Mazzoni: “Lavezzi è dispiaciuto per Reja. Con Donadoni farà grandi cose”

6
88

Il procuratore di Ezequiel Lavezzi, Alejandro Mazzoni, intervenendo a “Radio Goal” sulle frequenze di Kiss Kiss Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni: “Come tutti i suoi compagni di squadra, Lavezzi si sta impegnando per uscire dalla crisi e con l’aiuto di Donadoni ci riuscirà. Per Ezequiel è un vero onore essere allenato da un grande del calcio, fermo restando che è dispiaciuto che Edy Reja, con il quale aveva un grande rapporto, sia stato esonerato dal Napoli. Donadoni esige puntualità? Normale, tutti i tecnici la pretendono: mi è sembrata una cosa molto intelligente non voler stravolgere l’assetto tattico rispetto al Napoli visto contro la Lazio. La scossa psicologica? Credo ci sia, quando si cambia allenatore i calciatori danno sempre qualcosa in più. La posizione di Lavezzi? Ezequiel fa danni negli ultimi 25 metri del campo, è chiaro che se la palla non arriva, arretra a centrocampo, ma questa non è certo colpa del tecnico. Il rinnovo? Non sono venuto a Napoli per parlarne con la società, lo faremo al limite a fine stagione, ora bisogna soltanto pensare a far uscire la squadra dalla crisi. Datolo? Viene dal Boca, un club in cui non è facile giocare e l’ho visto contro la Juventus, non mi è affatto dispiaciuto. Credo che sarà molto importante, per il Napoli: può giocare su tutta la fascia, soprattutto da trequartista è in grado di rendersi pericoloso, in particolare sui calci di punizione”.
Redazione NapoliSoccer.NET



6 Commenti

  1. Sempre cosi’ succede…quando le cose vanno male ci si attacca a quelli che non c’e’rano o che non hanno giocato molto in questo caso e’ la volta di russotto che molti vedono come il salvatore della patria e addirittura lo propongono come sostituto di lavezzi, il quale vero e’ che non sta brillando ma ad una sola gamba farebbe ancora meglio del russotto, qualora lavezzi dovesse perderne 2 di gambe allora spazio a russotto che potrebbe comunque sostituire un centrocampista o attaccante nel caso le cose si mettessero male, Comunque io sono sempre stato del parere che la forza di una squadra e’ il collettivo e che in campo ci devono essere degli equilibri tattici, un po come nella pallacanestro , pallanuoto ed il calcetto che potrebbe insegnare molte cose al calcio…un po come la formula 3000 dove si sperimenta per la formula 1
    ciao
    sergio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here