Napoli, lavori in corso

1
21

Gli azzurri sono a Lindabrunn. Definita da alcuni, dallo stesso Donadoni, "la Coverciano austriaca" per l’ottimo livello di organizzazione e per la disponibilità di strutture d’allenamento di prim’ordine, la sede del ritiro della squadra partenopea ha ospitato il primo allenamento degli azzurri.
Il Napoli è al lavoro, esposto metaforicamente il cartello "Lavori in corso", la squadra non sembra essere un cantiere, nonostante l’assenza dei nazionali italiani, nonostante qualche volto sia inevitabilmente di passaggio a Lindabrunn, e nonostante manchi ancora qualche tessera al mosaico che, Marino e de Laurentiis, stanno costruendo.
Il primo allenamento è stato naturalmente poco intenso, basato com’era, più sulla conoscenza dei singoli e sulla familiarizzazione con il compagno.
La comitiva napoletana è stata accolta da uno scroscio d’acqua al suo arrivo, ma la pioggia ha poi lasciato l’aria un po’ più fresca consentendo un po’ di respiro sotto un tiepido sole ai giocatori del Napoli. La società ha, nel frattempo, ufficializzato il nome del nuovo massaggiatore, è Marco Di Lullo, proveniente dal settore giovanile. Di Lullo avrà il compito di gestire i muscoli degli atleti azzurri oltre a quello non facile di sostituire il sorriso di Carmando.

Domenico Infante – Redazione Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteBucchi va in prestito a Cesena
Prossimo articoloQuesta sera “La Voce di Napoli”
Napoletano, scrittore, impara a leggere prima di riuscire a dire "a cuoppo cupo poco pepe cape, poco pepe cape a cuoppo cupo" e tutti gli altri scioglilingua in napoletano che gli insegnava suo padre. La passione per il calcio risale al nonno paterno del quale porta il nome.

1 COMMENTO

  1. che tristezza questo calcio moderno…tifosi che non possono assistere agli allenamenti. ma che è il prosieguo del G8. una volta (una volta, parliamo di 10 anni fa o poco +) c’era più contatto, possibilità di sentirsi partecipi, ora questa distanza, che diventa sempre più incolmabile, rendendo l’evento queasi astratto ed artificiale, chissà se l’amore per la maglia potrà, alla lunga, bastare a sopportare tutto ciò. cmq sempre forza Napoli.

LASCIA UN COMMENTO