Tagliapunti e Donapianti

11
34

Arbitraggio da ridere e Napoli da piangere. Il succo del replay della partita di Palermo è tutto qui. Per due volte gli azzurri cominciano la partita con autorità e fanno sperare che la vincono, per due volte, prima Maggio e poi Campagnaro, si trovano con la palla tra i piedi davanti a De Sanctis, gli dicono “esci!” e lui non lo fa, per due volte ancora il fallo subìto dall’azzurro di turno diventa fallo fatto, rigore e amen.
Partita persa, a Genova con l’aggravante del crollo e con un allenatore andato in confusione.  Da dove cominciare? Per me da Tagliavento, che ha tagliato l’unica cosa che non doveva tagliare: la bella partita che Genoa e Napoli stavano giocando sul campo e sulle tribune. Tagliavento o Tagliapunti, chiamatelo come volete voi, ha sbagliato tutto. E ha sbagliato di più, come succede sempre, a sfavore del Napoli.

Mettete una squadra che non è ancora veramente tale, datele due rigori contro inesistenti, l’avete ammazzata. Il campionato è tutto qui. Quando hai dei problemi, se sei protetto te la cavi e la volta prossima ti riprendi; se non sei protetto, perdi (pure malamente se ci metti del tuo) e la prossima volta devi giocare con la crisi in corpo e nella mente.

Detto questo (che non è poco, perché avrei voluto vedere un secondo tempo sull’1 a 0), come giudicare il Napoli di Donadoni? Prima di tutto lo spirito di squadra che sa il fatto suo non c’è. Ricordate quando si diceva che gli azzurri avevano  carattere? Ricordate la partita a Roma? Ricordate Sosa e l’anima di quella squadra? E’ ciò  che oggi non c’è. Se la partita si mette male i giocatori non sanno che fare. Si allungano, si disuniscono, ognuno va per fatti suoi e tenta la giocata individuale. Il Genoa aggrediva gli spazi e il Napoli sembrava un pugile suonato. E’ evidente che Donadoni e società messi insieme non ce l’hanno ancora fatta. Sembrano volere (e anche se non lo vogliono questo hanno prodotto) una squadra di impiegati silenziosi più che un team entusiasta e motivato.

Vogliamo parlare anche dei singoli? Il tanto bistrattato Hamsik dello scorso campionato (che mi vanto di aver sempre difeso) è un vero gioiello calcistico. Sono ancora i primi felici acquisti la cosa migliore de Napoli, insieme ai recenti Quagliarella e Campagnaro. Ma, per piacere, fatemi dire che un portiere che si rispetti deve uscire come una furia su quelle palle che ballonzolano in area tra i piedi del compagno di squadra; che Maggio per me, se continua a giocare così, rimane un oggetto misterioso (non sa difendere e non attacca); che la difesa centrale è quella della B e che non si può giocare a Genova senza un mediano vero e con Pazienza che ha il passo del diesel e il passaggio storto. E Lavezzi? Per piacere, non fatelo diventare un altro oggetto misterioso. E Donadoni? Boh, impassibile. Ma è il caso con questo Napoli, con questi arbitri e con questi avversari, che hanno sempre uno Sculli-provocatore? Rivedetevi l’abbraccio degli azzurri dopo il gran colpo di Hamsik. Hanno voglia di vincere, ma date loro un capo e non caleranno la testa.

Antonio Mango

11 Commenti

  1. concordo in pieno….e speriamo ke il corso cambi,ma non butterei via tutto ricordandomi ke abbiamo avuto contro non solo gli avversari di turno ma anke la terna arbitrale.

  2. Ho paura poichè la mia filosofia è questa se un allenatore vale0,ma carisma e carattere 10,la squadra buona,si avrà uno squadrone capace di reagire e vincere anche all’ultimo secondo,purtroppo penso che senza indicazioni precise e credibili,il giocatore si che diventa oggetto msterioso per cui mi dispiace ma tanto Donadoni,non è da Napoli,con l’udinese ok vinciamo e poi,tiriamo sino a gennaio ma non dimentichiamo che a Gennaio il mercato riapre e così conciati,le tentazioni arriveranno e tante.Il Pocho,Marek,EL Mota Zuniga,Campagnaro ed altri,PRESIDè che avverrà?

  3. Caro Mister,
    che lei sia una brava persona è fuori dubbio, anche che lei sia un professionista serio.
    Tuttavia sono passati sei mesi dal suo insediamento e 50 mln di acquisti.
    Vedere in campo a genova un napoli che per circa la metà era composto dalla rosa che militava in serie b (cannavaro contini aronica pazienza pià, addirittura grava in panca), mi ha fatto sorgere questa domanda.
    ma lei in tutta onestà cosa si aspettava da questi calciatori che andassero a vincere a marassi?
    Se la risposta è si, siamo messi male.
    Se la risposta è no, siamo messi peggio, perchè significa che lei è andato a genova per difendere, cosa impossibile da fare vista la nostra coppia di difensori centrali.
    Il turnover per stanchezza non ha convinto nessuno, il motivo non è quello, datolo zuniga pocho hoffer e gargano potevano essere schierati, è stata una scelta tecnica quella di schierare una squadra nettamente inferiore al genoa.
    Non so cosa pensare, mi pare che lei non sappia utilizzare i calciatori di ottimo livello che la società le mette a disposizione.

  4. I secondi tempi giocati dal Napoli sono pietosi e disastrosi. Lo fu con il Palermo, lo è stato con il Livorno ed il Genoa. Qualcosa non è andata nella preparazione e tuttora non va negli allenamenti infrasettimanali. Bisogna immediatamente correre ai ripari. Lo staff tecnico è impreparato, presuntuoso ed inesperto. Lo Sport non è come i filmini panettoni che produce la Filmauro per fa ridere i ragazzini stupidi e vacui. Il calcio in particolare è osservato da migliaia di persone preparate ed attente, ai quali non sfugge notare la confusione e l’impreparazione posta in essere dal Napoli nel secondo tempo, mentre si dovrebbe ancora giocare a memoria come avviene nel primo tempo anche e soprattutto con gli innesti che dovrebbero essere riparatori a fronteggiare maggiormente l’avversario e non fatti a “testa di cavolo” a solo scopo di far sgranchire le gambe al giocatore.

  5. guardate che i turbo diesel con centralina rimappata non si comportano tanto male ! 😛
    peccato che pazienza non sia turbo…. è il motore di una Uno diesel aspirata.

  6. Fermorestando che Donadoni non è da Napoli,non ha il carisma e la cattiveria per allenare in questa citta , non prendiamocela con Donadoni scaricando le colpe addosso al mister come si faceva con reja lo scorso anno.Qui c è da chiedere una spiegazione a Marino e Delaurentis su questo calcio mercato ,descritto come secondo solo alla juve!!!!!ma come si fa pensare che questa squadra sia da champions????l’unico vero acquisto è stato Quagliarella,giocatore capace di fare reparto da solo..e gli altri???Campagnaro ,altro bel giocatore fuori discussione,è stato pagato 4 milioni + mannini che era stato pagato 8 milioni due anni fa….Cigarini è stato pagato 11 dico 11 milioni…diventerà un grande giocatore forse si,ma ora non ha la personalita’ necessaria per guidare il napoli…giusto per fare un paragone Zapater il genoa lo ha pagato 4 milioni…è stato acquistato Zuniga per 8 milioni,un giocatore abilissimo a destra nel 4 4 2,peccato che si sono accorti che lo avrebbero impiegato a sinistra nel 3 5 2!!!!!!!!ma perchè non mettere un sinistro a sinistra???perchè non solo il napoli non è stato comprato un sinistro…ma sono stati venduti tutti i terzini sinistri che c erano(mannini,vitale).Si certo si è provato a prendere dossena…ma costava 4/ 5 milioni troppo e allora si è preso…un attaccante,Hoffer pagato la stessa cifra.
    Non ci siamo caro Marino!!!!!Non ci siamo caro De Laurentis!!!
    p.s non mi sono soffermato poi sulle prestazioni della difesa,sulla cessione regalo di blasi,sul no a F.Cannavaro (eh gia era vecchio meglio il fratello o Contini)
    Spero tanto di sbagliarmi

  7. A parte Donadoni che non e’ molto come allenatore (se no stava ancora alla Nazionale o al Milan al posto di ancelotti) al Napoli manca un leader se guardiamo nel passato alle formazioni di successo o quanto meno che riuscivano a tenere testa alle varie juve inter milan ecc abbiamo sempre avuto almeno un paio di giocatori di grande personalita’ che guidavano il gruppo e si prendevano responsabilita nel napoli di Vinicio anni 70 Juliano capitano Improta poi negli anni 80 Rudy Krol ( un mostro) Bruscolotti che era il leader indiscusso dello spogliatoio Ferrario poi negli anni 90 Diego Re Maradona aiutato da gente come Bagni, un Ferrara giovane ma gia con gli attributi e poi lo sfascio nel nuovo millennio e chi e’ il leader in mezzo al campo ora, Cannavaro? Buono per la B, questi ragazzi hanno bisogno di un punto fermo in mezzo al campo a cui guardare e seguire, diamo la fascia e un nuovo compito a Quagliarella facciamolo diventare il leader e per favore cacciamo via Donadoni tanto valeva tenersi Reja che era pure piu’ economico.

  8. forse non ve ne siete accorti ma noi in panca abbiamo reja travestito. qualsiasi squadra che sta perdendo tira fuori un centrocampista e mette un attaccante lui no come faceva reja che metteva un difensore fa la stessa mossa per poi mettere un attaccante gli ultimi 5 minuti

  9. Gli arbitri sono CONDIZIONATI dalle grandi squadre e si è visto nella partita di champions dove la Juventus, non arbitrata da un italiano, ha ricevuto il trattamento che che gli spetta, cioè non di favore ma alla pari dell’avversario……..
    ……a cosa è servito calciopoli???? Forse a nulla, a buttare solo un pò di polvere negli occhi della gente……. La Juve per lo schifo che fa combinato con Moggi meritava di essere RADIATA dal calcio

LASCIA UN COMMENTO