Corriere dello Sport: Napoli, esplode la rabbia!

2
18

In un articolo del Corriere dello Sport in edicola oggi vengno riportati gli umori e soprattutto i malumori in casa azzurra per i pesanti torti arbitrali subìti in questo inizio campionato. Dopo i clamorosi errori arbitrali di Palermo sul cammino del Napoli ancora un arbitraggio negativo, quello di Tagliavento che a Genova ha pesantemente influenzato l’andamento della gara.

Monta la rabbia di Napoli e del Napoli. Soprattutto dopo l’intervento di Collina che pur riconoscendo l’inesistenza del rigore accordato al Genoa ha assolto in quella circostanza l’arbitro Tagliavento. «Solo la ripresa della telecamera posizionata dietro la porta ha potuto chiarire quell’azione», ha precisato il designatore arbitrale. «Presa per i fondelli, intanto l’episodio ha condizionato l’andamento della partita provocando oltre al pareggio anche l’espulsione di Campagnaro», hanno commentato ieri sera i tifosi telefonando a radio private e giornali.

LA RABBIA – Molti hanno voluto ricordare quanto accaduto a Palermo alla prima giornata: gol regolare annullato ad Hamsik e spinta di Cavani a Maggio in occasione del vantaggio rosanero. «Perché De Laurentiis e Marino non si fanno sentire?, Come mai la società non alza la voce?». «Perché Donadoni non sottolinea con forza certi torti?» . Tante domande cadute nel vuoto. Il Napoli si è imposto la linea del silenzio. Nessun commento, solo tanta rabbia per come si è sviluppata la partita di Marassi. Rabbia, peraltro, percepibile nello sguardo dell’allenatore, negli occhi di Marino, nelle mezze frasi dei calciatori pronunciate in attesa del volo che li riportava a Napoli. «Doveva andare così. Dopo l’espulsione di Criscito, qualcosa è cambiato nella direzione della gara. E pare che l’arbitro l’abbia anche incolpato negli spogliatoi di avergli rovinato la serata».

MARINO – Giunti a Capodichino, i giocatori sono stati poi confortati da una cinquantina tifosi: «Un arbitraggio scandaloso, ditelo». Anche Marino è stato sollecitato ad intervenire: «Direttore, perché state sempre zitti? Noi tifosi ci sentiamo presi in giro, l’espulsione di Campagnaro ha cambiato il corso della partita». Ma il braccio destro di De Laurentiis neanche a loro ha replicato mentre la squadra si dirigeva in pullman a Castevolturno per un allenamento di scarico.

CAMPAGNARO KO – E qui, un’altra tegola: Campagnaro, mentre giochicchiava con i compagni, ha avvertito una fitta alla coscia destra e si è dovuto fermare. Si teme lo stiramento. Oltre al danno dell’espulsione, anche la beffa di dover restar fermo chissà per quanto a causa dell’infortunio.

Redazione NapoliSoccer.NET – Articolo tratto dal Corriere dello Sport

Leggi l’articolo completo nell’edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

 

2 Commenti

  1. Capirai parliamo di “buffone” Collina…………dichiarato tifoso della Lazio una volta terminata la carriera di arbitro………..colui che in un famoso Lazio Napoli ritorno di coppa italia tento’ in tutti i modi di regalare la vittoria alla Lazio con decisioni assurde e due espulsioni pesanti contro gli azzurri………..peccato che Caio gli rovino’ la serata.
    Ma se era a 50 metri di distanza come puo’ allora concedere un calcio di rigore con tanta legerezza e soprattutto quando non si e’ sicuri ???
    Hamsik l’anno scorso a Chievo si prese un cartellino rosso, per un vaffa all’arbitro e nessuno disse nulla…….lo prende Criscito e succede il finimondo, con uragani di cartellini gialli e rossi che piovono su tutto il Napoli……..
    BASTA non se ne puo’ piu’ di questa farsa, il Napoli sta subendo torti arbitrali uno piu’ assurdo dell’altro.
    Marino , e’ ora di alzare la VOCE !!!!

LASCIA UN COMMENTO