Petrini: “Addolorato per la morte di Mattolini”

0
27

L’ex calciatore di Milan e Roma, autore di molti libri legati agli scandali del calcio, Carlo Petrini, ha rilasciato alcune dichiarazioni sulle frequenze di Radio Kiss Kiss Napoli: “Sono addolorato per la morte di Massimo Mattolini. La sua, però, non sarà l’ultima. I miei occhi non vedono quasi più, sto lottando con un male al cervello. Qualcuno si ricorda della morte di qualcun altro ed ecco che vengono fuori le solite cose. Ci sono tante cose che non vanno. Sembra quasi un disonore raccontare quanto accaduto ai calciatori. Del morbo di Gherig purtroppo moriranno altre persone e la cosa incredibile è che si dica che il calcio non c’entra nulla. Con quale cognizione di causa lo si è detto? Il calcio deve preoccuparsi di queste morti, invece di nascondersi. Bisogna scoprire la verità. Beatrice aveva 39 anni e fisicamente era una belva. La leucemia in due mesi lo ridusse pelle ed ossa. Piuttosto che dire “il calcio non c’entra”, andiamo ad analizzare in profondità. Le morti di calciatori illustri fanno sempre notizia, ma di Sla muoiono anche giocatori, per così dire, minori. Solo che nessuno dice mai nulla”.
Redazione NapoliSoccer.NET
 

LEAVE A REPLY