In ritiro Donadoni prova le “punizioni”

2
21

Dopo l’allenamento mattutino, mister Donadoni, conscio dell’importanza dei calci piazzati, ha chiesto a Lavezzi, Quaglirella, Cigarini ed Hamsik di intrattenersi sul terreno di gioco per provare i calci piazzati. Sono anni ormai che il Napoli non riesce a finalizare adeguatamente i calci da fermo (diretti), soprattutto quelli dal limite dell’area di rigore. Dai tempi di Fontana i gol su punizione sono stati uina delle note dolenti della compagine partenopea ed un lungo digiuno è stato rotto soltanto dalla magica parabola disegnata lo scorso anno contro il Cagliari da Lavezzi. Troppo poco, deve aver pensato Donadoni che, da giocatore, in quanto a qualità tecnica era un maestro.
E quindi, già da queste prime fasi di ritiro, il tecnico azzurro ha deciso di individuare e valorizzare quei giocatori che hanno la qualità per poter centrare proficuamente le porte avversarie con palla ferma. I quattro "moschettieri" azzurri quindi si sono cimentati – assieme allo stesso tecnico – a tirare in porta, con Gianello a difesa dei pali.

Redazione Napolisoccer.NET
 

Condividi
Articolo precedenteDe Sanctis rinuncia ai diritti d’immagine
Prossimo articoloFumata nera, il Liverpool non cede Dossena
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO