Reja e la margherita

4
83

Il commento di Fiorentina-Napoli
La partita inizia come al solito con il Napoli arrembante, poi i toscani prendono le misure ed il baricentro della squadra di Reja si abbassa sempre di più fino a che gli azzurri finiscono chiusi in difesa.
Gianello nei primissimi minuti di gara subisce un infortunio muscolare ed è costretto a cedere il posto al giovanissimo Sepe, giovane portiere under 18 (33° p.t.). Incomprensibile è l’attendismo di Reja che aspetta quasi mezzora prima di sostituire Gianello claudicante ed in grosse difficoltà ogni volta che i viola arrivano dalle sue parti.
Cannavaro e Rinaudo troppo distratti, discreta invece la prova di Aronica, non esente da errori, ma complessivamente sufficiente, ma troppo spazio viene lasciato ai centrocampisti della squadra toscana che progressivamente prendono d’assedio l’area azzurra. Si va al riposo sullo 0 a 0, ma è un Napoli in evidente difficoltà. Al secondo della ripresa passa la Fiorentina con un tiro di Santana favorito da un grave errore di Pazienza, forse il peggiore degli azzurri.
Il Napoli riesce subito a reagire e, dopo soli due minuti, con un tiro-cross, Vitale mette in area viola la classica palla avvelenata che entra in porta trascinata da un Frey colpevole e distratto. È il pareggio. La Fiorentina riparte e fa quello che al Napoli non riesce più da tempo, pressa gli azzurri fin dalla trequarti impedendo ogni azione ragionata e costringendo i napoletani a giocate sterili tutte appoggiate su un Lavezzi troppo propenso alle giocate personali.
La difesa va in affanno, alla mezz’ora c’è un errore in area di Cannavaro che si disinteressa di Gilardino, ma Aronica salva.
Al trentaquattresimo la palla arriva a sinistra, la difesa non scala e Montolivo viene messo in condizione di tirare. Sepe liscia il pallone… è il vantaggio della Fiorentina.
Mi accorgo adesso che non ho parlato delle azioni d’attacco del Napoli, forse perché non si sono viste giocate degne di essere ricordate. Bogliacino tiene discretamente il campo per ottanta e passa minuti, Zalayeta no: troppo lento, sempre troppo lontano dalla porta e sempre dietro il suo avversario. Dov’è finito il panterone?
Un Napoli, in sostanza, deficitario, catenacciaro e rinunciatario, con Reja a sfogliare margherite incapace di decidere… alcuni giurano di aver sentito dire Cambio… Non Cambio… Cambio… Non Cambio… Russotto… Mannini…
Domenico Infante – Redazione Napolisoccer.NET









4 Commenti

  1. è proprio vero….fosse entrato prima uno tra russotto o mmannini forse cambiava qualcosa…ma ormai non serve parlare con il senno di poi….reja non cambia mai…in tutti i sensi….

  2. ….. chiedo solo una cosa ma un allenatore dell’esperienza di Reja, come fa a mettere in campo uno giocatore come Montervino? che rimarrà sempre nei nostri cuori, per quello che ha fatto, non per quello che fa. Montolivo se ne andato sulla fascia e lui lo ha guardato , non ha preso una palla ed inoltre l’unica azione dove si poteva pareggiare è riuscito a toccare la palla di mano e farsi espellere… non è da Serie A……. non che Pazienza sia stato meglio….. anzi con i soldi spesi per quest’ultimo, si comprava qualche vero mastino del centrocampo giovane e intraprendente…. che delusione.

  3. Evidentemente hai commentato una partita senza vederla:
    2° tempo
    Tiro di Zalayeta, respinto da Frey
    Colpo di testa centrale, di Zalayeta
    Punizione pericolosa di Lavezzi respinta da Frey
    nell’ultimissimo minuti pnizione di Lavezzi smanacciata in angolo da Frey
    Quante occasioni da goal ha avuto la fiorentina nel 2° tempo:
    Per favore, se dovete commentare una partita, almeno fatelo in modo neutrale e non prevenuto!!!

  4. credo che tutti i tifosi si sono accorti che il Napoli non ha più un gioco, basta che gli abvversari ci pressino un poco e vanno tutti in tilt e non si può sempre aspettare il miracolo da Lavezzi.
    Basta con i soliti Pazienza e Montervino, ci sono giocatori più validi e non è giusto che giochino solo 10 minuti a partita e solo quando le cose si mettono male (vedi Russotto), non si possono perdere tante partite consecutivamente, ora iniziamo a perdere anche in casa, cosa si aspetta???

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here