Mazzarri, notte insonne: “Che cuore questa squadra”

0
23

Il neo tecnico azzurro si gode la vittoria all’esordio in panchina contro il Bologna e ammette: "Ho dormito poco, ma quando si vince si sta bene. Nel finale ho visto giocatori stremati, i ragazzi sono andati oltre i propri limiti" – Fonte: repubblica.it.

Una notte praticamente insonne ma ne valeva la pena perché "quando si vince si sta bene". Walter Mazzarri ha ancora l’adrenalina a mille dopo il successo acciuffato in extremis all’esordio con il Bologna. "Tante telefonate da fare" hanno costretto il neo tecnico del Napoli costretto a dormire poco. "Ma quando si vince si riesce a fare tutto al meglio e a tramutare tutto in positivo, anche le difficoltà e i problemi che ci sono quando un allenatore subentra – dice Mazzarri – Ho dormito poco, ma il gol di Maggio è stato bellissimo, è arrivato dopo una partita sofferta che s’era messa subito in salita mentre noi avevamo bisogno episodio positivo".

GIOCATORI STREMATI – La prima sulla panchina azzurra e di fronte al pubblico amico del San Paolo è andata come meglio non poteva. Ma l’inizio aveva fatto presagire un pomeriggio buio. "La gara – ricorda l’ex allenatore della Sampdoria – era iniziata in modo particolare, e questa squadra in passato quando andava in svantaggio non reagiva. C’erano tanti rischi. Se il Napoli ha giocato col cuore della vecchia Reggina? Sì, nel finale ho visto giocatori stremati, specialmente quelli che sono venuti all’ultimo con le Nazionali, avevano minore lucidità, tanta stanchezza. I ragazzi sono andati oltre i propri limiti. Hanno cercato la vittoria fino all’ultimo, anche se abbiamo preso qualche rischio, abbiamo fatto qualche errore dopo il pari sbilanciandoci in malo modo e prestando il fianco al contropiede del Bologna".

DATOLO A SINISTRA – Mazzarri si accontenta del carattere e il cuore dei suoi, il resto verrà col tempo e le decisioni prese ieri non sono definitive. "Sabato avevo detto ai ragazzi ‘domani è il primo dato per me, ho cercato di mettere in campo una squadra di un certo tipo. Datolo? Mi ha fatto capire che è una mezz’ala sinistra. Io – continua il tecnico – ho preferito metterlo nel ruolo a lui più idoneo, spostando a destra Hamsik. Ho parlato anche con Marek, mi ha detto che per lui è uguale giocare a destra o sinistra".

NON GUARDIAMO LA CLASSIFICA – "Ho messo in campo una squadra con la logica che mi piacerebbe vedere – precisa Mazzarri – con due mezz’ali che non danno punti di riferimento e un metodista mobile come Gargano. Ma da domani avrò dati più significativi dettati dall’allenamento, conoscerò più cose". Il pubblico del San Paolo si è fatto sentire. "Ho visto grande entusiasmo, mi hanno accolto bene e hanno capito il senso delle mie prime conferenze stampa. Ieri i ragazzi lo hanno fatto vedere subito, questa squadra dà tutto e i tifosi volevano vedere questo. Poi ovviamente vorranno qualcosa in più". Senza andare oltre con i pensieri, perché "risultati e classifica si fanno giorno dopo giorno. Non bisogna guardare troppo alla classifica ma guardare alla prossima e cercare di fare al meglio".

Redazione Napolisoccer.NET – Fonte: repubblica.it

Condividi
Articolo precedenteNapoli Soccer Web Radio, il programma della settimana
Prossimo articoloMazzarri: “Ho dormito pochissimo, troppe emozioni…”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LASCIA UN COMMENTO