Obiettivo Juve: Denis lancia il Napoli

1
39

Altro che turn over, questa è rivoluzione. Rispetto a quattro giorni fa, infatti, per il match di coppa di stasera contro il Cittadella Mazzarri conferma un solo giocatore, Rinaudo, e probabilmente solo perché s’è beccato tre giornate dal giudice sportivo e quindi dovrà saltare Parma. Un altro Napoli quello di stasera. Anzi, «l’altro Napoli». Quello che sino ad oggi ha visto poco il campo o addirittura non l’ha visto mai. Ecco dunque la notte di Iezzo e Bogliacino, di Rullo e di Pià. Ma soprattutto di Denis. Perché con la crisi di gol che s’è improvvisamente abbattuta sugli azzurri – nessun gol fatto, ma nemmeno preso, nelle ultime due gare – proprio «El Tanque» ha a portata di piede e di testa la grande occasione. E si presenta con buone credenziali, l’argentino, forte com’è, in quei pochi minuti che ha avuto a disposizione, del gol del pari contro il Milan e dell’assist da tre punti a Maggio contro la Fiorentina. Cosicché Denis stasera proverà ad inserirsi di forza nel «dibattito» che s’è aperto sull’attacco azzurro. «Manca il gol? Calma, ci penso io». Ecco, più o meno questo il pensiero e anche il sentimento espressi da German Denis a chi gli sta più accanto. La coppa, dunque, come porta d’accesso ad una maggiore considerazione per il campionato: questo il disegno del Tanque che per far alzare le proprie quotazioni e per portare il Napoli avanti in coppa Italia punta forte sui cross e sui suggerimenti di Datolo e Pià. Perché se non è proprio un tridente sudamericano quello che il Napoli mette in campo quasta sera, comunque gli si avvicina molto. E con Denis hanno giurato di darsi da fare tutti quanti. Chi per una ragione e chi per l’altra, infatti, gli azzurri titolari per una notte hanno voglia di uscire dall’ombra se non addirittura dall’anonimato. E allora la coppa anche come vetrina per il prossimo mercato di gennaio. Un match che servirà a Mazzarri anche per valutare meglio chi sino ad oggi ha visto solo in allenamento. E ciò vale soprattutto per Iezzo, Bogliacino, Rullo e poi Amodio e Hoffer, i quali, se tutto andrà per il verso giusto, dovrebbero trovare spazio nel secondo tempo. E anche per Zuniga, il quale dopo le critiche rimediate dopo il match con la Lazio stasera tornerà sulla fascia destra a lui più congeniale. Ma questo non vuol dire sottovalutare il Cittadella, più che onesta formazione di serie B. Tant’è che Mazzarri s’è molto raccomandato ai suoi. «Il Cittadella corre, ha ritmo e avrà anche mille motivazioni. Quindi, nessuno pensi d’avere dall’altra parte un avversario facile, comodo. Sarebbe un grave errore»: questo più o meno il discorso fatto dall’allenatore ieri mattina, quando ha riunito la squadra per «presentare» meglio l’avversario di stasera. E non è tutto. Superare questo quarto turno di coppa, infatti, proietterebbe il Napoli ad una nuova sfida con la Juve. E poi De Laurentiis l’ha ripetuto spesso: la coppa ci interessa perchè al di là del suo valore è anche una porta per l’Europa.

Redazione NapoliSoccer.NET – fonte: il mattino

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here