Sosa: “Grazie Napoli, non ti dimenticherò mai”

4
16

"Metterò la maglia ‘Chi ama non dimentica’ dedicato a tutto il popolo napoletano". Ci sono forti emozioni nella conferenza stampa di Roberto Sosa. Gratitudine, suggestione ma soprattutto commozione. Il Pampa parla a cuore aperto a tutta Napoli. Dalla Società ai tifosi. Domenica sarà la sua ultima partita al San Paolo. Il bomber argentino ha gli occhi lucidi ma la voglia di ringraziare tutti.

Pampa a Napoli lasci il cuore e cos’altro?

"Lascio un pezzo della mia vita. Amo questa città con tutto me stesso. Sto qui da 4 anni e sono diventato praticamente napoletano. Non dimenticherò mai il primo giorno. Stavo per partire per Udine quando mi chiamò Pierpaolo Marino. Mi disse: punto su di te per riportare il Napoli in serie A. All’inizio rimasi stupito. La squadra era in C. Ma il Direttore mi promise che se avessi accettato la nuova avventura avrei giocato con il Napoli in serie A. E così è stato. Ha mantenuto la parola".

Pampa dai giudizio sulle persone più importanti che hai incontrato a Napoli. Cominciamo da Pierpaolo Marino…

"Gli devo tutto. Come uomo e come dirigente. Mi ha portato in Italia, mi ha portato al Napoli. Grazie a lui ho vissuto gli anni più emozionanti della mia vita. Marino mi ha cambiato la vita. Io dovrei fargli un monumento…".

Il Presidente De Laurentiis…

"Una persona meravigliosa. Spesso mi telefona e parliamo di tutto, di vita e non solo di calcio. Mi ha invitato più volte a cena con la sua famiglia. E’ un uomo squisito. Non ho dubbi: De Laurentiis sarà il Presidente che farà di nuovo grande il Napoli".

Edy Reja…

"Per raccontare il mister ho solo una parola: rispetto. Lui il rispetto lo dà e lo merita. E’ un grande uomo ancor prima che un ottimo tecnico. I risultati parlano per lui. E’ stata una guida preziosa per tutto il gruppo".

Il compagno al quale sei rimasto più legato…

"Fabio Gatti. Lo sento ancor oggi. E’ un ragazzo splendido".

Il gol più bello che hai segnato al Napoli…

"La rovesciata con il Frosinone. Bello ed importante per la vittoria del campionato".

L’immagine di Napoli che non dimenticherai mai…

"L’esultanza sulla traversa il giorno della promozione in B. Mi sono arrampicato perché avevamo vinto il campionato ed è come se avessimo rivisto il cielo dopo l’incubo. Ho fatto un gesto di liberazione. Spontaneo e indimenticabile".

Il tuo ricordo più bello in assoluto…

"Aver giocato l’ultima volta con la maglia numero 10. Ringrazio la Società ancor oggi per quel regalo".

Che Napoli lasci?

"Un Napoli che in pochi anni arriverà in Champions League. A me basta già aver contribuito a riportare la squadra nel calcio che conta. Ma questo gruppo ha un grande futuro. Lasciate lavorare con tranquillità il Presidente De Laurentiis e il Direttore Marino. Sono gli uomini giusti per proseguire il progetto di un Napoli sempre più forte".

Pampa domenica saluterai la tua gente. Come immagini quel momento?

"Non riesco ancora ad immaginarlo. Saluterò Napoli come il primo giorno: sudando la maglia azzurra. Io sono orgoglioso di essere argentino e napoletano. Devo tanto a Napoli. Forse sono addirittura in debito per l’affetto che la gente mi ha dato. Metterò su la maglia: ‘chi ama non dimentica’. Perché solo chi ha vissuto a Napoli può capire cos’è l’amore".

Ma non è un addio, è un arrivederci…

"Sì. L’anno prossimo andrò a giocare in Argentina con la mia prima squadra il Gymnasia. Ma appena potrò tornerò qui in vacanza. E poi per un eventuale incarico in Società. Napoli è stata la mia vita. E spero un giorno di poter contribuire a portare in azzurro un grande campione argentino…".

Redazione NapoliSoccer.NET – Fonte: sscnapoli.it

 

4 Commenti

  1. pampa,anche per noi tifosi verso di te valgono le stesse parole, CHI AMA NON DIMENTICA … a napoli hai fatto storia quasi come maradona!!!hai accettato di andare ai serie c per il napoli…grazie campione!! dacci dentro domenica,facci sognare ancora allo scadere come ci avevi abituato.. grazie grazie grazie sosa

  2. Pampa grazie di tutto, soprattutto per il lavoro che hai svolto nello spogliatoio, pensavi solo a far crescere il Napoli. Grazie. Certamente noi Napoletani abbiamo avuto i vari Jeppson, Savoldi Careca, Altafini, grandi attacanti, ma tu sei entrato nel nostro cuore, strano a dirlo. Grazie Pampa domenica ti congederai con un ottima prestazione al san Poalo. Pampa pampa ale ale pampa pampa ale ale pampa pampa ale ale ale. Ricordati di segnalarci una volta in Argentina i nuovi talenti per noi. Grazie

LASCIA UN COMMENTO