi ha detto che vuole prolungare il contratto che lo lega al Napoli fino al 2013. «Lavezzi sta facendo bene e la società lo vuole gratificare, sempre nei limiti delle sue potenzialità. Uno deve guadagnare il giusto in rapporto a quello che sta facendo però è anche vero che se sei al Napoli e c’è un tetto d’ingaggio non si può sfondare, sennò poi si fanno danni. Il passo va fatto per quanto è lunga la gamba».

Redazione NapoliSoccer.NET fonte: corriere dello sport

 

Condividi
Articolo precedenteDenis quattro gol per beneficenza
Prossimo articoloBarça: Fabregas o Hamsik
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.


2 Commenti

  1. Un’altra conferma che Datolo non piace e partirà a Gennaio. Ma se nessuno arriverà (Dossena …)a sinistra chi giocherà ? Zuniga, Aronica ?
    La vedo male ! Secondo me cedere Datolo è un errore e anche tenerlo in panchina è un errore. Spero che Mazzarri ci ripensi e gli dia fiducia.

  2. Invece io dico che un po le mani avanti le stai mettendo, lo sai anche tu che il napoli puo’ dare di piu’ e che abbiamo lasciato diversi punti durante il cammino. La cosa piu’ importante e’ far maturare i giocatori e farli sentire contenti, anche economicamente, se no non si va da nessuna parte, ma a questo ci deve pensare aurelio anche se tu , nella tua intervista hai gia’ mostrato un po di preoccupazione sull’argomento, il napoli non si deve fermare come l’anno scorso ne vale il bene di tutti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here