Il Posillipo non torna alla Scandone quarti e semifinali playoff a Casoria

0
54

Era nell’aria, soprattutto dopo l’appello della squadra e del tecnico, ma ieri è arrivata anche la certezza: il Posillipo giocherà allo Stadio del Nuoto di Casoria almeno i quarti di finale e l’eventuale semifinale playoff. La storia si è conclusa a lieto fine, in assoluta serenità con il Comune di Napoli che, dal canto proprio, proponeva il ritorno alla Scandone in occasione della seconda fase del campionato di A-1. La notizia sarà ufficializzata venerdì, nel corso di una conferenza stampa in programma al circolo di Mergellina, ma il calendario è già fissato: sabato andrà in scena gara1 dei quarti con la Lazio; gara2 è invece in programma il 18 aprile a Roma, mentre l’eventuale terza il 29 aprile ancora Casoria. Accordo tra le parti e polemiche sventate: ieri, nel corso di un nuovo colloquio tra la dirigenza rossoverde e i rappresentati comunali, è stato precisato quanto la squadra abbia bisogno di sostegno e calore, soprattutto nella fase decisiva del torneo. Considerando la grande risposta del pubblico di Casoria in ogni partita disputata nella vasca dello Stadio del Nuoto e anche il vuoto atavico registrato a Fuorigrotta, proseguire per la strada intrapresa non poteva che essere una logica conclusione. «Vogliamo disputare i playoff a Casoria», disse sabato Carlo Silipo dopo la vittoria con il Sori. Tra l’altro, gli spogliatoi della Scandone sono in ristrutturazione e i lavori non saranno ultimati prima di 45 giorni: una ulteriore motivazione, sebbene non decisiva. Nel caso in cui il Posillipo dovesse approdare in finale, però, non è escluso che torni a giocare nella sua storica casa napoletana. Un discorso ipotetico da approfondire a suo tempo.

 

Redazione NapoliSoccer.NET – (fonte: il mattino)

Condividi
Articolo precedenteUn turno a Blasi, ammenda al Napoli
Prossimo articoloSan Paolo agibile anche per l’Uefa
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here