Gli straordinari di Lavezzi

4
20

Lavezzi va di corsa per vincere. Il Pocho non era atteso dallo staff di Mazzarri ieri mattina a Castelvolturno, dove si è invece presentato per allenarsi con i sette compagni convocati dal preparatore atletico per una seduta di lavoro supplementare. L’argentino è rientrato domenica da Madrid, dove ha giocato sette minuti nell’amichevole contro la Spagna campione continentale. Ha deciso di andare subito in campo e in palestra e non oggi, giorno della ripresa della preparazione in vista della partita contro la Lazio, perché ha voglia di conquistare il posto in Europa con il Napoli prima del grande sogno mondiale. Mazzarri non è sorpreso dalla partecipazione di Lavezzi. «Da parte sua ho ricevuto subito grande disponibilità». Al debutto in panchina, lo schierò contro il Bologna anche se ne aveva fatto la conoscenza soltanto ventiquattr’ore prima a causa del ritardato rientro da Buenos Aires per lo smarrimento del passaporto. L’allenatore non pensa soltanto ai campioni. Sta studiando il completo rilancio di Cigarini, Datolo e Zuniga, il regista e i due esterni rimasti a metà strada tra campo e panchina. Costati complessivamente 28 milioni, non sono ancora diventati titolari nel Napoli. Ma le porte sono più che mai aperte. Mazzarri ha chiarito: «In questo gruppo non ci saranno riserve». Cigarini ha riconquistato il posto grazie al gol da campione segnato al Milan. Titolare contro Juve e Catania, il play si candida per giocare accanto a Gargano anche domenica. Arriva al San Paolo la Lazio di Ballardini, l’allenatore che ha valorizzato il centrocampista prima nelle giovanili del Parma e poi nella Samb, avversaria del Napoli di Reja nella semifinale dei playoff di serie C1 2005. Cigarini, pagato 13 milioni, è stato l’acquisto che trovò pieno consenso: De Laurentiis chiedeva il regista, Donadoni indicò il talento dell’Under 21 e dell’Atalanta e Marino concordò dopo non essere riuscito a convincere l’Udinese a cedere D’Agostino. Il regista non è stato subito brillante e infatti anche Donadoni lo ha lasciato in un paio di occasioni in panchina. Mazzarri lavora per rendere Cigarini più veloce perché il suo calcio è anzitutto aggressivo. Il tecnico deve sciogliere in questi giorni il dubbio sul sostituto di Aronica. Candidati Datolo e Zuniga, l’argentino arrivato nello scorso gennaio e il colombiano che ha raccolto una manciata di minuti in cinque partite per problemi fisici. Datolo è stato una chiave importante per la vittoria sulla Juve, ma nella partita a Catania non è stato riconfermato. Aspira a rientrare nel giro della Seleccion dopo un’esclusione che sarebbe collegata a rapporti più confidenziali tra Maradona e alcuni giocatori. Zuniga, esterno destro, è stato pagato tanto (8,5 milioni) e ha giocato a sinistra perché Maggio ha convinto tutti dopo il periodo di convalescenza per l’operazione al ginocchio. Toccherà a uno dei due rimpiazzare Aronica, squalificato.

 

Redazione NapoliSoccer.NET fonte: il mattino

4 Commenti

  1. io contro la lazio metterei (sempre se stanno bene fisicamente):de sanctis;campagnaro,cannavaro,contini;zuniga,maggio,gargano,cigarini;hamsik,lavezzi;denis.se poi quagliarella sarà il quagliarella ammirato a inizio campionato,allora se la gioca con il tanque…

LASCIA UN COMMENTO