Napoli con le spalle al muro

0
10

Azzurri con le spalle al muro. A tambur battente Roberto Donadoni si è addossato ogni responsabilità per la partitaccia di Siena: «Evidentemente non ho trasmesso alla squadra le motivazioni giuste», ma oggi a Castelvolturno quando scatterà la nuova adunata del gruppo, il nuovo allenatore del Napoli metterà tutti in riga, senza nessuna eccezione. D’altra parte il presidente De Laurentiis gli ha imposto di andare sino in fondo e il tecnico si muoverà su questa linea. Il patron e Donadoni vogliono capire, vogliono sapere, vogliono conoscere i particolari di questa brutta storia, quella di un team che è sprofondato in classifica e nello squallore di prestazioni senza anima e senza cuore. Fuori i perché e le spiegazioni da parte di tutti: amarezze, insoddisfazioni, rabbie nascoste, gelosie e contrasti. Il mister vuole insomma una verità assoluta, anche sui rapporti tra i giocatori all’interno dello spogliatoio, insomma quanto occorre per avere un quadro preciso della situazione. D’altra parte c’è il bisogno reale di arrivare a delle conclusioni in chiave strettamente tecnica, decidendo sulle riconferme e sotto questo profilo Donadoni vorrà gente con gli attributi nel suo Napoli, la squadra che verrà.C’è di più. Il trainer richiamerà energicamente i giocatori al massimo impegno professionale: indossano la maglietta azzurra che dovranno onorare sino alla fine per il rispetto dovuto alla torcida partenopea e per i loro obblighi nei confronti del club. Ma c’è anche un motivo specifico e riguarda la regolarità del campionato nella fase più scottante e avvincente: il Napoli sarà l’arbitro decisivo nella lotta per la salvezza, dovendo incontrare tre squadre che si stanno battendo con il coltello tra i denti per evitare la retrocessione in serie B e cioè Lecce, Torino e Chievo, i salentini domenica prossima in trasferta e le altre due al San Paolo. Non sono ammessi ulteriori passi falsi, come quello contro il Siena. Ne va la dignità del Calcio Napoli, della sua tifoseria, e perché no di una intera città. Sembra di sentirlo, Donadoni: «Chi non se la sente di giocare ad alto livello sino alla fine, si tiri fuori subito, si metta da parte senza problemi», era ora, ben detto mister.

Redazione NapoliSoccer.NET – (fonte: leggo)

Condividi
Articolo precedenteCellino: “Conti rimane con noi” ma…..
Prossimo articoloTifosi inferociti e pronti a disertare il San Paolo
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

LASCIA UN COMMENTO