Bianchi: “Scudetto al Napoli? Svolta importante per tutto il movimento calcio”

1
113

'Bigon dice che sulla squadra c'è la pressione dei gufi del Nord? Allora sono un gufo di parte… Gli azzurri sono all'altezza della Juventus. Le milanesi si sono ridimensionate, il Napoli e anche la Roma devono approfittarne'. Ad esprimere questo parere è Ottavio Bianchi,intervenuto questo pomeriggio a Radio Kiss Kiss Napoli. L'ex allenatore del Napoli, che vinse il primo scudetto del club azzurro nel 1986/87, pensa che la squadra azzurra possa essere una candidata alla conquista del titolo tricolore ed esprime un giudizio su Lorenzo Insigne e Walter Mazzarri:

 

NAPOLI CANDIDATA ALLO SCUDETTO– "Bigon dice che sul Napoli c'è la pressione dei "gufi"del Nord? Mi sembra di esser tornato a cinquant'anni fa, il Napoli deve essere convinto di essere forte, la dietrologia non serve –afferma Bianchi- La squadra, per quello che ha fatto, ed anche per demerito delle compagini del nord, per me è candidata a vincere lo scudetto. Insieme alla Juventus, che però ha la Champions League. A mio avviso, da quando si è conclusa la campagna acquisti, il Napoli è da scudetto, forse sarò un gufo di parte. Fortunatamente, direi, ma lo sono. Avere tanti nazionali, del resto, è indicativo. E sono prime scelte delle rispettive selezioni, non di secondo piano. Il Napoli è forte, lo dimostri sul campo, come del resto sta già facendo. Gli altri possono dire ciò che voglio, l'importante è buttarla dentro una volta in più dell'avversario".

 

MAZZARRI COME BIANCHI?- "Spero di no per lui… Mi auguro abbia una vita più in discesa, io sono stato facilitato dal fatto di essere stato giocatore di un Napoli di grandi stelle, ma in cui non si è mai vinto nulla. Da allenatore ho avuto la fortuna di guidare una squadra vincente grazie all'aiuto di giocatori e di tutti i componenti della società -prosegue ex allenatore del Napoli– Mazzarri ha tutto per farlo, perchè squadra e società sono buoni, il tecnico è buono, stampa ed ambiente hanno fame. Insomma, le sensazioni sono assolutamente positive".


 

SCUDETTO AL NAPOLI SVOLTA PER IL MOVIMENTO CALCIO- "Se il Napoli vincesse sarebbe una svolta importante per tutto il movimento calcio, che in questo periodo si è fatto notare per vicende estranee al campo. Sarebbe ora che invece si parlasse solo di pallone. Il Napoli deve approfittarne, le milanesi sono in crisi, anche per la Roma sarebbe importante. Ma spero che siano gli azzurri, a vincere lo scudetto".

 

SU INSIGNE- "Non è facile per un napoletano giocare al San Paolo. Tempo fa, comunque, dissi che la cessione di Lavezzi non avrebbe costituito un problema, perchè Insigne è bravo ed ha grande talento. Forse è troppo giovane? I giovani devono giocare, se hanno piedi buoni. A lui consiglio di sbagliare da solo, deve solo seguire le direttive del suo allenatore. Fuori dal campo bisogna però che stia attento, per un ragazzo di 21 anni è molto difficile gestirsi. Nello spogliatoio ci sono giocatori silenziosi che andrebbero presi ad esempio, gli consiglio di stare isolato e vivere serenamente la sua vita da napoletano -conclude Bianchi con un apprezzamento per l'allenatore del Napoli- Mazzarri? Non l'ho mai sentito, non ci conosciamo, ma lo conosco per quello che è stato il suo ottimo lavoro, ben fatto sia a Reggio che a Genova".

 

Vincenzo Vitiello – NapoliSoccer.NET 
 
 



1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here