Longhi: “Alla fine gli errori si equivalgono”

11
27

“Non solo il Napoli ha avuto torti arbitrali. Penalizzati anche altri club”
L’ex arbitro internazionale, componente supplente dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive e Coordinatore per la sicurezza, Carlo Longhi, intervenendo a “Radio Goal” sulle frequenze di Kiss Kiss Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni: “Devo dire che Romeo sta arbitrando bene, è un arbitro in forma. Domenica a Parma, purtroppo, il Napoli è incappato invece in un arbitro che non è in forma da molto tempo. Non è stato solo il club azzurro, ad avere avuto penalizzazioni: Juve, Atalanta ed anche la Fiorentina hanno subito torti. È un periodo in cui gli arbitri non sono in forma. Queste cose però ci sono sempre state, quando ho iniziato sentivo qualche presidente che parlava già di sudditanza psicologica. Sono dell’opinione che alla fine gli errori si equivalgano, capisco gli sfoghi dei presidenti perchè ci mettono passione e soldi, ma gli arbitri cercano di fare il meglio possibile”.
Redazione NapoliSoccer.NET
 

11 Commenti

  1. ma cosa dici……..
    Quello di ” mister sbaglio” è un errore voluto, lo prova il fatto che, poco prima ha fermato un azione da gol sicuro di Hamsik….

  2. anche longhi lo dice gli errori si equialgono ma bisogna vedere x chi!?di sicuro per quelli che stanno in alto e non solo metaforicamente appena dela ha osato lamentarsi dei vari arbitraggi scandalosi e scandalistici gli hanno posto un alto la’ è intervenuta persino la magistratura! gli altri e sappiamo benissimo chi si possono permettere questo e di piu’ ma loro sono la fiat sono il petrolio sono mediaset sono la rovina e non solo del calcio ma dell’italia ma loro sono loro ! parlare solo di calcio è molto riduttivo quindi….FORZANAPOLISEMPREeCOMUNQUE !

  3. Longhi !!!! ma il fatto che anche altre squadre hanno subito torti DEVE ESSERE un motivo per agire e proporre qualcosa di rivoluzionario (x es IV arbitro con moviola) e non “mal comune mezzo gaudio”….

  4. Caro Longhi anche lei fa parte del circolo mediatico e piu’ di tanto non puo’ dire ma lei non puo’ negare che assolutamente ci sono squadre protette ed altre no!!!!!

  5. Io penso che gli errori vengono pilotati in fase di compensazione quindi altro errore che si aggiunge a quelli fatti (volontariamente?) per zittire chi si lamenta ma questo supposto tipo di equiparazione viene fatto in determinati incontri in cui si danneggiano comunque sempre e sole le piccole.

  6. longhi …
    punto1°.subire un solo torto in una partita ci stà,ma il napoli ne ha subiti ben 3 o 4 nella stessa partita!
    punto2°.si parla sempre di sta c…di sudditanza psicologica ,beh effettivam. se è solo quella cerchiamo di allenare gli arbiti anche psicologicamente.
    punto3°.come mai però inter milan e juve son sempre le squadreke subiscono meno torti arbitrali in assoluto…mentre il napoli è tra quelle ke ne subisce di +..?..dela dice che mancano 5 punti all’attivo..secondo me invece ne mancano 8…il che ci vedrebbe al 2° posto in classifica..!
    punto4°. nn sarebbe ora di dire basta? penso che il mondo intero vorrebbe veder partite con unici attori protagonisti i 22 calciatori in campo e nn gli arbitri o guardalinee!!

  7. novembre 85 inter napoli 1a1 mandorlini sfascia la gamba sinistra a buriani mettendo fine alla sua carriera l’autore del fallo nemmeno ammonito ………5 minuti dalla fine fallo in attacco di ferri su bertoni………calcio di rigore x l’inter indovinate un po chi era l’arbitro!!!!!

  8. classica dichiarazione da vecchia repubblica…e e che fa oggi a te domani ame….dopodomani…semp a me…..e gli scudetto divennero 30 17 etc etc etc…ladriiiiiiiiiiiiiiiii

  9. caro tony66, mi complimento per il tuo pensiero,anke perkè avendo 4anni all’ epoca dei fatti a cui ti riferisci,ho fatto una ricerca su quella partita e ho visto ke l’arbitro era……….LONGHI!!!………………….da ke pulpito viene la predica. In merito ‘incollo’ questo stralcio:
    Maradona segna un gran gol il 10 novembre del 1985, ma sarà l’ unica gioia di quella giornata: Mandorlini spezza tibia e perone a Ruben Buriani, che di fatto chiuderà quel giorno la sua carriera; Altobelli e Bruscolotti vengono espulsi, Garella colpito da un oggetto piovuto dagli spalti. A salvare l’ Inter ci pensa l’ arbitro LONGHI: rigore contestatissimo e pareggio del nerazzurro Brady. Un altro arbitro, molti anni prima, era stato protagonista in negativo: stagione ’70/71, Napoli in vantaggio allo scadere del primo tempo con Altafini, poi colpito da Vieri: scoppia una rissa, Sergio GONELLA, il direttore di gara in quel 21 marzo, espelle Burgnich, difensore interista. Negli spogliatoi, come racconterà anche Ferlaino qualche anno dopo, succede di tutto: i giocatori dell’ Inter cercano di aggredire l’ arbitro, Mazzola è infuriato, qualche dirigente fa capire a Gonella che quella direzione di gara può costargli la carriera. Risultato: al 10′ della ripresa Boninsegna pareggia con un calcio di rigore piovuto dal cielo, tre minuti dopo l’ attaccante mette a segno la sua doppietta personale con un colpo di testa e la complicità di Dino Zoff, portiere azzurro.

LASCIA UN COMMENTO