Platini: “Un anno a Mannini è uno scandalo”

1
24

«Uno scandalo». Non ha mezze misure le roy Michel Platini, pre­sidente dell’Uefa, che sbotta e ne ha per tutti e definisce così la sentenza-choc del Tas che ha fermato per un anno Daniele Mannini e Davide Possanzini per il ritardo all’anti-doping in Brescia-Chievo del 1 dicembre 2007.   «E’ uno scandalo e un’ingiu­stizia – afferma Platini nella sua ultima uscita – ed io, come Uefa, intendo appoggiare piena­mente la Fifa e la Federcalcio ita­liana nell’invitare la Wada a rive­dere le sue posizioni. Noi del cal­cio dobbiamo trovare un modo per contrastare la Wada e le sue ingerenze nel nostro sport – aggiungeil presidente Uefa – ormai siamo arrivati al punto dove questi della Wada fanno quello che pare a loro, quando pare a loro». Stoccatina anche al Milan: "Il mio problema non è Beckham – racconta il presidente dell’Uefa -, ma è il Milan che acquista un giocatore per tre mesi. Perché allora non acquistare un giocatore per una partita? Per una finale allora se ne potrebbero acquistare anche cinque. E’ una situazione che dobbiamo valutare".  Infine Platini assicura che l’Uefa vaglierà la proposta dell’Asso­ciazione dei Club Europei di imporre un tetto a salari e bilanci di calciomercato. L’idea è che ogni club che parte­cipa alle coppe europee potrà spendere non più di una percentuale dei propri ricavi per il monte-in­gaggi e per la campagna-acquisti. Chi sfora non avrà la licenza-Uefa. «Credo che il calcio debba darsi una certa moralità. Quando sento parlare di 150 milioni per Kaka, beh, mi sembra ridicolo».
Redazione NapoliSoccer.NET –

Condividi
Articolo precedenteCasa Palermo: seduta mattutina, Miccoli recuperato
Prossimo articoloC’è Santacroce tra i convocati di Casiraghi
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO