Un Bologna “abbottonato” scende a Napoli per far risultato

0
23

Il prossimo avversario: il Bologna di mister Mihajlovic.
Nel posticipo di stasera il Napoli dovrà vedersela con il Bologna di Sinisa Mihajlovic. I felsinei saranno un avversario completamente diverso rispetto a quello che il Napoli incontrò nel girone di andata e, anche in virtù del non felice momento che gli azzurri stanno attraversando, la gara sarà tutt’altro che semplice.
La squadra bolognese si presenterà al San Paolo conle idee molto chiare e con la volontà di strappare un risultato utile a muovere la propria classifica, che attualmente non desta particolari problematiche rispetto all’obiettivo della salvezza che la società si è posta ad inizio campionato e che, dopo l’avvento di MIhajlovic alla guida tecnica, non sembra più una chimera.
Il tecnico rossoblu dovrebbe schierare la propria squadra con un modulo molto "abbottonato", dovrà fare a meno di Osvaldo, Cesar, Paonessa, Castellini (infortunati) e di Bernacci ed Adailton (non convocati) ma potrà contare su Mutarelli (che dovrebbe partire dalla panchina). Ancora qualche dubbio in difesa ma sembrano favoriti, per un posto da titolare, Zenoni e Britos su Belleri e Terzi. In attacco invece l’unica punta Di Vaio (attuale capocannoniere del campionato) sarà supportata da Bombardini e Valiani, ed il centrocampo sarà composto da numerosi giocatori con caratteristiche tali da inaridire il fulcro del gioco partenopeo.
Pertanto, a supporto del portiere Antonioli, in difesa, dovrebbero essere titolari Zenoni, Britos, Moras e Lanna. A centrocampo spazio per Valiani, Mudingayi, Mingazzini, Volpi e Bombardini con Di Vaio di punta.
Nelle idee del tecnico rossoblu, quindi, la squadra dovrà frenare le iniziative partenopee grazie al robusto centrocampo e ripartire in velocità sfruttando la fantasia di Bombardini e la verve realizzativa di Di Vaio, con Volpi a dettare i tempi della manovra e pronto a sfruttare eventuali calci piazzati da posizione favorevole. Di contro, un centrocampo troppo interdittivo (che giocoforza latiterà in qualità) ed una difesa non proprio imperforabile potrebbero essere i punti deboli della formazione bolognese che, di certo, al San Paolo non avrà vita facile. Di certo non mancheranno per loro le motivazioni, non ultima quella susseguente alla volontà di onorare la scomparsa di una bandiera qual è stato Giacomo Bulgarelli per il Bologna.

Gianni Doriano – Redazione Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteNapoli-Bologna, venduti già 10mila tagliandi
Prossimo articoloNapoli, è l’ora di darsi una mossa!
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LASCIA UN COMMENTO