Per Hamsik contratto pronto fino al 2014

7
21

Il Napoli è pronto a prolungare il contratto di Hamsik, ma è stato rinviato di una decina di giorni l’incontro tra Marino e Venglos, il procuratore di Marek. I due avrebbero dovuto vedersi in questa settimana. Il tutto è slittato alla metà di maggio, a prima di Napoli-Torino in quanto le parti non vedono la necessità di un vertice urgente nonostante lo slovacco stia attraversando un periodo di involuzione non indifferente. Dove è finito l’Hamsik che aveva incantato tutti, da Mourinho al Chelsea, dal Manchester City alla Juventus? Dove è finito quell’Hamsik che per le sue qualità a febbraio scorso era entrato a far parte della classifica stilata dal Times dei migliori 50 under 23 di tutto il mondo, occupando la dodicesima posizione? Comunque, Marino ribadirà a Venglos che il Napoli non ha intenzione di privarsi del suo calciatore, che è pronto a prolungare il suo contratto al 2014, a rivedere l’entità dell’ingaggio che al momento è di ottocentomila euro. De Laurentiis e Marino hanno più volte detto che «Hamsik e Lavezzi sono i gioielli di famiglia e che non sono in vendita». A meno che non arrivi «una proposta indecente», per riprendere il titolo di un film, una proposta importantissima alla quale la società non direbbe di no. Ma cosa sta facendo Hamsik per far sì che i suoi estimatori (tanti e non solo italiani durante il girone di andata) restino tali? In verità, poco o nulla. A tratti, sembra quasi sparire dal gioco, porta tutti a pensare «vuoi vedere che Hamsik è stato sostituito e non me ne sono accorto?». Difficile stabilire se si tratti di una crisi prettamente fisica (la preparazione incominciata nei primissimi giorni di luglio; le tantissime partite con il Napoli tra amichevoli, Intertoto, preliminari di coppa Uefa, coppa Italia, campionato; i viaggi e gli impegni con la Slovacchia) o debbano essere presi in considerazione anche aspetti psicologici. È una crisi di difficile interpretazione anche perché lui, capocannoniere del Napoli con 9 gol e ottimo professionista, si chiude a riccio. Lui è un ragazzo perbene, riservato, un po’ schivo dai palcoscenici, dalla ribalta. Non ama rendere pubblica la sua vita privata. Non parla con nessuno di suoi eventuali problemi, del suo futuro, della crisi che sta vivendo. Dunque, non si sa se è sempre contento di restare a Napoli, di restare in un Napoli fuori del giro europeo, se è rimasto turbato dopo l’episodio di violenza subìto: minaccia a mano armata a Fuorigrotta per portargli via soldi, cellulare e orologio. Lui non parla, il Napoli non gli consente di parlare. Intanto, il suo rendimento è nettamente calato. Marino, che a Napoli lo conosce meglio di tanti altri, non fa un dramma per l’involuzione del centrocampista: «Hamsik, come Lavezzi, resterà nel Napoli. Se in questo periodo non sta rendendo secondo le sue indubbie possibilità, è solo un caso. Nell’arco di una stagione logorante ci può stare, ci sta. È comprensibile che accada. Capita ai fuoriclasse, può capitare ad Hamsik che fuoriclasse lo diventerà. A Napoli, nel Napoli».

 

Redazione NapoliSoccer.NET – (fonte: il mattino)

Condividi
Articolo precedenteCaliendo: “Ecco perchè Napoli fa paura ai campioni”
Prossimo articoloNuove sirene “inglesi” per Lavezzi
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

7 Commenti

  1. mi sa tanto di ricatto sto prolungamento io lo manderei a casa, per il rendimento di questi 4 mesi, perchè se dicono che non ha giocato perchè aspettava il prolungamento allora lo sbatterei a casa!!! ma cosa sono questi ricatti???????

  2. é scontato!!!! Se non ci sono risultati, se non ci sono soldi+++ Mi dite un grande giocatore perchè dovrebbe rimanere o venire a Napoli? Mettetevi nei loro panni Forse per l’amore del Napoli? Si vabbene m aquando squadre potenti e di livello vi propongono ingaggi da capogiro e la possibilità di conquistare qualcosa vorrei vedere chi non accetterebbe. Ed è anche comprensibile che un calciatore pscicologicamente venga toccato ripercuotendosi sulle prestazioni; L’appartenenza in un gruppo è importantissima e questo fa la forza e la convinzione ma se questo viene a mancare??? é scontato.
    In sintesi se non si cacciano i soldi e se non si fa una squadra per ambire a traguardi importanti ma onestamente ma chi civiene a Napoli è solo una presa in giro. Devono dirci a cosa vogliamo puntare e se si vuol puntare a qualcosa di importante servono i soldiiiiii basta non si puo competere se no con i grandi club inter juve ecc. speriamo invano noii napotetani e buttiamo i soldi a vuoto. Oppure ci dobbiamo a ccontentare di un 4 5 posto? Io direi che meritimo i massimi livelli il primo posto in tutto.
    Forza Napoli AVANTI SCEICCHIIIIIIIIIIIIIIII VENITE A NAPOLI E INNAMORATEVI DI QUESTA BELLISSIMA CITTà

  3. A parte nessuno e’ indispeabile,parliamoci chiaro,da uomo di affari che sono,come stanno i fatti ..oggi..lo venderei,come pure hamsick.Adesso i giocatori insieme ai procuratori i contratti sono solo delle formalita.DOVREBBERO TOGLIERE IL 17,e dare una voce ai presdenti,mi dispiace, a rimanere in rosso non mi PIACE

  4. il napoli deve tenersi santacroce, mannini, lavezzi, hamsik, gargano, maggio, iezzo, navarro, russotto, blasi, datolo,vitale,contini poi il resto dei giocatori puo’ anche venderli alla juve alla roma all’inter e al milan.

    intorno a questi giocatori 5 acquisti buoni 2 difensori centrali giovani 1 regista e 2 punte forti giovani e che corrono.

    su zalayeta dico se lui a problemi quelli che non lavorano cosa devono fare?????”

LASCIA UN COMMENTO