Pioggia e vento, bufere in corso in casa Lazio

1
102

L’ultima vittoria risale al 30 agosto scorso, ed a questa Lazio, prossimo avversario degli azzurri, per fare risultato contro il Milan non è bastato l’impegno agonistico. Si aggiungano provvedimenti che noi tifosi del Napoli ben conosciamo, ritiro ad oltranza (già da mercoledì), silenzio stampa e processi a porte fin troppo aperte nello spogliatoio, il quadro non è certo esaltante. La Lazio è in piena crisi, accusata com’è dal suo allenatore di non sapere essere squadra, quello stesso allenatore che sembra non godere più della fiducia del presidente Lotito ed il cui operato è continuamente messo in discussione. È stato sufficiente vedere Zeman allo stadio perché si scatenasse la ridda di voci su un prossimo esonero dell’allenatore. Ieri, all’Olimpico, sono andate in scena due solitudini: la solitudine di Lotito e quella del suo tecnico Ballardini, quest’ultimo sempre più lontano dai suoi uomini.
Il presidente si è avviluppato nei suoi errori, nei suoi deliri di onnipotenza, nella gestione di una società il cui patrimonio tecnico si svaluta ad ogni partita man mano che la situazione di classifica peggiora. La Lazio è da ieri quintultima a soli cinque punti dal Siena, due da Livorno ed Atalanta.
Oggi inoltre poteva essere il giorno dell’arbitrato tra la Lazio e Pandev, ma l’arbitro di parte della Lazio non si è presentato all’udienza adducendo motivi di salute; l’assenza giova al presidente Lotito che avrebbe l’opportunità di alienare il contratto del giocatore nella sessione invernale del mercato riportando in ogni caso una plusvalenza, mentre Pandev ed i suoi legali chiedono l’avvio di una procedura d’urgenza che miri alla rescissione del contratto per inadempienze in modo che il calciatore possa liberarsi prima della finestra di mercato di gennaio.
 

Domenico Infante – Redazione Napolisoccer.NET



1 COMMENTO

  1. speriamo di non far risorgere pure la Lazio come di solito abbiamo sempre fatto nella nostra storia calcistica..
    adesso abbiamo pure uno che si chiama jesus in squadra, non vorrei che la Lazio divenisse il nostro lazzaro…

    a aprte tutto la Lazio dopo l’entusiasmo iniziale della supercoppa vinta in maniera alquanto fortunosa sta pagando una non campagna acquisti degna di questo nome e una gestione “bizzarra” del caso Pandev e Ledesma.

    Guardiamo con attenzione alla sentenza, perchè Dio non voglia, potrebbe essere utile anche per noi in futuro…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here