Quagliarella superstar accende il San Paolo e regala una splendida vittoria

19
50

Le pagelle di Napolisoccer.NET: Napoli-Bari 3-2.
De Sanctis: attento negli interventi qualche responsabilità in occasione del primo gol subito dal Napoli. La sua posizione troppo avanzata lo costringe a continuare nell’intempestiva uscita che spalanca la porta al facile pallonetto. 6-
Campagnaro
: tenace ed aggressivo quanto preciso e tempestivo. E’ un’invalicabile diga ma ha anche la capacità di proporsi ai compagni in fase offensiva. Unico della difesa a saper uscire palla al piede. 6,5
Cannavaro
: discreta prestazione ma nell’unico errore viene punito. Troppo attendistica la sua azione in occasione del primo gol del Bari, quando lascia passare la palla senza intervenire di testa; purtroppo – per lui e per il Napoli – è una tipologia di errore che commette troppo spesso. 6
Grava
: da lui nessuno si aspetta giocate di gran classe ma la sua determinazione riesce a rimediare egregiamente anche a qualche limitazione tecnica. Non rischia in nessuna occasione, è assiduo nella marcatura e abbastanza preciso nei disimpegni. 6,5
Maggio
: macina chilometri e gioco commettendo solo qualche errore veniale. Formidabile negli inserimenti un pò meno nelle conclusioni perchè oltre al gol segnato ha avuto altre due nitide palle gol che avrebbero pesantemente e negativamente influito sulla sua prestazione in caso di risultato negativo. 6,5
Gargano
: prestazione in chiaroscuro. E’ bravo soprattutto nel primo tempo quando riesce a far girare il pallone in maniera egregia ma nella ripresa soffre terribilmente il pressing degli avversari e – forse per stanchezza – inizia a sbagliare passaggi a ripetizione. Fortunatamente non sbaglia in occasione del primo gol del Napoli quando con un perfetto assist serve a Quagliarella un pallone d’oro. Accusa la stanchezza e viene sostituito. 6
Pazienza
: si sacrifica in un’incessante opera di contenimento e riesce nell’intento di limitae le ripartenze degli avversari. E’ un giocatore rinato che migliorando la fase dell’impostazione potrebbe essere la sorpresa di questo Napoli. 6,5
Hamsik
: spazia pr il campo dispensando fini giocate ed ottimi passaggi ai compagni. Sale in cattedra nella ripresa riuscendo ad imporre ritmo ed alternative al gioco del Napoli. Le sue incursioni mandano in tilt la difesa avversaria che giocoforza deve marcarlo lasciando più libere le punte azzurre. 7
Aronica
: ha un’avversario rognoso da tenere a bada e non sempre ci riesce bene, anzi in più di un’occasione ci mette del suo per complicarsi la vita con errori da calcio parrocchiale. Fortunatamente oggi festeggiamo una vittoria ed anche le sue colpe vengono sfumate dalla gioia generale. 6-
Denis
: si sacrifica nel pressing e riesce a far salire la squadra grazie alle sue doti fisiche ed atletiche. Gira in lungo ed in largo per l’atacco azzurro infastidendo tutti gli avevrsari e creando ottime sovrapposizioni. 6,5
Quagliarella
: oggi è il Q-day ed al San Paolo tutti feseggiano il figliol prodigo che, conscio delle difficoltà della partita, esulta solo in occasione del terzo gol: quello della vittoria! Fantastico il bomber azzurro fin dai primi minuti di gioco. Si impegna, corre, soffre e dispensa consigli ai compagni ma si vede che gli rode. E nella ripresa la rabbia lascia il posto alla gioia, gol di testa ad anticipare il diretto avversario, dribbling nello stretto in piena area e cross al bacio per il gol di Maggio ed in chiusura tocco che anticipa difensore e portiere per il gol dell’apoteosi azzurra. Festeggia degnamente i 50 anni del San Paolo! 8

Sostituti
Lavezzi: sprinta veloce in ogni zona del campo, qualche volta incaponendosi nel tener palla ma già la sua presenza in campo causa scompiglio negli avversari. Quando poi sale in cattedra nessuno riesce a fermarlo con le buone… ed arrivano i falli con le conseguenti ammonizioni ed espulsioni degli avversari. Ci prova in più occasioni ad offrire il tap-in ai compagi d’attacco ma solo Quagliarella riesce a mettere dentro un suo assist filtrante. 7
Cigarini
: ottimo il suo approccio alla gara, dopo il suo ingresso il Napoli ne guadagna in qualità e la manovra beneficia delle sue geometrie e dei suoi cambi di gioco. Bravo a servire in profondità i compagni oppure a mantenere il possesso di palla, riesce ad assicurare la giusta copertura ad un centrocampo che ad un certo punto non aveva alcun incontrista. Bravo a fare di necessità virtù. 6,5
Bogliacino
: entra per affininare le qualità del centrocampo e ci riesce pienamento fornendo – grazie alla sua tecnica di base – un’alternativa alla manovra. 6

Allenatore Mazzarri: gioca una partita a scacchi con Ventura ma poi – visti i gol avversari e le vicende di gioco – rompe gli indugi e travolge il Bari con le sue intuizioni tattiche. E’ conscio delle qualità degli avversari ed inizia con una squadra messa in campo in maniera accorta, compatta in difesa, aggressiva a centrocampo e diligente in attacco. Nella prima frazione di gioco, pur avendo il Napoli il pallino totale del gioco, la sua squadra non riesce a rompere l’equilibrio della gara. Nella ripresa l’idea è quella di continuare a spingere come nel primo tempo, ma i galletti baresi alla prima occasione degna di tal nome mettono la palla dentro e lo costringono a rivedere l’assetto tattico della sua squadra. Mazzarri ridisegna la sua squadra potenziandola dal punto di vista offensivo (Lavezzi) e qualitativo (Cigarini e Bogliacino) e chiedendo ai suoi slancio, determinazione e tanto cuore per superare l’ostacolo. Obiettivo raggiunto, tre punti incamerati, Quagliarella in rete e San Paolo felice. Cosa vuoi più dalla vita? Un Mazzarri, grazie! 7

Gianni Doriano – Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteMaggio: “Tre punti che fanno morale. Sono felice per Quagliarella”
Prossimo articoloMazzarri: “Volevo l’anima e l’anima c’è”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


19 Commenti

  1. Stavolta Cannavaro non c’entra niente, il gol non é colpa sua. Riguardando le immagini si vede che lui era risalito bene e che Barreto sarebbe finito in fuori gioco, purtroppo gli esterni non l’hanno seguito e lui si é dovuto sacrificare in un recupero disperato. Le sue ultime prestazioni, e lui dice uno a cui Cannavaro non é mai piaciuto, sono tutte eccellenti. Grande capitano, grazie e continua così!

  2. Grande Napoli, peccato che non riesce a sfruttare tutte le occasioni propiziate durante le partite.
    Una continua sofferenza che si traudi alla fine con una grande gioia.
    Grazie a Quagliarella, oggi hai dimostrato di essere quel gran calciatore che tutti pensano che sia. Comunque un bel 7e mezzo al gruppo, nessuno escluso.
    Si tenga conto che fino ad oggi il Bari aveva preso soltanto 11 gol.

  3. io direi un bravo a Pazienza ke nonostante i mugugni di tifosi e critica sta riuscendo coi fatti e con le prestazioni a convincere i più ke lui in questo napoli ci puo stare e ke Pierpaolo Marino nn ha soltanto sperperato milioni ma e’ anke stato capace seppure pagandoli un po in piu del dovuto di portare a napoli giocatori validi ! vedi pazienza, denis, campagnaro, a tratti rinaudo e aronica, bogliacino, de sanctis oltre ai piu affermati lavezzi santacroce hamsik gargano quagliarella maggio !

  4. Non concordo con i voti dei centrali di centrocampo, troppo generosi:
    Pazienza: è tornato ad una prestazione mediocre. Lavoro oscuro quasi sufficiente in fase difensiva, lentissimo nelle ripartenze, dove stavolta oltre a sbagliare qualche appoggio di troppo, perde spesso la palla nei contrasti. Meritata la sostituzione: con la sua uscita dal campo, il Napoli cambia volto: 5.
    Gargano: oggi molto impreciso. Ha al suo attivo solo due cose buone: il lancio per Maggio nel primo tempo e il cross per il primo gol di Quagliarella. Per il resto prestazione opaca e a volte appare anche stranamente distratto. Completamente uccellato da Alvarez in occasione del secondo gol del Bari. Un notevole passo indietro rispetto alla ottima prestazione di Parma dove era parso di rivedere il Gargano dei primi mesi napoletani: 5,5 (mezzo voto in più l’assist vincente per Quagliarella).
    Mazzarri: 8. Bravo a rischiare nei cambi e a capire che ogi il Napoli al centro era troppo lento e prevedibile.
    P.S. a mio avviso Cigarini, con la qualità che ha, deve giocare più o meno sempre.

  5. Nel secondo tempo il Napoli ha giocato con 4 attaccanti: Lavezzi Quaglia Denis e Hamsik. Ed è riuscito ha segnare 3 goal alla migliore difesa del campionato. Rifletteteci.

  6. wa gargano 6, e udite udite pazienza 6,5? ma vogliamo scherzare? o questi sono i numeri al superenalotto!!! aronica 6? alvarez l’ha mandato al manicomio!!! nooooooooo assolutamente non concordo con questi 3 voti!! pazienza un passaggio dignitoso non l’ha fatto idem gargano e aronica dopo la partita ha chiesto un’ aspirina!! gargano:5; pazienza 5; aronica 4,5..

  7. Stavolta Mazzarri ha sbagliato tutto. Raggiunto il pareggio non avrebbe dovuto sbilanciare la squadra togliendo un centrocampista per Lavezzi.
    Il Bari oltre al secondo goal ha fatto un’azione analoga poco prima!!!
    Poi si è vinto perchè il Bari è troppo inferiore ma Mazzarri ci ha fatto rischiare….

  8. il napoli dovrebbe avere sempre Cigarini a centrocampo – forse il mister con Pazienza pensa a coprirsi maggiormente le spalle . ma con Cigarini sicuramente acquistiamo in qualità.

  9. Con il Parma abbiamo visto un Napoli finalmente ordinato dal punto di vista tattico, soprattutto in attacco vista l’assenza di Lavezzi, ma ieri si è verificato l’ennesimo passo indietro. La partita di ieri poteva essere la consacrazione di Quagliarella, ma per tutto il primo tempo il nostro Masaniello ha cercato di fare il Lavezzi, gettando grande scompiglio nelle manovre dei nostri foward.A pagarne le conseguenze, ancora una volta sono stati il Tanke e Marekiaro, i quali faticosamente dovevano sopperire al disordine creato da Quagliarella,che, nel tentativo di strafare, a volte ripiegava a centrocampo, altre si sovrapponeva con Denis, altre ancora con Maggio e, soprattutto, non creava alcuno spazio per gli inserimenti di Hamsik. A questo si aggiunge la giornata no di Gargano e Pazienza ed ecco servito lo 0-0 del primo tempo.Con il subentro di Lavezzi il caos è stato totale, successivamente mitigato da Cigarini e Bogliacino.Per carità, Masaniello ha segnato 2 gol e ne ha propiziato un altro, ma a pensarci bene è stata pura estemporaneità.Masaniello merita 6, la media tra il 4 del primo tempo e l’8 del secondo.
    Saluti

  10. sono completamente d’accordo con maude …per me cigarini va messo fin dal primo minuto…poi la partita ce la giochiamo come fanno tutte le altre “squadre oneste”

  11. non so che parita avete visto per una volta aparte per il il voto ad hamsik che darei 6,5 e Pazienza 6 non di piu` ha ragione Gargano si vedeva che era stanco il giocatore se si continua a sfruttarlo cosi si rischia di perderlo come l’anno scorso che si ruppe per affaticamento. La gazzetta chiama i lancio di Gargano per Maggio favoloso il primo tempo ha giocato da regista e da Mediano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here