Napoli, microchip per prevenire il crollo fisico

2
54

Da alcuni giorni a Castelvolturno tutti i calciatori del Napoli vengono sottoposti a test di forza con apparecchiature specifiche portate nel centro da quello di Cerreto Sannita, di cui è titolare il medico sociale Alfonso De Nicola. Tutti gli azzurri si stanno sottoponendo alle prove effettuate con macchine isocinetiche. La prossima settimana, una volta ultimati questi test, il sanitario e il professor Giovanni Andreini, preparatore atletico dello staff di Donadoni, avranno le prime indicazioni sulle condizioni dei singoli giocatori a disposizione dell’allenatore e, dopo una fase di attenta valutazione, archivieranno il tutto. Semplice il perché di questi esami mirati a conoscere la forza fisica degli azzurri in costanza di impegni, del campionato in corso e soprattutto a conservare i dati emersi per fare raffronti che potranno risultare utilissimi nel prossimo futuro. I due specialisti del Napoli, settore atletico e settore medico, potranno fare interessanti confronti quando la squadra, dopo il periodo di vacanza che dovrebbe andare da metà giugno a metà luglio (quando tutti i calciatori andranno in ferie), si ritroverà in ritiro. Il Napoli si recherà certamente in Austria. Presumibilmente gli allenamenti di preparazione al nuovo campionato verranno effettuati a Baden, la località che dista pochi chilometri da Vienna e che ospitò l’Italia di Donadoni alla vigilia degli Europei 2008. Durante i primi giorni di ritiro Andreini e De Nicola rispolvereranno i dati dei test per raffrontarli con quelli che emergeranno dai nuovi test durante la fase iniziale della permanenza in Austria. Il tutto mirato a valutare l’aspetto muscolare, ad avere sempre una migliore condizione atletica della squadra, ad evitare crolli fisici.

 

Redazione NapoliSoccer.NET – (fonte: il mattino)

Condividi
Articolo precedenteA Casoria il Posillipo è pronto per la semifinale col Savona
Prossimo articoloAmodio, la “scoperta” di Donadoni
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.


2 Commenti

  1. il microcip ci vorrebbe alla testa dei calciatori visto che il calo fisico non esiste essendo il napoli una squadra che gioca fino al 90esimo ma con idee poco chiare e poca concentrazione….agite sulla psiche e sulle tasche e vedrete come volano……
    sergio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here