Hamsik: “La zona Napoli ci fa esaltare”

2
68

Lui pensa a giocare. Sempre, comunque e dovunque: «A Roma, prima della  partita con i giallorossi, non sapevo neanche che Donadoni potesse essere in dubbio o cose del genere». Possibile, anzi sicuro, perché lui si è programmato per prendere a calci il pallone e vincere. Marek Hamsik saluta il 2009 con un dettagliato bilancio dell’era Mazzarri e delle dieci partite che hanno proiettato il Napoli in zona Europa League. Un’analisi ripresa da Il Mattino, stilata al cospetto delle telecamere di Sky con l’inconfondibile aplomb «hamsikiano»: pochi articoli tra una parola e l’altra, ma molti concetti interessanti. E al diavolo la forma: il ragazzo dalle acconciature estrose e dalla freddezza glaciale rubata a Ivan Drago, il pugile sovietico interpretato da Dolph Lundgren che voleva spezzare in due Rocky, è uno che bada esclusivamente alla sostanza. Ne avrà tanta per le mani nel 2010: a gennaio diventerà padre di Christian, il primogenito, e dovrà guidare il Napoli lungo la cavalcata europea; e a giugno, poi, entrerà nella storia sportiva del suo giovane Paese, guidando la Nazionale slovacca con i gradi di capitano al Mondiale sudafricano. Il primo della sua vita e il primo della Slovacchia, inserita tra l’altro nello stesso girone dell’Italia. Il tempo per il mal d’Africa non mancherà: ora è meglio affrontare il discorso-Napoli. Partendo dalla vittoria con il Chievo: «Siamo una grande squadra», l’annuncio con il piglio del leader dopo l’ultima partita giocata e vinta al San Paolo. Uno stadio che ha rischiato di franare con il Milan: «Dopo il gol del 2-2 di Denis – spiega Marek -: bellissimo, al novantacinquesimo. Come dite voi: è caduto lo stadio». Insieme con quella di Torino con la Juventus, la partita con i rossoneri è il simbolo più fulgido delle rimonte azzurre e dell’ormai famosa zona-Napoli (o zona-Mazzarri, che dir si voglia): «Segnare alla fine è sempre bello. Anzi, le gare in rimonta sono le più belle». Un crescendo: «Sì, ribaltare il risultato alla fine è bellissimo. È straordinario: quando abbiamo realizzato il 3-2 con il Bari ero troppo felice… Come se avessi segnato io. Allo stadio c’erano mio padre e alcuni amici: anche loro erano contenti e sono andati a bere in hotel. A festeggiare». Momenti di vita e sport. Momenti di gioia: «Il 3-2 con la Juve?». Sì la giornata di Marek, autore di due gol: «Beh, sono entrati dei giocatori dalla panchina che hanno cambiato la partita. Ci abbiamo creduto tanto». Come sempre, del resto: «Con Mazzarri non molliamo mai. Si è visto». Già, i dieci risultati utili consecutivi non sono un caso. Come non è casuale l’aver sfatato il tabù delle trasferte con il tecnico toscano in panchina: «La vittoria di Firenze con la Fiorentina è stata importantissima: sia perché loro non concedono facilmente punti al Franchi, sia perché fuori casa avevamo problemi a fare risultato. Non soltanto a vincere». Poi, radiografia dei pareggi. Con il Catania: «Una delle poche partite in cui ci è andata bene: loro hanno giocato meglio, ma per fortuna siamo rimasti sereni e lucidi. Siamo rimasti noi stessi». Con la Lazio: «Nel secondo tempo abbiamo prodotto più occasioni, ma è andata così. Loro non vincevano da tanto: potevano chiudersi e ripartire». E poi con il Parma: «In quell’occasione abbiamo dimostrato di essere cambiati tanto, anche se purtroppo non abbiamo vinto: fuori casa riusciamo a giocare bene e a fare punti». Un trend da non invertire in vista del traguardo europeo: «Viviamo giorno per giorno». Una storia nota.

Redazione NapoliSoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteDerby Napoli-Juve per Ledesma e D’Agostino
Prossimo articoloMontesanto, la vita ricomincia in Eccellenza
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.


2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here