La lettera di Montervino ai tifosi

29
38

Ecco il saluto che Francesco Montervino ha desiderato rivolgere ai tifosi napoletani tramite il Corriere del Mezzogiorno
"Cara Napoli, resti per sempre nel mio cuore. E nella mia vita. Non sono parole scontate, chi mi conosce sa che non mi appartengono, ma que­sto è solo un modo semplice e affet­tuoso per ringraziare una città che mi ha dato tutto, alla quale io stesso di più non avrei potuto dare. In termini di impegno, abnegazione, forza e ca­rattere. Essere il capitano di una squa­dra ripartita da zero e tornata in serie A mi ha riempito di orgoglio, mi ha re­stituito dignità di calciatore, ma so­prattutto di uomo. Sì, perché le testi­monianze di affetto che ho avuto in questi anni hanno riempito le mie giornate, hanno arricchito la mia ani­ma. Hanno fatto parte di me e della mia famiglia. Grazie Napoli, perché sei stata un’esperienza unica. Ricomincio non troppo distante da te, metterò al servizio della Salernita­na la grinta e l’esperienza che ho matu­rato qui in questi anni. Lo devo a Fa­bio Brini e ai vertici della società gra­nata che mi hanno voluto a tutti i co­sti, hanno avuto grande fiducia in me. Quando Brini, l’anno scorso, ebbe con me un timido approccio, lo abbracciai – siamo amici e tra di noi c’è stima – . Non immaginavo di lasciare Napoli. Le cose cambiano, però. Bisogna anche saper voltare pagina. L’entusia­smo non mi manca, anzi. So­no felice di cominciare l’av­ventura a Salerno. Di contri­buire a rafforzare gli obiettivi di un club, che ha comincia­to in salita il campionato. Na­poli resta la mia casa, perché oggi sono un calciatore e an­che un papà. La mia bimba va a scuola, ha un equilibrio e non vorrei, in questa fase, crearle problemi. Salerno sa­rà la mia maglia. La mia se­conda pelle, così come è sta­ta quella del Napoli. Forse non sarà immediato, ma cer­cherò di instaurare un buon feeling con i tifosi della Saler­nitana, che so che mi stanno aspettando. Quello avuto con i tifosi del Napoli è stato uni­co. Salerno e Napoli due città vicine, due città di mare. Gra­zie all’una, ma anche grazie all’altra. Grazie Salerno per la stima che ho sentito di avere, per la forza che mi hai dato, e perché hai creduto in me. La bandiera del Napoli resta un trofeo meraviglioso, ma il matrimonio con il club era fi­nito. Non dava più nulla né a me, né a loro. Ricomincio, con uguale entusiasmo. Con la grinta che mi appartiene. E con l’emozione che sento ogni volta che scendo in cam­po. E’ un’occasione importan­te, una chance che mi onora".
Redazione NapoliSoccer.NET

29 COMMENTS

  1. ciao capitano a presto in serie A. migliori auguri spero un giorno ci sara` il gemellaggio tra le due tifoserie forse tu potrai essere l`artefice di questo incontro tra le due citta`. a presto capitano

  2. Capitano sei stato, sei e resterai per sempre uno di noi. Tutti quelli che ti criticano sono quelli che in C e in B non c’erano e non sanno tutto quello che hai fatto per noi. Capitan Montervino Cuore Azzurro.

  3. Il calcio avrebbe bisogno di uomini come il nostro capitano, uomini attaccati ai colori e ai tifosi gente che crede ancora nei valori dello sport in un mondo ormai basato sul buisness dove contano piu’ gli introiti che i risultati
    montervino è stato forse l’ unocp calciatore del napoli della rinascita che ha sempre messo anima e corpo in campo trascinando i suoi compagni spesso non proprio volenterosi e carichi di quella voglia di vincere che lo ha sempre contraddistinto
    pur non essendo un fuoriclasse spesso e’ risultato il migliore in campo(con l’inter e il milan segnando anche)
    e si sa’ che nel calcio le motivazioni sono fondamentali
    grazie ciccio da tifoso e da napoletano ci mancherai

  4. grazie x le belle parole ke hai scritto,mi sonno commossa non dico addio ma un arrivederci tu hai fatto tanto x il napoli sara’ brutto guardare la partita e non vederti in campo, in panchina o in tribuna.ti auguro tanta felicita’con la tua nuova squadra.un abbraccio forte a te e alla tua famiglia e rimani sempre cosi’ non cambiare mai ciao capitano.

  5. Ciao capitano e non ascoltare le persone che come Lello, non hanno riconoscenza ( forse non hanno nemmeno mai visto una partita del Napoli) per quanto hai fatto per impegno e forza , fino ad oggi.

  6. A Montervino, che con sagacia ed assiduità hai contribuito sul campo e nello spogliatoio ad accompagnare la risalita del glorioso Napoli dalla squallida seria C al proprio campionato di competenza, un sincero ed affettuoso saluto ti rivolge limar70, augurandoti ogni bene possibile nella nuova squadra campana che hai prescelto dimostrando, ancora una volta, il tuo attaccamento per i napoletani.

  7. Onore a chi ha scritto la nostra storia! Dopo Sosa e Carmando un’altra bandiera ci lascia. grazie Francesco per l’attaccamento alla maglia ed ai colori, ci mancherai!

  8. @ lello nei week end degli ultimi 6 anni sei andato al cinema presumo..

    caro capitan montervino ti saremmo eternamente grati per quello che hai dato a questa squadra..ora è tempo sia per te che per la società di voltare pagina pur conservando sempre vivi i ricordi e l’affetto che vi hanno legati..in bocca al lupo..

  9. lello mi sa’ ca o’ casatiell si propij tu grande capitano e nn dimentichiamoci che il signr. montervino insieme a sosa quando il napoli falli’ comprarono i pallon e si allenavano a paestum fino a quando de laurentis compro’ la societa’ quindi lello stat’ zitt ca faj chiu’ bella figura ciao capitano tanti auguri anke se vai a salerno citta’ e squadra che odio da morire…ultra’ napoli

  10. Fermo restando che ognuno può e deve esprimere il proprio parere,non riesco a capire perchè sino a poche ore fà i vari Montervino e Blasi dovevano essere ceduti perchè non consoni alle nostre aspirazioni “europee” ed ora che li abbiam dati via tutti a rimpiangerli,che vogliamo l’Europa con Montervino in campo e quel rude di Blasi a centrocampo?Certo anche Pazienza,Amodio,Rullo,De Zerbi e compagnia bella sono inutili alla causa…ma siam sicuri che in giro c’erano società a cui essi potevano servire.Meglio che guardino dalle tribune poi al limite a gennaio vediamo cosa manca alla squadra!!!Non condivido le critiche per Dàtolo,se uno che conosciamo bene continua a convocarlo in nazionale,un motivo ci deve essere!Non credo lo faccia per rallegrare i napoletani andando ad affrontare i lBrasile con delle scartine in campo…..E’ un pò come la faccenda Bogliacino,se ogni allenatore che viene a Napoli lo ritiene importante per la squadra un motivo ci deve pur essere sia esso di ordine tecnico o perchè il ragazzo e una gran seria,e abnegata persona su cui fare affidamento!!!!

  11. parole sentite, parole vere. quindi, al di là delle valutazioni tecniche, un grosso in bocca al lupo. sei stato uno di noi e noi non ti dimenticheremo. ciao.

  12. Ricordo come fosse oggi il momento e il luogo in cui mi trovavo quando la radio annunciò il tuo acquisto. Fui veramente molto contento perchè stavamo prendendo un giovane di belle speranze che a soli 23 anni era già capitano dell’Ancona. Grazie per il professionista serio, grazie al capitano del nuovo corso e di mille battaglie dai campetti di mezza italia fino a Lisbona.
    Grazie Montervino.

  13. Me lo ricordo quando si alzava da terra dopo aver ricevuto un fallo, con la maglietta sporca del campo di cittadella e questo rimarra’ impresso e deve far meditare chi adesso vorrebbe 2milioni senza sudare.

  14. Ciao capitano, il calcio ha bisogno di persone come te. Il tuo cuore e la tua grinta uniti all’attaccamento alla maglia ci sarebbero serviti fino all’eternita’.Spero tornerai presto da dirigente.Montervino, Napoletano vero!
    In bocca al lupo!

  15. Grazie a Montervino per il suo attaccamento e per il suo spirito di squadra.
    E’ giusto che vada a giocarsi le sue carte dove può essere protagonista.
    Ne approfitto per una domanda “circolare”: qualcuno di voi sa quando scadono i contratti di Grava, Amodio, Pazienza; De Zerbi e Rullo? grazie

  16. Grazie Francesco, per tutto quello che hai fatto per noi. Resterai nella storia del calcio Napoli e non solo perchè sei stato il capitano della rinascita ..ma soprattutto resterai nei nostri cuori…

  17. Monterivno ora fà parte della storia del Napoli. Un gladiatore…. dai campi infimi della serie C fino ad arrivare in serie A grazie anche sopratutto a lui.
    Ha sempre dato il 150% di se stesso…e lui stesso era consapevole dei suoi limiti tecnici.
    Ma d’altronde…..se Montervino era pure molto bravo tecnicamente….e chi era Maradona!!?
    Ti ringrazio di cuore Francesco!!!!!!

  18. Onore a chi ha sempre difeso i Ns colori , onore a chi ha sempre sostenuto la Ns rinascita , onore a chi ha sempre sofferto con noi .
    Grazie capitano .

LEAVE A REPLY