In bocca al lupo mister Mazzarri

7
113

A pelle ho fiducia in Mazzarri. Mi sembra un tipo sanguigno e forse sarà (almeno spero) capace di leggere meglio le partite. Solo impressioni, ovvio. Il calcio è fatto anche di questo. Mancini mi sembrava un’ipoteca troppo forte e costosa per una società e una squadra ancora terremotate. Delio Rossi, invece, un trainer troppo introverso. Ma basterà il cambio dell’allenatore? Temo che occorrerà armarsi di pazienza. Quando si beccano gol, come li ha beccati la squadra azzurra, non ci sono tattiche e trainer che tengono. E’ la qualità che manca. Quella che permette a Samuel di indovinare l’istante per anticipare l’avversario. Resto convinto che alle spalle il Napoli ha una campagna acquisti sbagliata. Non per il valore dei giocatori acquistati, che è discreta, ma per non aver fatto il salto di qualità là dove più ne aveva bisogno. In difesa occorrerà riparare con la compattezza alla qualità deficitaria dei centrali. In mezzo al campo manca un giocatore di peso. In attacco un vero uomo d’area. Da due anni il Napoli non fa che comprare centrocampisti “leggeri”, esterni (tutti di destra), semipunte, trequartisti e portieri dalla tecnica incerta.
Occorreva, invece, un grande centrale difensivo (anche di una certa età e accanto metterci il giovane Santacroce che sa giocare bene d’anticipo), un attaccante puro a parametro zero (tipo Cruz o Crespo) e, grasso che cola, un centrocampista (ma solo se di qualità di gran lunga superiore a Blasi). E poi –lo posso dire?- un vero portiere.
E ora? Ora, come dicevo, occorrerà pazienza (la virtù e, spero, non il giocatore). C’è Mazzarri a fare da parafulmine. Giusto dare alla squadra ancora obiettivi ambiziosi. Ma, caro presidente, non dichiari a cuor leggero di volere gol e spettacolo, come se il problema fosse stato solo un allenatore troppo timido. La squadra ha bisogno ora di concentrarsi, di non prenderle su tutti i campi d’Italia, di tornare a vincere nella misura in cui lo fanno tutte le squadre di mezza classifica. Un po’ di umiltà non guasterebbe, soprattutto per non caricare i giocatori di una responsabilità che non possono sostenere vista la qualità complessiva del gruppo, e ancora per non gettarli allo sbaraglio alla ricerca di un gioco di lusso, mentre occorre ancora guardare ai fondamentali. In parole povere, per come siamo messi, è il momento del “primo non prenderle” (ha ragione Mazzarri a pensare prima di tutto alla fase difensiva) e vedere a gennaio cosa si può migliorare. A meno che non pensiamo che i giocatori fossero tutti ubriachi e che basta oggi una lavata di testa per ottenere una grande squadra. Al Napoli mancano ancora grandi giocatori in ruoli fondamentali: in ordine di importanza, portiere e difensore centrale, attaccante d’area, centrocampista di peso. A questo punto lasciamoli lavorare sul campo affinché possano ritrovare almeno l’anima ed evitiamo dichiarazioni roboanti. Nel calcio due più due non fa quattro.
Antonio Mango

7 Commenti

  1. è vero campagna acquisti non completa. di sicuro ci vuole un difensore centrale perchè cannavaro fa ridere… e basta appoggiarlo nn capisco xkè deve giocare solo xkè è il fratello di fabio nn è giusto.. dai diciamo la verità è troppo lento e scarso..! x nn parlare di rinaudo un altro pacco forse un pò meglio di cannavaro xkè cannavaro è il + scarso della serie a come difensore..! a centro campo ci vuole uno come cecs fabregas hihihi altro ke cigarini.. in attacco il grande david trezeguet! apparte gli skerzi ci vogliono 2 difensori uno al posto di cannavaro e un altro al posto di contini/aronica xkè campagnaro e santacroce sono ottimi.. a centro campo deve andarsene gargano e deve prendere uno tosto tipo keita del barca! e vedi come cigarini poi gioca bene.. in attacco ci vuole un grande centro avanti.. via denis, pià, pazienza, cannavaro, rinaudo, e mi riprenderei vitale non si sa mai.. ah e poi ci vuole un sostituo di lavezzi bravo cn i piede penso pandev o suazo.. un ultima cosa attenzione a hoffer ke è molto bravo ci sta in un tridente o qualke volta al posto di quaglia.

  2. Sono completamente d’accordo, mettiamocelo in testa questa squadra è stata costruita male, è mediocre basta fare la media ci sono giocatori da 8 ed altri da 4, somma e dividi ti ritrovi con in bel 5, 5 e mezzo, questa è l’amara verità. Caro Dela ma la difesa l’hai vista? La squadra andava rifondata da lì, Cannavaro, Contini e Rinaudo sono dei buoni rincalzi nulla più farebbero panchina in qualsiasi altra squadra di un certo livello in serie A, gli unici difensori buoni sono Campagnaro, rotto e Santacroce, ancora acerbo. Non ti dice niente il nome di Fabio, Cannavaro ovviamente, il tuo più grande errore, insieme alla scelta di Donadoni da quando sei alla guida del Napoli.
    Adesso ti ritrovi che hai speso 50 milioni di euro e ti servono ancora almeno altri quattro cinque giocatori… Senza contare che non solo è stata sbagliata la campagna acquisti, ma sopratutto quella cessioni, ancor più grave, cedere gente come Mannini, Blasi e Vitale, senza tra l’altro nemmeno grosse contropartite economiche e tecniche è stata la ciliegina sulla torta… E che ci fanno in rosa giocatori come Pià, Pazienza, Amodio, ecc… con tutto il rispetto Presidente giocatori di serie B.
    Comunque caro Dela la capisco ed ha tutta la mia solidarietà e come se io mi fossi comprato una macchina da 50000 euro, ma esco sempre con la mia cara Panda di 15 anni fà… Le faccio comunque i miei complimenti non era facile trovarsi in una situazione del genere… Si sforzi può fare di meglio…

  3. Ma Ragazzi Vitale era un disastro preferisco anche se non di ruolo mille volte di piu` Datolo sulla sinistra. Mannini non bisognava darlo via ma campagnaro senza mannini non ce l’avrebbero dato. Vorri aggiungere che se Datolo giocasse nel 4-4-2 della Samp anche lui farebbe rimpiangere la cessione.

  4. ricordo perfettamente il parma di ranieri la prima cosa che fece mando in panca contini e p. cannavaro e noi cosa facciamo astutamente li abbiamo comprati… quetsa è una vera politica di marketing.. complimenti al quel saputone che li ha acquistati

LASCIA UN COMMENTO