Il Pocho amaro, l’Europa sfugge.

2
26

I risultati negativi del Napoli hanno tolto entusiasmo alla stella azzurra Lavezzi.
Gli manca il sorriso, ha perso il buonumore e non discute più a bassa voce durante l’allenamento correndo con i compagni, beccandosi i richiami del tecnico: è triste il Pocho. Il più forte giocatore del Napoli che ha riscosso applausi e complimenti dall’Italia calcistica, si è immalinconito, il mondo gli è crollato addosso. Occhi bassi e senza più luce il suo sguardo che adesso si perde nel vuoto. Lavezzi aveva sognato la Grande Europa, la scena più importante della sua vita professionale, la Champions con il Napoli. Le sue aspirazioni le confessò nel programma della Carrà, con una promessa solenne che frantumò il muro di prudenza innalzato dal club di Castelvolturno: , Lavezzi svelò il progetto straordinario, caricato dalle prestazioni della squadra, da quelle sue personali e dall’interessamento per lui da parte di altri club, il Real e alcune società inglesi, mentre scoppiava un autentico caso per l’aumento del suo contratto, chiesto dai suoi manager, da 1 milione 100mila euro, a tre milioni. Una richiesta che provocò la reazione furiosa di De Laurentiis: «I contratti già sottoscritti si rispettono», una controversia che divise la tifoseria, schierata a metà tra il giocatore e il presidente. Il Pocho era comunque sulla cresta dell’onda e continuava a raccogliere dappertutto applausi e consensi per il suo calcio divertente che forniva al Napoli la possibilità di primeggiare, dando quasi sempre la svolta decisiva alle partite della squadra del cuore. Da Lavezzi agli altri azzurri. La questione dei contratti ha tenuto e tiene banco all’interno di Casa Napoli e da più parti viene ritenuta uno dei motivi che in qualche modo hanno provocato divisioni e problemi nel gruppo dove si è scatenato un pandemonio. Ha firmato un nuovo contratto Marek Hamsik. Adesso c’è Gargano che bussa a soldi. L’uruguagio vuole un adeguamento in termini economici e chiede anche un prolungamento dell’impegno tra lui e il club azzurro fino al 2014.

Redazione NapoliSoccer.NET – (fonte: leggo)

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO