Non parlate ai passeggeri

2
26

 

Le mani ferme sul volante lasciano lo sterzo solo per cambiare le marce.
Questo si attendevano in molti da Donadoni fin dal giorno del suo subentro a Reja; così non è stato: l’allenatore azzurro ha preferito il ruolo di "assistente spirituale" a quello di manager della panchina, per chiudere in continuità una stagione maledetta.
Il suo vero metodo lo stiamo vedendo in questi giorni.
Lo staff tecnico rivoluzionato, le regole interne ed i metodi di allenamento cambiati, un centro tecnico all’altezza di una società di serie A, collaboratori di altissimo livello come Buso e poi l’idea stessa dello schema, seppure alcune indiscrezioni diano il modulo 3-5-2 come base di partenza, è stata travolta, a valanga, dal modo di intendere il calcio di mister Donadoni, un calcio fatto di tanto dinamismo e movimento senza palla per sbilanciare l’assetto difensivo avversario.
Tutti noi soffriamo, però, l’effetto "silenzio stampa", questo strano meccanismo che permetterebbe di parlare al conducente ma impedisce di rivolgere la parola ai passeggeri di questo treno chiamato Napoli.
Domenico Infante – Redazione Napolisoccer.NET

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY