Lavori in corso per lo Stadio San Paolo

6
113

Dopo il caso-Lavezzi e le soddisfazioni proventienti dall’ottima campagna acquista, il club di De Laurentiis e la città di Napoli devono fronteggiare un problema altrettanto serio. Lo storico impianto azzurro, nato come Stadio del Sole e oggi conosciuto con il nome dell’ apostolo che attraccò in Italia proprio nei pressi di Fuorigrotta, continua a destare preoccupazioni. Il primo anello dello stadio, per oltre ventimila posti, rischia di non essere disponibile per l’inizio del campionato, previsto il prossimo 23 agosto. Sono in corso lavori di ristrutturazione nella parte inferiore dell’impianto di Fuorigrotta, evidenziati ieri in una nota dal consigliere comunale del Pdl Raffaele Ambrosino e riportata dal quotidiano Il Mattino. "Il primo anello dello stadio San Paolo sta per essere chiuso e inibito al pubblico. Sarebbe un vero disastro inibire altri ventimila posti riducendo la capacità totale ad appena quarantamila unità dopo la già pesante limitazione imposta dalla nota vicenda della chiusura del terzo anello costruito in occasione dei Mondiali del ’90". D’altra parte il noto assessore allo Sport del Comune partenopeo, Alfredo Ponticelli, ha rassicurato: "Il San Paolo non è a rischio di chiusura e i lavori per la messa in sicurezza del primo anello saranno effettuati entro le prime partite. I lavori per il San Paolo, pure se infiniti, sono una delle nostre priorità e quindi già stiamo operando affinché il primo anello sia messo in sicurezza". Quanto alla possibilità di affidare l’intero impianto di Fuorigrotta, inaugurato nel lontano 6 Dicembre 1959, al club di De Laurentiis, l’assessore ha ricordato: "È una ipotesi già valutata da tempo ma che non ha mai trovato riscontri prima di tutto dallo stesso Calcio Napoli, mai intenzionato a rilevare l’impianto. Ancora una volta sarà trovata la soluzione per rendere agibile il San Paolo anche se con notevoli costi per l’amministrazione comunale".

Redazione NapoliSoccer.NET – Josi Gerardo Della Ragione



6 Commenti

  1. stadio di proprietà
    E’ l’unica soluzione non so dove non so quando ma abbattete il san paolo e fate un nuovo stadio più funzionale magari meno posti però senza pista di atletica con una visibilità della partita pari al meazza di san siro (è uno spettacolo guardare negli occhi i giocatori).

  2. ogni volta che torno a napoli, trovo sempre una cosa più distrutta. le ammninistrazioni politiche che abbiamo avuto, erono gelosi se lasciavano fuori il san paolo dal degrado, quindi anche il mitico stadio è finito dentro al degrado. e noi continuiamo con il mandolino la pizza e a sfugliatella.POPOLO NAPOLETANO INIZIAMO A VALORIZZARE LA NOSTRA BELLA CITTA’ diffidiamo dai soliti arruffoni.
    NAPOLI TI AMO.

  3. parliamoci chiaro, abbiamo uno stadio da terzo mondo!
    andare a vedere una partita al san palo è diventata una via crucis!
    Bisogna ristrutturarlo come si deve, era molto meglio prima dei lavori per Italia90, oppure costruirne uno nuovo altrove ma di proprietà del Napoli e non del comune.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here