Condannati i tifosi che lanciarono petardi alle partite

4
31

 Si è concluso con condanne a pene dai 4 anni e 8 mesi ai 10 mesi di reclusione il processo agli ultrà del Napoli accusati per incidenti e intimidazioni avvenuti negli anni scorsi allo stadio San Paolo. La sentenza è stata emessa oggi, al termine del processo che si è svolto con rito abbreviato, dal gup Vincenzo Alabiso che ha accolto in gran parte le richieste del pm della Dda Antonello Ardituro. Le condanne più pesanti si riferiscono in particolare all’esplosione di alcuni grossi petardi durante Napoli-Frosinone del 2 dicembre 2006, vicenda alla base del reato principale, ovvero l’estorsione ai danni del Napoli per costringerla a venire incontro alle richieste degli ultrà. Gli imputati appartengono ai gruppi Ultras ’72 e Blue Tiger. Quattro anni e 8 mesi sono stati inflitti a Alberto Mattera, 4 anni e 2 mesi a Salvatore Piccirillo, 3 anni e 8 mesi a Vittorio Puglisi, un anno e 4 mesi a Francesco Ruggiero e 10 mesi a Vincenzo Busiello, ritenuto responsabile del solo reato di lancio dei petardi. Il giudice ha disposto che gli imputati risarciscano i danni, da liquidare in sede civile, alla società calcistica e al Comune di Napoli che si sono costituiti parte civile. 

Fonte: Il Mattino – Redazione NapoliSoccer.Net



4 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here