Un Napoli dai due volti vince con tanta fatica

8
75

Le pagelle di Napoli-Siena 2-1

De Sanctis: non esente da colpe sul gol di Maccarone. Non accenna nemmeno alla parata sembrando in ritardo. A sua discolpa c’è la totale libertà del calciatore di tirare verso la sua porta. Reagisce stringendo i denti alla sostituzione quando s’infortuna al dito dopo i cori del San Paolo che inneggiavano a Iezzo. 5,5

Cannavaro: partita disastrosa. Non raddoppia su Maccarone nell’azione del gol ma rimane fermo a guardare l’attaccante senese che insacca. Sempre in ritardo negli interventi, inguardabile nella costruzione del gioco. 4

Contini: non è al meglio della condizione e gioca nonostante i continui dolori. Sembra, della difesa, quello che perde meno la testa nelle situazioni pericolose. Da un pò di ordine alla retroguardia azzurra sempre in affanno. 6

Aronica: partita senza infamia nè lode. Viene sostituito da Rinaudo nella ripresa dopo l’ennesimo giallo. 5

Maggio: corre tanto, s’impegna e si procura un sacrosanto rigore negato incredibilmente dalla pessima terna arbitrale. Ha una ghiotta occasione da gol ma si vede respingere il tiro sulla linea da Del Grosso. Unico neo, non salta mai l’uomo. 6,5

Gargano: continua a perdere una serie impressionante di palloni nel primo tempo. Trasformato nel secondo sembra ricordare quello della scorsa stagione. Speriamo ritorni il rubapalloni che conosciamo. 5,5

Cigarini: altra partita sotto tono. Da lui ci si aspetta ordine e passaggi filtranti. Si limita a giochicchiare con passaggi di un metro. Fino ad oggi gli 11 milioni spesi per acquistarlo sono stati sprecati. 4,5

Hamsik: il migliore in campo. Chi lo conosce lo sa, sparisce dalla partita ma poi sotto porta, quando serve c’è sempre. C’è lui quando Datolo scodella un pallone di testa su cross di Quagliarella, stacco e gol. Incaricato da Donadoni di battere il rigore (sul dischetto si era presentato Quagliarella), lo sbaglia ma la sua freddezza nel ribatterlo dentro cancella l’errore. 8

Datolo: quando ha licenza di offendere fa la differenza. Purtroppo gli viene chiesto di fare un lavoro poco consono alle sue caratteristiche ma specialmodo nel secondo tempo tiene bene la fascia creando superiorità numerica. Suo l’assist per il primo gol. 6,5

Lavezzi: ha voglia e si vede. Ancora troppo testardo nel cercare l’uno contro uno, perde spesso i contrasti. Almeno in confronto alle prime partite sembra stare meglio sotto il profilo atletico. Regolarissimo il gol annullato dove con un grande dribbling mette dentro il pallone del possibile 1-0. 6

Quagliarella: ancora l’intesa con Lavezzi non c’è. Troppo defilato sulla destra, mette continui cross al centro, peccato che in area ci vorrebbe un secondo Quagliarella. Sempre dalla destra parte lazione che porta al primo vantaggio. 5,5

Sostituti

Rinaudo: incredibile la dormita sul gol di Maccarone. Assieme a Cannavaro non contrastano Big Mac che pareggia indistrubato. Molto meglio nel corso della gara che, dopo il nuovo vantaggio, scivola via tranquillizzando un pò tutti, perfino la distratta difesa. 5

Pazienza: entra la posto di uno spento Cigarini. Tiene bene il centrocampo facendo quello che gli è chiesto. Spezzare la manovra avversaria. 6

Hoffer: SV

Allenatore, Donadoni: Prima della partita riceve parole "non d’amore" dal suo presidente che lo silura. Si sente dire che tornando indietro non sarebbe stato l’allenatore del Napoli. Non riesce a trasferire alla squadra mordente. Non richiama la squadra che nel primo tempo è allo sbando, non si arrabbia con la terna per i continui torti arbitrali subiti dagli azzurri. Non sappiamo cosa abbia detto alla squadra nella pausa, ma i partenopei rientrano con un altro tono e si vede. 5

Salvatore Scotto – Redazione NapoliSoccer.NET



8 Commenti

  1. Io non concordo con le critiche fatte a Donadoni per il semplice fatto che,nonostante siano stati negati il gol di Lavezzi e il rigore sul fallo a Maggio,l’allenato è riuscito a gestire la situazione e a far rientrare in campo una squadra,che,se fosse stata come a Milano,sarebbe stata demotivata e senza carica,ha creduto nelle sue capacità riuscendo a segnare un’ulteriore gol e a portare a casa i tre punti contro una squadra che si è difesa molto bene.

    Credo che sia il caso di non mettere tutta questa pressione ai giocatori di questa squadra come se fosse il real madrid;infatti loro hanno ragione perchè pretendono da quei campioni prestazioni del loro stesso valore mentre noi da questi ragazzi pretendiamo così tanto che alla fine vanno nel pallone…

    Adesso è diventata una questione psicologica….nulla di più…
    Per me il comportamento di marino è stato estremamente fuori luogo perchè alimenta le pressioni generate dai media che ingigantiscono le cose e mettono pressioni inutili ai giocatori del napoli,i quali a mio avviso non gocano per divertirsi e vincere ma solo per non dare modo a tutti voi di parlare.

  2. De Sanctis 5-Cannavaro 4-Contini 5-Aronica 4(Rinaudo 5)-Maggio 5.5-Gargano 4.5-Cigarini 4-Hamsik 6.5-Datolo 5,5-Lavezzi 5-Quagliarella 4.5…..questi sn i voti obiettivi x la prestazione del Napoli di oggi

  3. tutta questa negatività non la capisco,a me sono piaciuti,ci hanno messo grinta e gambe,e non era facile contro una squadra che non lasciava nessuno spazio,dopo tutte le critiche le polemiche e dopo i torti del primo tempo,e dare 4,5 a cigarini mi sa di perseguzione ,ma siamo seri per favore

  4. MARINO il primo ora mi dispiace MISTER ma anche le dia le dimissioni, sono orami 15 partite ed il gioco non esiste anche oggi abbiamo palesato enormi limiti tattici e tecnici e continuo a pensare che QUAGLIARELLA 19 mil PAZZESCO, ZUNIGA 8 in panchina, CIGARINI è spaventato da se stesso FORZA BLASI

  5. Trovo assurdo che in questo momento di difficoltà si senta la mancanza di un brocco come Blasi.
    Poverino è andato a Palermo per giocare gli ultimi 3 minuti delle partite…..
    Un giocatore isterico che nel precampionato ne ha fatte di tutti i colori….
    PERFAVORE NON MENZIONATELO PIU’ E LASCIATE CHE RIMANGA NELLA PANCHINA DI PALERMO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here