Tennis Capri Sports Academy: “Timori di complotti”

0
99

Il presidente Russo: siamo critici con la Fit e questa ci invia un’ispezione.
Il Capri è il club napoletano che ha vinto più scudetti nelle ultime stagioni: 5 in sei anni. La serie è iniziata nel 2003 col titolo tricolore di B2, un anno dopo il bis in serie B1; infine, il tris in A1, nel 2006 (da neopromossa), nel 2007 e lo scorso anno. Il club vanta anche il record d’imbattibilità in casa in serie A1, senza sconfitte da tre stagioni.
È stata votato come squadra dell’anno 2008 e premiato dal Coni di Napoli.
C’è un caso Capri nel tennis italiano. La Procura federale della Federtennis indaga sul Capri Sports Academy, il club da tre anni campione d’Italia di serie A1. Con un telegramma indirizzato al presidente Roberto Russo, il procuratore federale, Maurizio Ravaglia, ha disposto un’audizione a Capri, all’hotel Quisisana, il 27 e 28 marzo prossimo «in merito ad alcuni procedimenti aperti presso la Procura», così è scritto nella comunicazione urgente. Dopo la squalifica a vita di Simone Bolelli, dopo le polemiche seguite alla rinuncia di Andreas Seppi in Davis, ora è il club più forte d’Italia a finire nella bufera. Non è ancora noto l’argomento sul quale verterà la deposizione dei dirigenti del Capri, è sconosciuto al momento anche all’ufficio stampa della Federtennis. «I nostri legali hanno contattato la Fit per conoscere le motivazioni dell’audizione del procuratore federale ma non ha avuto chiarimenti in merito – ha spiegato Roberto Russo -. Sarò a disposizione: in otto anni di attività il nostro club non ha mai avuto problemi, mai una squalifica, mai un procedimento disciplinare, nulla di nulla. Con molta probabilità stiamo pagando il prezzo delle nostre vittorie in serie A1 e l’atteggiamento critico che abbiamo avuto nei confronti del presidente Binaghi e del Consiglio federale sulla questione del cambio dei regolamenti della serie A1 2009. Mi piacerebbe però sapere di cosa andrò a parlare con la Procura. Nella giustizia ordinaria è inimmaginabile che un cittadino possa essere convocato per essere ascoltato su fatti che lo riguardano, ma senza sapere quali». Il Capri Sports da tempo ha preso le difese dell’azzurro Bolelli, squalificato a vita dalla Fit, invitandolo ad allenanarsi sull’Isola Azzurra e offrendogli la tessera onoraria del club. «Sul nostro sito ufficiale lo avevamo già annunciato due mesi fa: siamo scesi in campo per aiutare Bolelli, punito troppo severamente, a mio giudizio, dalla Fit; sapevamo che ne avremmo pagato le conseguenze». Ecco i passi che farà ora il Capri: «Continueremo a chiedere chiarimenti a Procura e Fit. Ci sembra il minimo, in questo caso. Ma siamo pronti a valutare ulteriori iniziative in difesa dei nostri interessi e, soprattutto, del nostro buon nome. Comunque sia, saremo tutti presenti all’audizione. Resta curiosa la procedura: sono state prenotate quattro stanze all’Hotel Quisisana, che è l’albergo più lussuoso dell’isola. Vuol dire che la Federtennis è in ottima salute finanziaria, nonostante la crisi economica nazionale. In due giorni di audizioni i procuratori sentiranno sia me sia altri cinque membri del consiglio direttivo del Capri Sports Academy: sono previste nove ore di incontri e non sappiamo ancora su cosa». Resta il fatto che la squadra campione d’Italia di tennis è nel mirino, proprio quando il club di Russo è nella fase di costruzione del team 2009: dopo Starace e Volandri sono arrivati Seppi e Fognini, in pratica l’intera squadra di Coppa Davis azzurra. La «corazzata» Capri vuole vincere ancora, speriamo non sia costretta a fermarsi.
Redazione NapoliSoccer.NET – (fonte: il mattino)

 

Condividi
Articolo precedenteLa Legea ci prova
Prossimo articoloMarino: “Napoli-Milan sfida d’altri tempi. Borriello è un giocatore che ci piace”
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here