Zalayeta, caccia ai gol per la riconferma

0
26

Quella contro l’Inter sembra per il Napoli una missione impossibile. Non solo sulla carta c’è un abisso tra le due squadre: l’Inter da sempre in serie A, il Napoli fresco di promozione; la diversa caratura degli organici. Basta dare uno sguardo alla classifica: 31 punti di differenza. Ma non solo i tifosi sognano una notte speciale. Dirigenti, allenatore e calciatori ricordano che si parte da 0-0, che si giocherà al San Paolo, che il Napoli avrà il sostegno dei sessantamila. Tutti sognano l’impresa anche se il Napoli non ha la forza in campo del Liverpool, ma solo la spinta che parte dagli spalti. Per fare l’impresa Reja potrà contare sul ritorno di Zalayeta. Il Panterone ha tanti motivi per disputare una grande partita, per fare diventare il match il suo match. Marcelo spera di metterci la sua firma. «Sono venuto a Napoli per dare il meglio di me stesso, per contribuire alle fortune della squadra», ha sempre detto l’attaccante ceduto dalla Juventus in comproprietà. Zalayeta ha da farsi perdonare quanto ha fatto nell’intervallo di Napoli-Empoli, quando ha litigato con il difensore avversario Piccolo ed è stato espulso con successiva squalifica per due turni. Ha da far dimenticare il rifiuto di partire per il ritiro in Toscana con i compagni prima di Livorno-Napoli. Vuole segnare altri gol e chiudere il torneo in doppia cifra. «Dieci gol? Non metto un limite. Ho già superato il mio record stagionale. L’importante, però, è che vinca il Napoli», la sua osservazione durante l’ultima intervista. Zalayeta vuole convincere De Laurentiis a chiedere alla Juventus di vendergli anche l’altra metà del suo cartellino. Marcelo si è ambientato bene a Napoli, spera di restarci. Essere protagonista, magari con un gol, in Napoli-Inter favorirebbe la sua riconferma, come appare scontata quella di Blasi, il guerriero della formazione di Reja. Domani sera Blasi giocherà per la prima volta con la maglia del Napoli contro una delle due squadre milanesi. Il caso ha voluto che saltasse per squalifica entrambe le sfide con Inter e Milan nel girone di andata. Tutti sanno quanto è prezioso il suo apporto a centrocampo. Quando Gargano e Hamsik girano, il Napoli vince o almeno pareggia; se i due sono presenti-assenti, il solo Blasi, non basta come è successo a Marassi contro il Genoa. Intanto, ieri il centrocampista azzurro ha ricevuto una multa di 5.000 euro dalla Corte di giustizia federale, che ha accolto parzialmente il ricorso della Procura federale contro il proscioglimento del giocatore da parte della Commissione disciplinare (il procedimento riguardava il rapporto tra Blasi e il suo ex procuratore Stefano Antonelli). Quasi certamente, Zalayeta farà tandem con Lavezzi anche se il Pocho non ha ancora completamente smaltito i postumi dell’influenza. Il contatto costante con Lavezzi ha messo a letto anche il medico sociale De Nicola, che ha la febbre alta da due giorni. Ieri Zalayeta e Lavezzi hanno fatto tandem durante la partitella. Reja, però, non dimentica che ha anche Calaiò, autore di una doppietta a Livorno.

 

Il Mattino

LASCIA UN COMMENTO