Posillipo, serve un’impresa

0
27

Posillipo, ultima chiamata. Per la squadra del circolo di Mergellina quella di questa sera (ore 20) sarà una partita senza appello. A Savona i rossoverdi, impegnati nella gara-2 della semifinale scudetto del campionato di pallanuoto, saranno costretti a vincere per alimentare le speranze di raggiungere la finale dopo aver conquistato brillantemente il secondo posto nella regular season. La sconfitta di sabato a Casoria in gara-1 è stata inaspettata e pesante, perché il risultato di 14-15 non rende l’idea della supremazia espressa in acqua dalla squadra ligure, che ha approfittato di un Posillipo contratto e bloccato dall’emozione. A questo si è sommata la prova superlativa di Goran Fiorentini, autore di 7 reti, che da solo ha indirizzato la sorti del match. Ma per il tecnico posillipino Carlo Silipo, l’italo-croato non è l’unico pericolo: “Non si deve solo limitare Fiorentini – spiega il tecnico – ma l’atteggiamento di tutta la nostra squadra deve essere totalmente diverso. Con più scioltezza e maggiore concentrazione si dovranno limitare tutti i giocatori del Savona, perchè non possiamo cambiare il nostro gioco solo per neutralizzare un avversario”.
Nonostante la difficoltà dell’impegno, Silipo è fiducioso e crede che la sua squadra, arrivata ieri a Savona e che potrà contare su tutti gli effettivi, possa ancora dire la sua in questo campionato: “È difficile ma possiamo farcela – afferma convinto il tecnico – il Savona è forte e adesso ha un bel vantaggio dalla propria parte, ma credo che il Posillipo sia sullo stesso livello della formazione di Mistrangelo. Quando c’è tanto equilibrio, bisogna giocare al massimo per spuntarla, vogliamo giocare la partita che non siamo riusciti a fare in gara-1”. Se il Posillipo riuscirà a violare la piscina di Luceto, tutto sarà rimandato alla gara-3, sabato a Casoria.

Redazione NapoliSoccer.NET – (fonte: leggo)

LASCIA UN COMMENTO