La Gazzetta rivela: Gelo fra Marino e Reja

17
22

Secondo quanto scrive la Gazzetta dello Sport sul proprio portale telematico la rottura del giocattolo Napoli è anche conseguenza di un rapporto non più idilliaco tra l’allenatore ed il direttore generale. Ecco quanto scrive il giornalista Maurizio Nicita: Il rapporto fra questi due sta scricchiolando portando incomprensioni e tensioni che finiscono per essere assorbite dalla squadra e da tutto quello che ruota attorno a Castelvolturno, diventato una sorta di eremo, a furia di ritiri: il prossimo durerà da oggi a domenica ed è stato imposto dalla società, anche se i giocatori sono stati spinti a dichiarare essere una loro volontà. Le incomprensioni fra tecnico e d.g. non nascono oggi, ma nel tempo i due hanno saputo trovare una linea di galleggiamento, anche se le scelte di mercato del dirigente spesso non hanno trovato la piena condivisione del tecnico.
Ed emergono rivelazioni anche per quanto riguarda la campagna acquisti: sarà stato cestinato, ma in gennaio, per una riunione di mercato, Reja si era presentato con un foglietto sul quale aveva schizzato le esigenze tecnico-tattiche secondo il suo punto di vista: un esterno sinistro (che sostituisse Mannini, poi squalificato), un centrocampista capace di costruire gioco e una prima punta. Marino ha optato solo per un acquisto che potesse ricoprire il primo ruolo, prendendo per 6 milioni quel Datolo che sarà pure un buon giocatore, ma non è né un esterno, né tanto meno un regista. E così, dopo che Reja non aveva apprezzato l’ingaggio di Denis, le frizioni — che derivano anche da una diversa concezione del gruppo e del modo di lavorare — sono aumentate. Magari domani in un intervento ufficiale i due diranno di andare d’amore e d’accordo. Ma più di dichiararlo all’esterno, dovranno convincere i giocatori fra i quali si evidenziano spaccature fra sudamericani (finora tutelati nonostante "sgarri" ripetuti alle regole, vedi notti brave e Zalayeta che non accetta la panchina) e italiani. E con il Genoa da ospitare e la Juventus da affrontare a Torino c’è poco da stare allegri.
Che il rapporto con il tecnico del Napoli stia per concludersi ormai è risaputo ma di certo il presidente De Laurentiis, che finora ha investito tanto, si sarebbe aspettato altri risultati.
Redazione NapoliSoccer.NET

17 Commenti

  1. Penso che a prescindere dai risultati etc etc etc…. Il ciclo di Reja come allenatore sia naturalmente finito. Naturalmente nel senso che è normale che sia così. E’ raro vedere allenatori per 4 o 5 anni allenare la stesa squadra (tranne poche eccezioni ed in cui quell’allenatore è di per se un VINCENTE).

    Sta, invece, nella normalità delle cose che dopo 5 anni un rapporto cominci a deteriorarsi… I segnali ci sono tutti e quindi l’unica cosa da fare è porre fine a questo matrimonio!

    Reja…. IMMENSAMENTE GRAZIE!!!!

    Ma adesso è il momento di fare il salto!! Io credo fermamente nel progetto De Laurentiis…. ed è il momento che pure il presidente dia dimostrazione della fattibilità di questo progetto!!
    Un Mega allenatore ed alcuni innesti BUONI il prossimo anno e cominciamo a fare sul serio!!
    Tanto quest’anno l’europa la prendiamo…. è matematico!!

  2. ma quale fuoco, io penso ke sta cosa possa trasparire dal fatto che nessuno acquisto è stato fatto in relazione a quella specie di tattica di reja, marino pensa una cosa e reja un’altra, e quei poverini non trovano pace….

  3. MA QUALE PROGETTO DE LAURENTIIS?!? E’ SOLO UN PAPPONE E NON ABBASSA NEMMENO I PREZZI DEI BIGLIETT! *******!
    AURELIO UN SOLO ACQUISTO TUTTO SOMMATO, CERCHI UN 3×2 A PREZZO SCONTATO…MANDA MARINO AL SUPERMERCATO!! DE LAURENTIIS VATTENE!

  4. Ma non si era detto che c’era un caso ZALAYETA perchè avrebbe rifiutato la panchina ?
    Si scopre ora che non è in condizioni fisiche ottimali ed ha bisogno di terapie specifiche.
    Ogni tanto ….emergono rivelazioni dai soliti “bene informati” e, guarda caso, sono sempre pettegolezzi che hanno come obiettivo di gettare discredito sulle persone e sull’ambiente.
    Del resto lo vediamo anche in campagna acquisti: tutti danno nomi e trattative per certi e poi…..- Non ci prendete sempre per il…fondello!

  5. Via Marino, è lui la vera rovina del Napoli.

    Secondo me gli sono stati dati troppi poteri e so per certo (lo sanno un po’ tutti in giro)e guadagna troppe percentuali su tutto, per cui i giocatori non lo sopportano più (vedi caso Domizzi).

    Mi sa che il nostro De Laurentiis si dovrebbe circondare di gente un po’ più onesta, competente ed attaccata ai colori azzurri……

  6. Marino e` colpevole della riconferma di Reja.Se confermi un allenatore devi comprare cio` che serve a quell allenatore.A me i gioco di Reja non convince ma se gli dai in mano una squadra devi metterlo in possibilita` di fargli scegliere.Marino vuole la difesa a 4 Reja non e` capace di vedere una difesa a 4 allora cosa lo riconfermi a fare. Ma soprattutto Reja, lista o non lista se non fai giocagare Santacroce e Russotto se mi sposti di ruolo Cannavaro che gia` di per se non e` un genio, se non dai mai respiro a Hamsik e Bogliacino e` infortunato e lasci fuori squadra Dalla Bona e` chiaro che facciamo le frittate.. I punti li abbiamo fatti con 1 a 0 al Bologna 1 a 0 alla Lazio 0 a 0 fuori casa con un brutto gioco.Se pero` si fanno i buchi in difesa ecco che un gol degli avversari e sufficente per demolirci.

  7. La verità è che qui a Napoli: NON CI MERITIAMO NULLA!! Perchè i primi che si tirano le disgrazie addosso siamo noi stessi!!
    napoli, like, luca…. ma che diavolo state dicendo???
    Marino non è buono, via DeLa, mandaci Corbelli…. Ma che state dicendo??

    Vi ricordo che parlate di una delle pochissime squadre del panorama calcistico Italiano ad avere i bilanci a posto (alla faccia di Dela e Marino).
    Parlate di una delle squadre in assoluto più giovani e talentuose del calcio italiano (alla faccia di Dela e Marino)!
    Parlate di una squadra che nonostante il periodo di crisi è a 35 punti e che squadre oggettivamente più forte di noi (come udinese, lazio e sampdoria) sono rispettivamente a 4, 3 e 9 punti dietro…. Segno che le crisi arrivano per tutti e la colpa non è di nessuno!
    Le crisi sono una cosa che nel calcio ci stanno e bisogna conviverci!! Le migliori Juventus e i migliori Milan in periodi di crisi hanno concluso campionati al 10 o 11° posto…. Dell’Inter non ne parliamo proprio!!
    Mo a Napoli non è possibile avere un periodo di crisi che tutti sono criminali, incompetenti e sfruttatori!! Da 4 anni a questa parte è sempre andato tutto bene (a parte i play off perso ma li è questione di fortuna e non di crisi). Poi serie C vinta, Serie B sempre intesta secondi solo alla Juve, Serie A dove abbiamo fatto tremare tutte le più grandi finendo subito in europa, il Benfica che a Napoli ha segnato 2 gol ma non sapendo nemmeno loro come… A napoli nun hann capit nient propri!!
    Mo è arrivato un periodo di flessione pure per noi… Infortunati tutti i portieri, squalifica a Mannini che non ne parliamo proprio, rigori contro inesistenti (vedi Chievo), gol in fuorigioco contro (vedi Roma), gol di mano contro (vedi Bologna) e chissà quante cose mi sto dimenticando…. Che ci vogliamo fare??!!

    Adda passà a nuttat!! E il Napoli tornerà quello di prima!! Perchè Lavezzi, Hamsik, Santacroce, Contini, Gargano, Maggio… non dimenticato come si gioca!! E torneranno a giocare!!

  8. luigi dm io ti do ragione su tutto.
    ma perchè non parliamo di reja?
    sia chiaro io spero che lui non vada mai via da napoli perchè è una gran brava persona e anche come allenatore non mi dispiace ,però,come è ovvio che sia ,tutti i cicli finiscono e io non capisco come mai ci si stia intestardendo con lui ad oltranza.
    io vi chiedo solo di fare attenzione alle sue parole dopo ogni mancato successo del napoli;sempre a parlare di episodi che se girano bene vinci se girano male non vinci.
    io penso sinceramente che con tanti allenatori bravi ed esperti che ci sono in italia sia arrivata l’ora di cambiare e lui (reja ),da grande uomo e da grande lavoratore come è, potrebbe essere un ottimo dirigente

  9. Ma scusatemi ,ora stiamo tutti a dire che Reja doveva essere mandato via?
    Ma perchè forse un altro allenatore avrebbe portato una squadra neopromossa in serie A all’ottavo posto come ha fatto Reja?
    Anche a me non piace il suo gioco speculare,ma comunque alla fine dell’anno parleranno i risultati.Nessun presidente al mondo,o dirigente che sia, tiene un allenatore che fallisce gli obbiettivi della società.
    Quindi dobbiamo avere pazienza,e ritroare quella gioia e spensieratezza che avevamo ad inizio campionato.
    Quando la stampa ci inculcava nella testa che eravamo una squadra da primi posti,era la solita storiellina ben studiata.Lo hanno fatto prima con l’Udinese,poi con il Napoli ora con il Genoa;Ma solo perchè i primi tre posti non si toccano,il quarto deve essere della Roma,altrimenti come li paga gli stipendi a Totti e company.

  10. Ho letto (condividendo e non) i Vostri interventi ed ora volevo fare una domanda a tutti (grazie in anticipo per le eventuali risposte). Andando via Reja, come ormai sembra fatto, chi preferireste vedere sulla pankina azzurra?
    Optereste per un allenatore giovane ma brillante (es. Allegri, Conte, Giannini) oppure uno di esperienza (Mancini, Donadoni)?

LASCIA UN COMMENTO